Skip to content

Le Interviste impossibili di Giorgio Manganelli

Manganelli e la psicanalisi: una premessa necessaria

L’analisi del rapporto di Manganelli con la psicanalisi è una premessa indispensabile per leggere sotto una luce nuova la sua definizione di «letteratura come menzogna».
Alla scienza nota come “psicologia del profondo” Manganelli si accostò a partire dal 1957 grazie all’incontro con l’analista junghiano Ernst Bernhard. Pietro Citati, in un articolo scritto subito dopo la morte di Manganelli, narra tale esperienza rievocando un dialogo con lo scrittore:

[Manganelli] […] mi raccontò la sua storia. Sull'orlo della disperazione, senza speranza di vivere né di morire, aveva conosciuto Ernst Bernhard, il quale l'aveva aiutato ad attraversare le ombre dell'inconscio. Per qualche anno aveva vissuto con loro, discorrendo soltanto di loro e con loro. Tutte le forme della sua mente erano state suscitate dal sonno in cui giacevano abbandonate e oppresse: l'analisi aveva risvegliato, in lui, lo scrittore nascosto; la letteratura l'aveva salvato dalla disperazione. […] In parte senza volerlo, compì una doppia trasposizione. In primo luogo, trasportò le figure dell'inconscio nella parte intellettuale della mente; così che tutti i brividi, le folgorazioni, le fosforescenze, i trasalimenti, le voci, i sussurri, le metamorfosi dell'inconscio vennero rinchiusi nella sua mente bene organizzata. […] In secondo luogo, come Poe, egli trattò l'inconscio con gli strumenti della retorica tardoantica, rinascimentale e barocca.

Apprendiamo, dunque, da Citati l’approdo di Manganelli alla scrittura: la sua «transizione da professore a grafomane» e la “strana” forma in cui tale scrittura, proveniente dalle lande desolate dell’inconscio, si configura: la retorica.

Il dato fondamentale, dunque, è che Manganelli scrittore nasce in primis dal contatto con la psicanalisi.
Questo ci porta ad una serie di considerazioni. La psicanalisi è basata sulla concezione che la nostra compagine psichica non sia univoca, dunque la prima cosa che il Nostro ne ricava è proprio il senso di questa lacerazione interiore:

La prima cosa che ha provocato in me l’impatto con Bernhard è stato proprio il rompere quella idea lì. L’idea della unicità dell’io e quindi una decomposizione dell’immagine della mia personalità, di quello che io ero. Questa è stata la prima cosa che ho capito e che non mi ha più abbandonato. Questa scoperta l’ho fatta mia.

La scienza psicanalitica, inoltre, si propone di liberare il paziente dallo stato d’angoscia che deriva dall’aver rimosso qualcosa di doloroso, «viscerale» (per usare un termine caro al Manganelli), dunque radicato nel profondo. Proprio a questo Manganelli allude quando parla di recupero di un «certo materiale», portato alla luce dalle «ombre dell’inconscio». Ma se la scrittura di Manganelli trova il suo atto di nascita in quell’esperienza, dovremmo ipotizzare che Manganelli sia scrittore dell’angoscia? Che le sue opere siano meri sfoghi di un delirio tenuti al guinzaglio dalla retorica? O ancora, che «la letteratura [abbia per lui] funzione curativa, terapeutica» e che «egli cerchi di liberarsi dall’angoscia esorcizzando nella scrittura il suo malessere»?

Michele Mari, analizzando il rapporto della scrittura di Manganelli con l’angoscia, afferma: «questa angoscia emerge come il dato principale di tutta la sua opera letteraria. Con dato principale intendo l’origine, il presupposto, la motivazione, meglio ancora la giustificazione: non certo il tema, e nemmeno il tono». L’angoscia non è, dunque, l’approdo della sua scrittura, bensì il punto di partenza. Manganelli stesso nel Discorso dell’ombra e dello stemma dice: «scrivere cura? Oh no; scrivere è un sintomo». Ma sintomo di che cosa? Dell’angoscia del Nulla. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le Interviste impossibili di Giorgio Manganelli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Bongiovanni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Marina Paino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

poetica
manganelli
interviste impossibili
concezione del mondo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi