Skip to content

Filosofia ebraica o esperienza marrana? A proposito del dibattito sulle fonti del pensiero di Spinoza

Mortera e la polemica anti-cristiana

Se è possibile tratteggiare momenti cabbalistici nel pensiero di Spinoza, lo è altrettanto discutere quelli di raccordo tra le sue concezioni e quelle dei custodi della tradizione. Tra tutti, quelle avanzate dal potente Mortera, rabbino che, non a caso, abbiamo più volte visto emergere, come importante figura di riferimento, negli anni intorno ai quali Spinoza si diede una formazione.
Le notizie sulla vita di Mortera non sono molte né è facile stabirne l’attendibilità quando non la certezza.
Da Herman Salomon apprendiamo che nacque a Venezia nel 1596 e si ritiene sia stato allievo del teologo e poeta Leone da Modena, appartenente, come Mortera, alla comunità askenazita della cità. Dal 1612 fu segretario di Felipe Rodrigues Montalto, exmarrano di origine portoghese, che a Venezia era tornato a professare la religione natia e vi aveva composto un libello anti-cattolico. Mortera seguì Montalto a Parigi, dove questi era stato nominato psicologo di Corte, facendogli anche da mentore per i suoi studi di ebraismo, cui Montalto si dedicava con assiduità, fino al 1616, quando Montalto morì e Mortera accompagnò il suo corpo imbalsamato ad Amsterdam perché fosse seppellito.
Ad Amsterdam Mortera si legò alla congregazione sefardita Bet Ya’acob e nel 1619, poco più che ventenne, ricevette il titolo di Hakham. Quando le tre congregazioni sefardite di Amsterdam si fusero, nel 1639, Mortera, in qualità di anziano tra gli Hakhamim, divenne capo dell’ora unica Sinagoga portoghese di Amsterdam, quella da cui fu lanciata la scomunica a Spinoza nel 1656.
Nel 1659 iniziò la stesura del suo Tratado da Verdade da Lei de Moisés e morì nel 1660, lasciando incompiuto il suo magnum opus, rimasto inedito fino al 1988.
L’attività omiletica di Mortera fu imponente: nel suo Giv’at Sha’ul, pubblicato nel 1645, sono annotati, riferisce Salomon, 500 sermoni tra quelli che Mortera pronunciò in sinagoga dal 1639 in poi, insieme ad altri 50 in ebraico, composti nello stesso periodo, che compaiono in forma di abbozzo. Tuttavia gli studenti di Mortera, che raccolsero il materiale, avvertirono, nell’introduzione al testo, che, alla data della pubblicazione il numero effettivo dei sermoni ammontava a 1.400, una media di 50 all’anno.
Nel 1990, dagli archivi del Seminario Rabbinico di Budapest emerse un manoscritto olografo di Mortera, in cinque volumi, contenente 550 abbozzi di sermoni in ebraico intitolato anch’esso Giv’at Sha’ul. Marc Saperstein ha compiuto uno studio approfondito di questo manoscritto, che, nota Salomon, è il corpus omiletico più esteso che un autore ebraico abbia mai composto prima del diciannovesimo secolo.
Salomon indica come unico sermone pubblicato in lingua portoghese, vivente Mortera, quello pronunciato nel 1652, in occasione dei funerali di un suo discepolo, Moseh de Mercado, sermone corrispondente a uno degli abbozzi in ebraico rinvenuti a Budapest. C’è però un altro sermone in portoghese sul quale Salomon sofferma la sua attenzione e di cui troviamo il corrispondente ebraico tra quelli di Budapest.
Il sermone si intitola Para Aduma (Vacca Rossa) e si apre, come tutti i sermoni di Mortera, con il nose, un versetto o un testo che indicano il tema del discorso, qui l’incipit di Numeri 19, 2 (Zot huqqat ha-torah: Questa è una prescrizione della Legge che il Signore ha ordinato), seguito da un ma’ amar, un detto o discorso rabbinico, in questo caso tratto dal Midrash Bemidbar Raba; sia il nose che il ma’amar vengono riportati prima nell’originale ebraico e poi nella loro traduzione portoghese. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Filosofia ebraica o esperienza marrana? A proposito del dibattito sulle fonti del pensiero di Spinoza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Savino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia e storia della filosofia
  Relatore: Myriam Silvera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 222

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

maimonide
diaspora
spinoza
herrera
scomunica
halakha
mortera
herem
torà
marranesimo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi