Skip to content

Lavoratori immigrati in Italia: Il fenomeno dell'overqualification e l'esclusione dalle qualifiche più elevate

Overqualification e spreco di capitale umano

Tra le numerose ricerche che in questi ultimi anni hanno riguardato il fenomeno dell’immigrazione, e in particolare l’inserimento degli stranieri nel mercato del lavoro del paese di destinazione, un aspetto di grande interesse è l’esistenza di una sorta di mercato del lavoro duale, con gli immigrati spesso segregati nei lavori dequalificati e a bassa specializzazione. Tale fenomeno però non deriva necessariamente da una scarsa qualificazione dell’offerta di lavoro ma al contrario metterebbe in luce una certa sovraqualificazione tra gli immigrati. Come dicevamo in precedenza, sebbene in generale questo si rilevi nella maggioranza dei paesi Ocse, è soprattutto in quelli dell’Europa meridionale (e tra questi l’Italia) che gli immigrati hanno una probabilità molto più elevata rispetto agli autoctoni di risultare sovraqualificati, ovvero impiegati in lavori per i quali le qualifiche necessarie sono inferiori a quelle possedute (Fullin e Reynieri 2011).
Un elemento indispensabile per comprendere quale sia il grado di integrazione degli stranieri all’interno della società ospitante riguarda quindi l’inquadramento degli stessi e l’effetto dovuto alla dotazione di capitale umano. L’obiettivo di questo capitolo sarà quello di valutare l’impatto del livello di istruzione sul grado di inserimento degli immigrati nel mercato del lavoro, e ciò attraverso l’analisi dei legami che intercorrono tra i titoli di studio posseduti e gli orientamenti della domanda di lavoro espressa dal mercato del lavoro di accoglienza. La struttura del capitale umano della popolazione straniera, espressa dalla distribuzione dei titoli di studio, può infatti essere analizzata per valutare il rapporto che tale struttura instaura con il sistema delle opportunità effettive che il mercato del lavoro offre alla manodopera di importazione.
I livelli di istruzione degli stranieri sono, nel complesso, piuttosto elevati e non molto dissimili da quelli degli italiani. Nel 2011, più della metà degli occupati stranieri tra i 15 e i 64 anni è in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di un titolo di studio di livello universitario (rispettivamente il 46.1 e il 10.3 per cento); mentre la restante parte (il 43.6 per cento dei lavoratori immigrati) possiede un grado di istruzione non superiore alla licenza media (CNEL 2012).
Se confrontate con le corrispondenti incidenze relative agli italiani, le differenze nel grado di scolarizzazione non sono imponenti. Divergenze più ampie nei livelli d’istruzione degli immigrati e degli italiani si manifestano quando si confrontano i dati nelle classi di età più giovani (15-34 anni), dato che la popolazione straniera ha una struttura demografica nettamente più giovane di quella italiana e che l’istruzione media della popolazione italiana è molto più alta tra le generazioni più giovani. In questo caso si osserva in effetti un più elevato livello di istruzione per gli occupati italiani (sia uomini che donne), che presentano una minore concentrazione di individui con titoli di studio inferiori o uguali alla scuola dell’obbligo e quote più elevate per quanto riguarda i titoli di studio superiore (laurea o diploma).
Il più elevato livello medio di istruzione degli italiani spiega comunque solo in parte la differente distribuzione per occupazione delle due popolazioni di lavoratori (Reynieri 2005). Esistono infatti differenze molto marcate tra italiani e stranieri per quanto riguarda la distribuzione per posizione nella professione, da cui emerge l’esistenza di una sorta di mercato del lavoro duale, dove gli immigrati tendono ad essere segregati nei lavori meno qualificati e a bassa specializzazione. Dai dati relativi al 2011 risulta infatti che circa il 70 per cento degli stranieri sono operai o svolgono un lavoro non qualificato; poco più di un quinto rientra nel gruppo delle professioni impiegatizie o collegate alle attività commerciali e dei servizi; e solo il 6.6 per cento svolge professioni qualificate (che, peraltro, nel caso degli stranieri coincidono prevalentemente con la gestione di piccole attività imprenditoriali nei campi della ristorazione e della vendita al dettaglio) rispetto al 37.2 per cento degli italiani. La quota di lavoratori stranieri sul totale passa da appena il 2 per cento del gruppo delle professioni qualificate al 32.1 per cento delle non qualificate (Fondazione Leone Moressa 2010). Vi sono in sostanza lavori del segmento inferiore del mercato del lavoro, dove in genere il lavoro manuale è preminente, che tendono ad essere diffusamente affidati alla componente straniera. Il fenomeno coinvolge entrambe le componenti di genere. Tuttavia, mentre gli uomini si collocano prevalentemente nel gruppo degli operai e artigiani (dove i margini di responsabilità e autonomia sono relativamente più ampi), le donne tendono a svolgere in prevalenza una professione non qualificata, risultando quindi inserite in un mercato del lavoro ancora più ristretto. La distribuzione degli occupati stranieri per gruppo professionale non sembra essere sostanzialmente cambiata rispetto a quanto si osservava prima della crisi, ma anzi la stratificazione occupazionale dei lavoratori immigrati nelle mansioni lavorative meno qualificate e meno pagate sembra essersi aggravata, in particolare per gli uomini (Blangiardo 2013).
Gli immigrati, quindi, più dei lavoratori italiani, svolgono più spesso mansioni che richiedono titoli di studio inferiori a quelli da loro posseduti o, detto in altri termini, sono più frequentemente “over-educati”. Questo fenomeno è solo in parte giustificabile con il minor livello di istruzione degli immigrati rispetto agli italiani, e implica che l’incidenza della over-education, cioè il possesso di titoli di studio più elevati di quelli richiesti per le mansioni lavorative svolte, è più elevata tra i lavoratori stranieri. Questo è un risultato comune a molte ricerche condotte a livello internazionale sul processo di integrazione della popolazione immigrata nel mercato del lavoro dei paesi di accoglienza e riguarda le enormi difficoltà per gli immigrati a veder riconosciuti gli investimenti in capitale umano da essi effettuati nel paese di origine (Fullin e Reynieri 2011).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lavoratori immigrati in Italia: Il fenomeno dell'overqualification e l'esclusione dalle qualifiche più elevate

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Jorge Andres Herrera Romero
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze del Lavoro
  Relatore: Roberto Impicciatore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

risorse umane
immigrazione
hr
forza lavoro
brain waste
overqualification
spreco di capitale umano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi