Skip to content

Comunità cinesi e integrazione giuridica. Una prospettiva pedagogica

Tradizione e modernità: la faccia cinese del diritto

"Il mondo in quanto ordine organico non si concepisce al di fuori dell'uomo, e l'uomo che vi trova naturalmente il suo posto, non si concepisce come fuori dal mondo. Così dunque, l'armonia che prevale nel corso naturale delle cose, va preservata nell'esistenza e nelle relazioni umane."
Joseph Needham, Storia della scienza in Cina


La parola "diritto" non si caratterizzata per avere una concezione precisa nell'immaginario cinese, il nostro stesso concetto di diritto appare sconosciuto ai più, a causa di una base consolidata di mentalità che assimila in uno stesso pilastro sociale, diverse sfaccettature la cui differenziazione resta cara alla nostra concezione di compagine sociale: 1) sfera etico-religiosa; 2) dottrina politico-filosofica; 3) tavole di valori. Tre concezioni irrinunciabilmente efficaci ai fini dell'autoregolamentazione dell'ordine sociale cui tende tutto il sistema giuridico e legislativo-morale cinese. Il miglior modo per affrontare il sistema giuridico cinese è paragonarlo ai sistemi tipicamente occidentali-romani del civil law di cui anche il sistema italiano fa parte: il diritto occidentale ha uno spiccato valore positivo, formato da soggetti liberi e da un'idea di giustizia come elemento cardine dello stesso convivere civile. La concezione cinese al contrario attribuisce alla legge un valore altamente coercitivo di proibizioni e punizioni spesso corporali, essa è ritenuta adatta alle sole popolazioni barbare che mancano di quel superiore senso umano del controllo morale su se stessi. Esiste un'espressione specifica che identifica il diritto cinese e gran parte dei diritti orientali assimilabili allo stesso (Taiwanese, Giapponese, Coreano ecc), parliamo dell'Asian legal tradiction, contrapposto al Western legal tradiction che raggruppa i maggiori sistemi di diritto di stampo occidentale che sono il sistema di civil law e quello di common law. L'Asian legal tradiction si caratterizza di due elementi essenziali: 1) Di un diritto di stampo laico in cui rivisitazioni orientali di civil e common law sono arricchiti da particolarità regionali, il tutto contornato dall'orientamento socialista imposto dal partito maggioritario di governo. 2) Da un diritto di stampo morale-religioso ascrivibile alle religioni, generalmente monoteiste, che hanno consolidato il loro potere attraverso il rispetto di credenze e riti che nel corso dei secoli hanno sempre più assunto il valore di usi e consuetudini locali, difficilmente distinguibili da consuetudini cosiddette laiche o civili. L'Asian legal tradiction si basa sulla normazione informale, ossia su usi, costumi e pratiche rituali d'ispirazione morale, le cui radici affondano in una mentalità che evidenzia due profili, uno positivo e uno negativo. Il primo dimostra sensibilità, individuale e di gruppo, a meccanismi diffusi di coercizione e adesione al rispetto di standard comportamentali, espressione della gerarchia dei ruoli ritenuti naturali portatori di virtù proprie.
Trama che poggia essenzialmente sulla propensione degli individui all'autocontrollo che fin dalla nascita viene inculcata al popolo cinese attraverso l'educazione familiare. Il profilo negativo consiste invece nella resistenza, sul piano concettuale, all'idea stessa di legge come norma generale di condotta imposta dall'esterno, uguale per tutti e sempre uguale a se stessa; ciò rende in concreto impossibile l'affermazione di un principio di legalità come primato della legge su ogni apparato di potere, in particolar modo sul partito socialista.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Comunità cinesi e integrazione giuridica. Una prospettiva pedagogica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ylenia Locardi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Mario Ricca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

integrazione
art. 3 costituzione
pedagogico
cinese
bossi-fini
economia etnica
zhejiang
confucianesimo
art 26 dichiarazione dei diritti dell'uomo
emigrazione cinese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi