Skip to content

Libertà e utopia nella riflessione di Herbert Marcuse

Al di là del principio di prestazione: possibilità del rovesciamento della quantità in qualità

L’ipotesi di una società priva di meccanismi di repressione non è più una nozione astratta e utopistica. Due sono i fattori che, secondo Marcuse, permettono di parlarne in termini attendibili e con cognizione di causa. In primo luogo alcuni elementi teorici presenti nella riflessione di Freud; in secondo luogo le potenzialità liberatrici latenti nel progresso tecnologico. La rielaborazione critica del pensiero freudiano operata dal filosofo di origine ebraica mostra che l’idea di una civiltà non repressiva non conduce necessariamente a una contraddizione di ordine logico-formale, quindi esistono le condizioni teoretiche per soffermarsi sulla prospettiva di una sua realizzazione nella pratica storica.
L’attenzione non è più rivolta all’aspetto puramente speculativo, ma si concentra sul livello dell’organizzazione economica, politica e tecnica del tardo capitalismo e del suo apparato. È un’analisi che accantona il momento squisitamente filosofico per evidenziare come le tendenze della moderna società industriale pongano le basi per la sua autodistruzione. Infatti l’enorme incremento della produttività, dovuto allo straordinario sviluppo tecnico-scientifico e alla crescente automazione, ha permesso di avere una sovrabbondanza di beni materiali con una notevole riduzione delle ore lavorative e dell’energia umana. Queste capacità tecnologiche potrebbero ‘regalare’ alle persone molto più tempo libero di quanto non ne abbiano ma i avuto nella storia dell’umanità e potrebbero liberare gli istinti dalla tirannide della necessità repressiva e della ragione repressiva. In Eros e civiltà Marcuse dichiara che: ”le conquiste stesse della civiltà repressiva sembrano creare le condizioni preliminari di una graduale abolizione della repressione.” In Psicanalisi e politica è ancora più chiaro e incisivo:

le conquiste del progresso repressivo annunziano il superamento dello stesso principio repressivo del progresso. Diventa prevedibile una situazione in cui non esiste una produttività che è nel contempo il risultato e la condizione della rinuncia, e in cui non ci sia alcun lavoro alienato: una situazione in cui la crescente meccanizzazione del lavoro renda possibile che una parte sempre maggiore di quella energia istintuale, prima sottratta per il lavoro alienato, venga restituita nella sua forma originaria; in altre parole, che possa venire ritrasformata in energia degli istinti di vita.

La formidabile e impressionante evoluzione tecnologica del XX secolo ha creato le condizioni per quello che Marcuse definisce il rovesciamento della quantità in qualità. Ma affermare la possibilità di questa trasformazione non vuol dire solo illustrare l’eventualità puramente ipotetica di una società non repressiva; significa anche, e soprattutto, individuare il potenziale di emancipazione già all’interno dell’ordine repressivo esistente. Nel negativo si cela già il positivo.
Molto importante è sottolineare che il rinnovamento sociale determinato da questo rovesciamento non è semplicemente il risultato ultimo di un processo evolutivo lineare, ma è il prodotto di un vero e proprio salto di qualità, in quanto è in grado di abolire il principio di prestazione e cambiare le caratteristiche della lotta per l’esistenza. Marcuse precisa che la differenza tra mutamento quantitativo e mutamento qualitativo risiede nel fatto che il primo si limita a migliorare una condizione di vita intollerabile e, generalmente, avviene all’interno dell’insieme costituito, parallelamente alla sua crescita; invece il secondo trasforma la società nel suo complesso, incide sulla sua struttura portante, quindi prevede una ricostruzione dell’intero sistema. È un processo intimamente legato all’estensione della meccanizzazione, quindi è inimmaginabile in altri periodi storici.
Evidente è l’eredita del materialismo storico. Infatti ne: L’ideologia tedesca Marx ed Engels sostengono che la miccia rivoluzionaria può essere accesa solamente in seguito alla scintilla provocata dall’immiserimento della gran massa dell’umanità e dalla sua contrapposizione all’esiguo numero dei privilegiati. Ma la formazione di queste due condizioni presuppone, a sua volta, un grande incremento delle forze produttive e un alto grado del loro sviluppo, senza i quali si avrebbe solo la generalizzazione della miseria e con il bisogno risorgerebbe di nuovo anche il conflitto per il necessario.
La differenza sostanziale tra le due posizioni risiede nel fatto che per Marx ed Engels parlare dell’enorme sviluppo della produttività come fattore determinante per il cambiamento sociale significa individuare una tendenza storica del sistema capitalistica: è una previsione basata sulla lettura di specifiche dinamiche economiche. Invece per Marcuse significa fotografare la realtà in atto: è la constatazione di un dato incontrovertibile.
Marcuse sottolinea come l’automazione sembri essere il fattore dirompente della società industriale avanzata, in quanto opera un mutamento profondo nella base materiale. Rappresenta lo strumento tecnico del passaggio dalla quantità alla qualità. Egli la chiama il ‘grande catalizzatore’. La completa meccanizzazione dell’industria è strettamente legata a un processo di trasformazione della forza lavoro, in base al quale quest’ultima, separata dall’individuo, diventa un oggetto produttore indipendente e quindi un soggetto autonomo. Se il processo di produzione materiale diventasse totalmente automatizzato, sarebbe in grado di rivoluzionare l’intera società. Infatti la reificazione della forza lavoro umana, portata alla perfezione, spezzerebbe la forma reificata, tagliando la catena che lega l’individuo alla macchina, cioè al meccanismo per mezzo del quale il suo stesso lavoro lo rende schiavo. Con l’automazione integrale del regno della necessità il tempo libero diventerebbe la dimensione principale dell’esistenza umana e sociale dell’uomo. Si avrebbe, così, la trascendenza storica verso una nuova civiltà.
Un futuro di libertà è estremamente attuale ed è possibile proprio grazie ai successi ottenuti dal nemico da abbattere. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Libertà e utopia nella riflessione di Herbert Marcuse

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Wilmar Gorgoglione
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Luciano Frasconi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 233

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marcuse libertà utopia felicità uomo eros società
omologazione uniformità ordine costituito
pensiero a una dimensione società a una dimensione
pensiero unico libertà amministrata repressione
meccanismo di controllo sociale opulenza
moderna società industriale post-industriale
scuola di francoforte teoria critica liberazione
l'uomo a una dimensione eros e civiltà
la fine dell'utopia psicanalisi e politica
la tolleranza repressiva marx hegel adorno

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi