Skip to content

La tutela dell'assicurato in qualità di consumatore

Il Codice delle Assicurazioni

Da molti anni le associazioni dei consumatori avvertivano la necessità di interventi legislativi tesi a semplificare e razionalizzare l’intera normativa del settore assicurativo, rimettendo ordine in una disciplina che dopo il Testo Unico del 1959 e quasi ’60 anni di stratificazione normativa appariva sempre più frammentaria, disorganica e, perciò, inadeguata rispetto alle esigenze di protezione degli assicurati.
A tali istanze il legislatore diede risposta con l’emanazione del "Codice delle Assicurazioni private" che oggi raccoglie tutte le fonti vigenti in materia adeguando la normativa agli indirizzi europei e delegificando vasti settori la cui disciplina è rimessa all’attività regolamentare dei ministeri e/o dell’ISVAP.

Il codice delle assicurazioni, oltre ad una utile razionalizzazione e semplificazione delle norme in materia RCA, presta -ed è questo probabilmente l’aspetto più rilevante -particolare attenzione agli interessi dei consumatori/assicurati, alla trasparenza delle polizze e procede al rafforzamento dei poteri sanzionatori e di vigilanza attribuiti all’ISVAP.

In conformità con la nuova normativa del Codice del Consumo, che si prefigge di tutelare i contraenti deboli (i consumatori) rispetto a coloro che nel rapporto negoziale sono più forti (le imprese), anche il nuovo Codice delle Assicurazioni si propone di porre rimedio alla situazione di forte asimmetria contrattuale fra Compagnie assicurative e assicurati obbligando le stesse a fornire al cliente informazioni complete e corrette, sia mediante consegna di precise e comprensibili note informative prima della sottoscrizione della polizza, sia prevedendo per gli operatori del settore precisi obblighi di correttezza e trasparenza.
Tali prescrizioni si fondano sul presupposto che il contratto in esame è un contratto per adesione: il contraente di conseguenza non può influire sulle garanzie assicurative né sulle singole clausole, può solo decidere se aderire o meno a ciò che gli viene prospettato.

Il nuovo Codice propone perciò un nuovo modo di concepire la tutela del consumatore fondato sull’obbligo del proponente della polizza di prendere in considerazione le effettive esigenze dell’assicurato e proporgli la copertura assicurativa a lui più congeniale.
A garanzia di tale tutela sono previsti precisi obblighi informativi per le Compagnie, la cui violazione comporta l’applicazione di pesanti sanzioni da parte dell’ISVAP a seguito del rafforzamento delle sue funzioni sanzionatorie e di vigilanza.
All’Istituto è inoltre demandata la regolamentazione delle metodologie di informazione ai consumatori-clienti nella fase pre-contrattuale e ne viene perfezionato anche il tradizionale ruolo di gestione dei reclami presentati dagli stessi.
Infine, a norma dell’art. 191, all’ISVAP viene demandato il compito di procedere all’attuazione delle norme contenute nel Codice mediante disposizioni regolamentari di carattere generale il cui oggetto è definito dalla stessa norma al comma 1°.
L’Istituto, in attuazione di tale disciplina, ha proceduto alla razionalizzazione degli interventi regolamentari succedutisi in anni passati; ove invece si è ravvisata l’esigenza di innovare si è privilegiato un approccio "principle based" con la fissazione di obiettivi e requisiti di carattere generale.
Si è fatto ricorso al "principio di proporzionalità" nei casi in cui l’implementazione delle disposizioni poteva essere calibrata dalla singola impresa in rapporto alle dimensioni, alla natura e alla complessità del proprio business.
Inoltre, l’attività regolamentare è stata sempre preceduta da una fase di pubblica consultazione e ispirata alla massima trasparenza anche mediante pubblicazione sul sito dell’Autorità del documento ("Esiti della pubblica consultazione") con le osservazioni pervenute e le conseguenti risoluzioni adottate e adeguatamente motivate.
A fronte di tale attività sono stati emanati dal 2006 ad oggi numerosi regolamenti diretti a migliorare il livello di protezione del contraente-assicurato – e più in generale dei consumatori – nei rapporti con la controparte contrattuale – cioè la compagnia.
Tra questi si possono ricordare: il Regolamento del 19 maggio 2008, n. 24 che regola la procedura di gestione dei reclami e le modalità di presentazione degli stessi all'ISVAP e alle imprese.
L’aspetto più importante di tale disciplina riguarda l’attuazione del comma 2° dell’art. 183 da cui deriva l’introduzione di regole di comportamento e obblighi per imprese e intermediari a protezione dell'assicurato sia nella fase dell'offerta del prodotto che nell'esecuzione dei contratti.

Il Reg. ISVAP 11 giugno 2009, n. 32 recante la nuova disciplina delle polizze vita caratterizzate dall’elevato contenuto finanziario delle prestazioni offerte che sono direttamente collegate ad un indice azionario o altro valore di riferimento (cc.dd. index linked e unit linked) variamente articolati nella composizione e modalità di partecipazione al rischio di investimento per l’assicurato.
Tale disciplina è di particolare importanza perché si pone in linea di continuità con i precedenti interventi dettati dall’evoluzione del mercato delle polizze linked – che ha contraddistinto il settore ed ha visto la diffusione di queste particolari tipologie di polizze – e si colloca nell’ambito delle molteplici iniziative di vigilanza assunte dall’Autorità per far fronte alla crisi dei mercati finanziari di questi anni i cui effetti si sono riversati anche sul settore assicurativo.

Infine, meritano un cenno i Regolamenti ISVAP, 19 marzo 2010, n. 34 e, 26 maggio 2010, n. 35: il primo disciplina la promozione e il collocamento a distanza di contratti assicurativi e mira a garantire un livello di informazione del contraente adeguato alle peculiarità dell’oggetto di contrattazione.
Il secondo disciplina invece obblighi di informazione e pubblicità dei prodotti assicurativi di cui al titolo XIII del Codice delle Assicurazioni consentendo così anche al settore assicurativo, al pari di altri settori, quali quello bancario e finanziario, di vantare un’adeguata disciplina degli obblighi informativi a tutela del contraente.

Il testo in esame, ribattezzato "Regolamento trasparenza", riprende in buona parte le disposizioni precedentemente emanate dall’Istituto di vigilanza nella forma delle circolari nell’ottica del riassetto e semplificazione dell’informazione, anche pubblicitaria, operando però un’estensione del suo raggio d’azione a temi ulteriori rispetto agli obblighi informativi e incidenti sul contenuto negoziale.
Viene perseguito così, sotto un profilo generale, l’obiettivo di coniugare standardizzazione e flessibilità dei documenti con sinteticità e chiarezza dell’informazione verso gli assicurati e viene agevolata la comparabilità dei prodotti offerti dalle compagnie.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La tutela dell'assicurato in qualità di consumatore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Longu
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paoloefisio Corrias
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

squilibrio contrattuale
assicurato consumatore
pubblicità prodotti assicurativi
contratti per condizioni generali
obblighi informativi ex art. 183 cod. ass.
clausole vessatorie nel settore assicurativo
vendita prodotti assicurativi a distanza
vendita prodotti assicurativi fuori sede

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi