Skip to content

I vincoli preordinati all'esproprio tra reiterazione e indennizzo

Soggetti e oggetti a capo de diritto di espropriazione

Il Testo Unico oltre alle disposizioni legislative e ai regolamenti in materia di espropriazione per pubblica utilità, definisce i soggetti appartenenti al procedimento espropriativo, quali:

• beneficiario

• espropriato

• autorità espropriante

• promotore dell'espropriazione

Per beneficiario dell'espropriazione si intende il soggetto, pubblico o privato, in favore del quale a conclusione del procedimento viene emesso il decreto di esproprio. Normalmente è una persona giuridica pubblica, ma può essere anche un soggetto privato, potrebbe anche non coincidere con l'autorità espropriante, (si pensi ad esempio ad un appezzamento di terreno espropriato dalla pubblica amministrazione in favore di una impresa privata che intende costruirvi un complesso industriale di interesse nazionale).

L'espropriato è il soggetto a carico del quale è promossa la procedura espropriativa, cioè il soggetto a cui viene imposto il sacrificio del diritto. È normalmente un privato, ma può anche essere una persona fisica, o giuridica limitatamente però ai soli beni patrimoniali disponibili. La sua individuazione avviene tramite i registri catastali, salvo che l'autorità espropriante non abbia ricevuto "tempestiva notizia" ovvero sia a conoscenza di una effettiva situazione di appartenenza degli immobili, diversa da quella ufficiale (art. 3, comma 2). Secondo l'articolo 3 comma 3, "Colui che risulta proprietario secondo i registri catastali e riceva la notificazione o comunicazione di atti del procedimento espropriativo, ove non sia più proprietario è tenuto di comunicarlo all'amministrazione procedente entro trenta giorni dalla prima notificazione, indicando altresì, ove ne sia a conoscenza, il nuovo proprietario, o comunque fornendo copia degli atti in suo possesso utili a ricostruire le vicende dell'immobile".

Per autorità espropriante si intende quell'organo amministrativo titolare del potere di espropriare e che cura il relativo procedimento, ovvero il soggetto privato, al quale sia stato attribuito il potere in base alla norma (articolo 3 comma 1 lettera b). L'articolo 6, d.p.r. 08/06/2001, n 327, prevede che il procedimento di espropiazione rientra nella competenze dell'autorità che deve realizzare un opera pubblica o di pubblica utilità. Il testo unico, nell'ottica della semplificazione del procedimento, considera l'espropriazione uno strumento nei confronti della realizzazione di queste, che è lo scopo per il quale serve l'acquisizione del bene. La normativa, in base a tale valutazione, ha ritenuto competente di tutto il procedimento espropriativo solo l'autorità espropriante a cui spetta l'esecuzione dell'opera. Non vi è più, come in precedenza, un'altra autorità che emette il decreto di esproprio, vale a dire il Prefetto, in base alla l. 25/06/1865, n 2359, o il Presidente della giunta regionale, ai sensi della l. 22/10/1971, n 865. L'autorità espropriante ha sia il potere di emettere il decreto di esproprio sia quello di seguire tutto il procedimento di espropriazione ed essa è individuata in relazione alla competenza su tutto i procedimento espropriativo.È prevista anche la possibilità che l'opera sia eseguita da un concessionario; in questo caso, allo stesso è delegato anche il potere espropriativo e, di conseguenza gli viene anche attribuita la qualifica di autorità espropriante. Subentra, in tal modo, nella titolarità e nella conduzione della procedura ablativa con ovvie conseguenze sul piano delle responsabilità, infatti sarà tenuto a rispondere direttamente ed esclusivamente dei danni cagionati a terzi dall'opera pubblica e delle obbligazioni strumentalmente preordinate alla sua esecuzione, sia che gli stessi derivino da attività legittima, sia che derivino da illecito aquiliano. Il concessionario dell'esecuzione di un opera pubblica a cui è assegnato il potere d'esproprio, anche nel caso sia un privato, deve applicare le disposizioni pubblicistiche sul procedimento per questo i relativi atti sono affidati alla giurisdizione del giudice amministrativo.

Il promotore è il soggetto, pubblico o privato, che richiede l'espropriazione. Il beneficiario, in favore del quale è emesso il decreto di esproprio, è colui che acquista la titolarità del diritto di proprietà sul bene. Il promotore, qualora la pubblica utilità dell'opera non sia dichiarata ex lege può chiedere che venga dichiarata ai sensi dell'art.16 T.U. In tale evenienza egli deve depositare presso l'ufficio delle espropriazioni il progetto dell'opera e i documenti considerati importanti; una relazione sommaria che indichi la natura e lo scopo delle opere in progetto; i nulla osta, le autorizzazioni e gli altri atti di assenso eventualmente previsti dalla normativa vigente. L'amministrazione deve inviare l'avviso dell'avvio del procedimento ai sensi degli art.7 e 8 della l.241/90 e deve trasmettere lo schema dell'atto di approvazione del progetto agli espropriandi, garantendo, in tal modo, la giustizia del procedimento amministrativo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I vincoli preordinati all'esproprio tra reiterazione e indennizzo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pasquale Nannarone
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Architettura
  Corso: Urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale
  Relatore: Lorenzo Casini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 40

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cessione
testo unico
espropriazione
reiterazione
aree urbane
retrocessione
esproprio di terreni
vincoli preordinati
diritto dell'indennità
comune di formia
occupazione temporanea di aree
valutazione dell'indennità
appia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi