Skip to content

Caratterizzazione dei tessuti muscolari tramite misure di Spettroscopia ad Impedenza Elettrica

Spettroscopia ad Impedenza Elettrica (EIS)

Recenti applicazioni relative a misure effettuate sui sistemi biologici allo scopo di caratterizzare lo stato di organi e tessuti propongono più frequentemente una tecnica nota come Spettroscopia ad Impedenza Elettrica [Clemente et al., 2010], il cui acronimo è EIS: in letteratura si trova in realtà anche il termine BIS ("Spettroscopia ad Impedenza Bioelettrica") equivalente al precedente.

La BIS rappresenta un’evoluzione della BIA poiché prevede misure in un intervallo di frequenze esteso: in particolare la BIS è risultata estremamente utile dal momento che le misure di impedenza bioelettrica multifrequenza possono garantire una differenziazione tra compartimenti intra-ed extra-cellulari dei distretti corporei (aspetto che assume un valore considerevole nella valutazione dello stato clinico e nutrizionale del paziente [Chumlea & Guo, 1994]).

A livello sperimentale tale tecnica è stata usata per: rilevazione dell’ischemia dei tessuti [Ristic et al., 1997], studio dei tumori della pelle [Aberg et al., 2004] e di alcuni carcinomi. Recenti studi hanno provato che tale tecnica può essere utilizzata anche per la valutazione dell’osteointegrazione di protesi metalliche: si è cercato di dimostrare come la EIS possa svolgere un ruolo prezioso in ambito clinico nel monitoraggio del processo di osteointegrazione delle protesi acustiche di tipo BAHA durante il decorso post-operatorio [Clemente et al., 2010].

La EIS viene utilizzata anche in numerosi ambiti industriali, quali ad esempio:
* la caratterizzazione di elettrodi ed elettroliti solidi come celle combustibili, batterie ricaricabili e dispositivi a semiconduttore;
* la determinazione delle proprietà dielettriche di alcuni materiali come i composti di gomma;
* le applicazioni industriali per il controllo della fabbricazione di materie plastiche termoindurenti ed adesive, per il monitoraggio della quantità di acqua presente nel calcestruzzo e l’analisi della resistenza alla corrosione di alcune leghe di titanio.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Caratterizzazione dei tessuti muscolari tramite misure di Spettroscopia ad Impedenza Elettrica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Nicolangelo De Santis
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Biomedica
  Relatore: Fabrizio Clemente
Coautore: Mario Cesarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

labview
muscoli
contrazione
bioimpedenza
proprietà elettriche
miografia
muscolo flessore ulnare del carpo
muscolo flessore superficiale delle dita
modello elettrico
muscoli flessori dell'evambraccio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi