Skip to content

La preistoria: il luogo delle esperienze umane. Sviluppi metodologici e forme storiografiche

Storia e archeologia: un tentativo di conciliazione

La questione del rapporto tra la storia e l’archeologia si esplica nell’esigenza di individuare un punto di equilibrio tra i sistemi di fonti relative alle diverse discipline, considerando che ciascuno propone informazioni di tipo diverso, che non necessariamente sono comparabili e soprattutto non sempre si integrano tra loro.
Non sempre i dati offerti dai resti materiali possono agevolmente trasformarsi in conoscenze storiche. A volte nulla rivelano circa gli assetti sociali o istituzionali di una comunità, dei comportamenti o delle convinzioni dei suoi membri o più semplicemente degli eventi che abbiano coinvolto singoli soggetti.
È opportuno, allora, stabilire in che termini l’una disciplina possa contribuire all’altra senza istituire correlazioni frettolose e senza forzare i dati, evitando di cercare riscontri archeologici a ogni testimonianza letteraria e viceversa.

Come Manacorda ha osservato, i due tipi di fonti possono stimolarsi e sorvegliarsi reciprocamente, ma occorre tenere presente che registrano una serie di dati che possono collocarsi in prospettive temporali non omogenee.
I resti materiali documentano situazioni puntuali e ci illuminano circa i processi di lunga durata, i quali riflettono le strutture profonde delle società. Si pensi all’evoluzione degli insediamenti messa in luce dalla lettura stratigrafica o alle forme di distribuzione dei manufatti.
Le scansioni cronologiche dei resti materiali sono effetto di diversi fenomeni culturali, in cui anche l’ambiente gioca un ruolo rilevante. La loro percezione spesso sfugge agli stessi protagonisti e non ricalca necessariamente le scansioni indotte dagli eventi di natura politico-istituzionale e militare.
Le cesure prodotte dall’archeologia non coincidono con quelle prodotte dalla storia raccontata dalle fonti scritte. Queste ultime aspirano alla descrizione dettagliata di un evento. Per converso, le fonti archeologiche contengono in sé sempre un dato parziale. La certezza del dato storico non implica necessariamente la sua confutabilità archeologica e, viceversa, la presunta oggettività del dato archeologico non implica la certezza della sua spiegazione.

L’archeologia si affida alla prevalente capacità del ricercatore d’individuare, classificare ed interpretare gli indizi nel loro contesto, confrontandoli mediante un sistema di conoscenze a più ampio spettro.

Ciò detto appare inopportuno qui insistere sul tema relativo al contributo che le fonti archeologiche offrono oppure no alla ricostruzione storica. Occorre semmai interrogarsi sulla utilità se questo genere di fonti servano da verifica a ciò che ci offre la fonte documentaria scritta. Emblematica l’osservazione di Lucien Febvre, importante esponente della scuola delle Annales, il quale, tentando un ampliamento del concetto di “documento” ha sostenuto che “la storia si fa senza dubbio con documenti scritti. Quando ce n’è. Ma si può fare, si deve fare senza documenti scritti, se non esistono […] Con le forme del campo e delle erbacce. Con le eclissi di luna e gli attacchi dei cavalli da tiro. […]. Non è forse vero che una parte, e quella più appassionante senza dubbio, del nostro lavoro di storici consiste nello sforzo costante di far parlare le cose mute, far dire loro quel che da sole non dicono sugli uomini o sulle società che le hanno prodotte, fino a costituire fra loro quella vasta trama di solidarietà e di ausili reciproci, capace di supplire all’assenza del documento scritto?”.

Febvre poneva, in questo modo, l’accento sulle lacune della documentazione scritta e sugli ambiti di ricerca che si spalancavano all’archeologia intesa come scienza storica, la quale avrebbe introdotto nuovi protagonisti e allargato l’indagine a territori ancora inesplorati. Non sono mancati nel corso degli anni i confronti, talvolta accesi, tra storici ed archeologi, poiché anche studiosi di altissimo livello hanno ripetutamente espresso scetticismo sulla qualità dei dati archeologici e sulla possibilità di trarre implicazioni macro-economiche e di lungo periodo dai dati quantitativi offerti dalle testimonianze materiali ritenute non utilizzabili quali indicatori significativi dei fenomeni economici e dei relativi risvolti demografici e sociali.

Concretamente si è negata ogni validità a quei messaggi preterintenzionali espressi da alcune categorie di documenti archeologici. I progressi compiuti dall’archeologia sullo studio della cultura materiale hanno gradualmente smentito la chiusura storiografica che ha spesso caratterizzato lo studio delle società antiche. Che l’archeologia non possa coprire alcuni aspetti centrali della ricerca storica è indubbiamente vero, ma è anche vero che per la storia della cultura materiale le fonti letterarie offrono in genere informazioni molto parziali, anche se apparentemente sistematiche.

Se fenomeni connessi alla tecnologie, alle forme di sussistenza e di scambio sono più facilmente accessibili tramite l’archeologia, la portata delle difficoltà cresce a mano a mano che si vogliano cogliere archeologicamente gli aspetti dell’organizzazione politica e sociale, della mentalità e dell’ideologia.
Un sistema politico è qualcosa di molto elusivo in termini materiali e, tuttavia, a ben guardare fenomeni essenzialmente politici connessi alla fondazione di una città, alla pianificazione e allo sviluppo urbano, alla formazione di alleanze e all’ampliamento del territorio, possono essere indagati anche attraverso il metodo archeologico e talvolta partire soltanto da esso. È proprio dagli indicatori archeologici delle società primitive che è stato possibile elaborare modelli di organizzazione sociale e politica utilizzabili anche per la comprensione delle società di piena età storica.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La preistoria: il luogo delle esperienze umane. Sviluppi metodologici e forme storiografiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonietta Miglialo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Alfonso Tortora
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia
scrittura
bloch
metodo storico
presistoria
neolitizzazione
metodologia storica
fonte storica
documento storico
rilevanza storica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi