Skip to content

Il Responsive Web Design per le organizzazioni non profit

Quando e perché usare il responsive web design

Il responsive web design, ancorché molto diffuso, non è, a oggi, il sistema standard di design del web. È ancora necessario valutare caso per caso se usare queste tecniche oppure, al contrario, se sia preferibile implementare tradizionali siti mobile indipendenti o applicazioni native, cioè applicazioni sviluppate per specifiche piattaforme (iOS, Android, Windows Phone, ecc.) in specifici linguaggi di programmazione, i cui dati sono salvati nel dispositivo dell'utente.

La scelta dipende dal budget del progetto, dalla tipologia di sito, dalla quantità di interazione richiesta da parte dell'utente, dal CMS usato (se è usato un CMS). In alcuni casi è preferibile realizzare un sito mobile separato, in altri uno responsive: la decisione dovrebbe essere presa in seguito a un'attenta analisi dei bisogni degli utenti attraverso ricerche sul loro comportamento (Marcotte, Toffee-nosed. 2011). Ovviamente ciò non sempre è possibile. Allo stesso modo non potrebbero esserci i presupposti economici per realizzare un sito responsive oppure il numero di utenti che accedono da dispositivi mobile potrebbe essere insufficiente a giustificare un investimento di tempo e risorse in questo settore (Young 2013).

Ipotizzando una situazione senza i limiti sopra evidenziati, perché scegliere di adottare un responsive web design?

Le ragioni sono numerose: un sito responsive è un sito accessibile (dove per accessibilità si intende la possibilità di accesso universale a una pagina web: un obiettivo che il responsive web design aiuta a raggiungere) e flessibile (Allsopp 2000), è leggibile (Foster 2012), è pronto per il futuro (Stocks 2013), è tutelato dalla crescente frammentazione dei dispositivi (Marcotte 2011, 6), è consapevole del contesto in cui opera (Marcotte 2011, 41).

I motivi per scegliere un responsive web design non si limitano ai vantaggi nell'accessibilità e nell'esperienza utente. Il responsive web design, secondo alcuni autori, è un ritorno alle origini e alla vera natura del web, che è sempre stato fluido: "Abbiamo sprecato anni tentando di forzare i pixel in posizione fissa in un ambiente che è per natura adattivo; è ora di smetterla" (Stocks 2013).

A confermare la validità del responsive web design, una serie di dati ricavati da analisi e ricerche sul comportamento degli utenti di alcuni siti di importanti compagnie: diminuzione significativa del buone rate, incremento del numero di pagine lette per visita, incremento del conversino rate su dispositivi mobile, incremento del numero di utenti unici, incremento del tempo trascorso sul sito (Wroblewski 2013).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Responsive Web Design per le organizzazioni non profit

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Vitale
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Informatica
  Relatore: Roberto Polillo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

non profit
wordpress
responsive web design
html5
css3
media queries

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi