Skip to content

Rappresentazione della famiglia nella fiction

Il conflitto intergenerazionale, stereotipi e luoghi comuni

All’interno dei nuclei familiari rappresentati nelle fiction si susseguono dinamiche che intercorrono tra i vari componenti che rappresentano le diverse generazioni e culture, stabilendo così degli stereotipi di facile riconoscimento per il pubblico.
Come vedremo i seguito, lo sviluppo dei valori individualistici ha infatti ribaltato la concezione stessa del ruolo della famiglia, originariamente un’istituzione sacra al cui bene dei singoli membri dovevano votarsi e all’occorrenza sacrificarsi, successivamente una convivenza costituita in funzione del bene di ogni singolo membro.
Il processo di globalizzazione, che ha reso insostenibile la crisi fiscale dello Stato in molti paesi industrializzati, ha avuto ulteriori importanti conseguenze sulla struttura e le funzioni dei nuclei di convivenza.
In questo la fiction negli ultimi anni si è tenuta molto vicina alla realtà di rappresentare convivenze e famiglie nucleari, famiglie allargate e ricomposte, seguendo la profonda trasformazione della struttura e delle funzioni svolte dai nuclei di convivenza, che appaiono sempre meno istituzione e sempre più assumono i tratti instabili e adattivi del processo sociale.
Dal sito treccani, la definizione di stereotipo: «opinione precostituita su persone o gruppi, che prescinde dalla valutazione del singolo caso ed è frutto di un antecedente processo d’ipergeneralizzazione e ipersemplificazione, ovvero risultato di una falsa operazione deduttiva. Questo termine fu usato per la prima volta con questa accezione dal giornalista Lippman.
La maggior parte delle definizioni di sottolineano gli aspetti di ipersemplificazione e impermeabilità all’esperienza. Se valutati secondo i canoni della logica gli stereotipi si presentano, dunque, come strumenti di pensiero “pseudo-logici”. La cosiddetta erroneità o falsità degli stereotipi è stata analizzata sia con riferimento al processo che porta alla loro formazione (errori formali), sia con riferimento al loro contenuto (errori di fatto o osservazioni non conformi al vero).
Quando si parla di stereotipo in genere si fa riferimento agli s. sociali, ossia a credenze condivise da più persone (mentre gli stereotipi personali rappresentano le opinioni di un singolo individuo).
Gli stereotipi sociali o di gruppo sono stati definiti operativamente nei termini della proporzione di membri di un gruppo che sono d’accordo nell’attribuzione di “etichette” ai membri di un altro gruppo (eterostereotipo) o ai membri del proprio gruppo (autostereotipo). È dalla dinamica dei rapporti interpersonali che emerge più chiaramente la funzionalità degli stereotipi: risparmio di energia psichica, funzione d’integrazione dell’individuo nel gruppo, funzione egodifensiva».
Stereotipi e luoghi comuni comprendono una varietà di opinioni su gruppi sociali basate su etnia, sessualità, nazionalità, religione, politica e propensioni, ma anche professione, status sociale e ricchezza.
Diversi stereotipi esistono all'interno di grandi gruppi, e sono legati ai vari sottogruppi che esistono all'interno di questi.
Un luogo comune è un'opinione (non necessariamente “vera”) o un concetto la cui diffusione, ricorrenza o familiarità ne determinano l’ovvietà o l’immediata riconoscibilità.
Il termine deriva dalla locuzione latina locus communis, la piazza (il forum), dove le persone si incontravano e conversavano. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Rappresentazione della famiglia nella fiction

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Grazia La Selva
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi del Molise
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze del servizio sociale
  Relatore: Ivo Stefano Germano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
famiglia
mass-media
sociologia della famiglia
genitorialità
fiction
modelli familiari
conflitto intergenerazionale
i cesaroni
un medico in famiglia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi