Skip to content

La fragilità dell'Unione Monetaria Europea e gli aggiustamenti del mercato del lavoro

Le riforme del mercato del lavoro e le politiche salariali nell'Europa post-crisi

La Commissione Europea ha indicato nuove misure per la ripresa della crescita economica dell'UE ed ha identificato le opportunità chiave per la ripresa dell'occupazione. Infatti la disoccupazione europea ha raggiunto livelli record e le previsioni non sono confortanti per i prossimi mesi. Ciò ha spinto la Commissione Europea a realizzare misure concrete per attuare alcuni aggiustamenti nel mercato del lavoro. Innanzitutto tali provvedimenti sono focalizzati alla creazione di lavoro dal lato della domanda, individuando per gli Sati Membri diversi modi per incoraggiare le assunzioni tramite, ad esempio, la riduzione della tassazione sul lavoro o incentivi alle imprese in fase di start-up. Inoltre sono state identificate anche le aree in cui si calcola si possano realizzare le maggiori possibilità di lavoro nel il futuro, che coinvolge aree quali: la green economy, i servizi sanitari e i sevizi Information and Technology. Si sottolinea anche il bisogno di una più forte Governance europea del mercato del lavoro, indicando ulteriori modi di coinvolgimento delle rappresentanze sia dei datori di lavoro e che dei lavoratori stessi nella definizione delle priorità.
Le prescrizioni riguardano:
1) il rafforzamento delle politiche del lavoro nazionali, per creare le giuste condizioni per la creazione del lavoro e la domanda di lavoro, così come il finanziamento di sussidi di disoccupazione affinché si crei nuovo lavoro, ed una tassazione più equa anche per agevolare la libera impresa. In particolare si calcola che entro il 2020 si potrebbero creare 20 milioni di posti di lavoro nei settori della gremì economy.
Si mira poi a sostenere il settore sanitario favorendo l'incontro tra domanda ed offerta di lavoro in una prospettiva di lavoro a lungo termine, di innovazione e di maggiore professionalità.
2) Anche la comunicazione è considerata un'area chiave da riformare affinché il mercato del lavoro possa divenire dinamico ed inclusivo, e quindi più resistente ai cambiamenti. Inoltre si propone di rendere più flessibile il mercato del lavoro riducendo però la precarietà e il peso fiscale, e adottando salari più equi e sostenibili, senza incappare nella trappola dell'abbassamento dei salari per ottenere una maggiore competitività. Ciò dipende anche dalla creazione di forme contrattuali appropriate a dare maggiore sicurezza ai lavoratori. Considerando i 4 milioni di disoccupati che vengono calcolati in Europa, tale “pacchetto lavoro” vuole incentivare gli investimenti in formazione, al fine di anticipare il bisogno di competenze specifiche espresso dalle imprese.
3) Per incrementare la mobilità nel mercato del lavoro, la Commissione Europea ha indicato la necessità di rimuovere gli ostacoli agli spostamenti dei lavoratori (soprattutto dalla Bulgaria e dalla Romania), riformando anche il trattamento fiscale e pensionistico dei lavoratori d'oltreconfine sia nei diritti che negli obblighi. Spinge inoltre i paesi membri ad autorizzare il trasferimento di benefits per coloro che ricercano il lavoro all'estero per un periodo di almeno 6 mesi. Innovativo è anche il tentativo di creare una piattaforma on-line per favorire la ricerca del lavoro in tutta l'UE.
4) In fine, si prevede (ed era atteso da tempo) un rafforzamento del coordinamento e del monitoraggio delle politiche del lavoro e dei cambiamenti dei livelli salariali a livello europeo in linea con la gestione economica. Si prevede anche la creazione di un Fondo Sociale Europeo (ESF) per supportare i paesi nell'attuazione delle riforme messe in atto dai singoli governi nazionali.

Tali indicazioni della Commissione fanno parte di una nuova strategia di rilancio del mondo lavoro e della crescita da attuare entro il 2020.
Uno dei paesi chiave per il successo di questo piano è la Germania, sul cui Programma Nazionale di Riforme la Commissione Europea ha espresso alcune raccomandazioni. Si ritiene innanzitutto che la Germania sia riuscita a rimanere in linea con il medium-term budgetary objective (MTO) già nel 2012 e che stia facendo notevoli progressi nell'abbattimento del suo debito pubblico, così come previsto dal Patto di Stabilità e Crescita. Rimane però la debolezza strutturale e la vulnerabilità del suo sistema bancario.
Riguardo al mercato del lavoro, nonostante il paese tedesco registri buone performance per via dell'aumento dell'occupazione e della moderata disoccupazione, il livello dei salari non è in linea con l'aumento della produttività. Inoltre l'elevato livello delle tasse sui salari, soprattutto dovuto agli elevati contributi di assistenza sociale, determina la mancata integrazione degli stessi. Si rendono innanzitutto necessarie politiche che sostengano la transizione da forme contrattuali semplificate verso forme più stabili. infatti la recente riforma del mercato del lavoro è indirizzata ad incrementare le opportunità di lavoro in tutti i settori, migliorando il sistema didattico e rendendolo accessibile anche per i gruppi più svantaggiati. Si poi garantire, nel medio e lungo termine, l'aumento della qualità del lavoro affinché si possano mitigare gli effetti del cambiamenti economici sulla crescita potenziale. Una parte della riforma è anche indirizzata a sostenere il lavoro femminile a tempo pieno, ad esempio tramite asili e scuole a cui affidare i figli durante le ore lavorative. Mentre la riforma del sistema energetico si inserisce nel piano di abbattimento dei costi per le imprese, tramite gli incentivi all'adozione di sistemi che basati sull'utilizzo di energia rinnovabile, liberando risorse finanziarie senza ridurre i salari dei lavoratori.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La fragilità dell'Unione Monetaria Europea e gli aggiustamenti del mercato del lavoro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio De Gregorio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Rosaria Rita Canale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione monetaria europea
mercato del lavoro
europa
disoccupazione
inflazione
ume
crescita economica
eurozona
politiche salariali
riforme del mercato del lavoro
teorie delle aree valutarie ottimali
sistemi monetari internazionali
dimensione ottimale
mercato del lavoro tedesco
competitività
crisi economica
unione europa
social market economy
politiche di rigore finanziario

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi