Skip to content

La pubblicità online: un’analisi grafica

La Collaborative Innovation e il CRM

La Collaborative Innovation è un nuovo approccio del marketing finalizzato alla collaborazione attiva tra azienda e clienti nell'ottica dello sviluppo del prodotto (op. cit. Prandelli, Verona, 2006). La Collaborative Innovation prevede l'interazione con il cliente finalizzata all'innovazione, il cliente diventa parte integrante del processo produttivo dell'azienda. Questo approccio è possibile grazie alla rete, che come detto rende l'innovazione meno costosa, facilita la comunicazione tra azienda e utenti e permette lo sviluppo simultaneo di più soluzioni per i prodotti o servizi in questione. La Collaborative Innovation si verifica durante tutto il processo di sviluppo del prodotto o servizio. La prima fase è quella della generazione dell'idea che sta alla base del nuovo prodotto/servizio, i consumatori sono invitati a partecipare ad indagini apposite per offrire suggerimenti e punti di partenza su cui definire l'idea. Particolarmente utili sono le comunità virtuali, dove gli utenti in interazione tra di loro e delle volte con l'azienda possono contribuire sensibilmente alla generazione di nuove idee. Una volta raccolto un numero sufficiente di idee si procede alla loro selezione.
Tramite il "virtual concept test" si possono far confrontare le idee ai consumatori. Attraverso i focus group online gruppi selezionati di consumatori discutono e offrono indicazione sulla selezione da effettuare. Dall'idea scelta si passa alla realizzazione del prodotto, dove le priorità fin qui espresse dai consumatori vanno trasformate in priorità di design e engineering, sempre mantenendo attiva la loro partecipazione nel processo di sviluppo. Il consumatore in questa fase viene posto nella condizione di poter, tramite il web, selezionare diversi attributi del prodotto o in alcuni casi di poterlo personalizzare completamente. L'azienda delle volte collabora con il consumatore nell'ottica di un autentico partner del processo innovativo, coinvolgendolo alla creazione del prodotto (sempre a distanza via web) tramite incentivi. Spesso il consumatore collabora tramite una comunità virtuale come nel caso della realizzazione di software open-source. Successivamente si passa alla fase del test per il prodotto sviluppato. La rete permette di effettuare con facilità la simulazione contemporanea di diverse configurazioni del prodotto, e consente una realizzazione più economica, rispetto al mercato tradizionale, dei prototipi. Al consumatore è offerta la possibilità di sperimentare, attraverso diversi contenuti multimediali (rappresentazioni 3D, immagini, tour virtuali, video ecc.), i prodotti prima del loro lancio e di fornire consigli e opinioni su di essi. La fase del test di prodotto può prevedere anche la simulazione di diverse situazioni di mercato. Anche nell'ultima fase, quella del lancio del prodotto, il coinvolgimento del consumatore è essenziale per la buona riuscita dell'azione intrapresa dall'azienda. Tramite i social network si cerca di diffondere la notizia del lancio tra i consumatori innestando il fenomeno del viral marketing.
Il coinvolgimento del consumatore può essere ottenuto combinando iniziative off-line, come ad esempio organizzazioni di eventi con altre nel web, attraverso l'invio di messaggi personalizzati tramite social, blog o e-mail ad esempio.
Il Customer Relationship Management (CRM) è il processo gestionale delle relazioni con i clienti. Nella realtà del web il capitale relazionale costituisce la base su cui costruire il vantaggio competitivo. In rete immagazzinare informazioni sui clienti è più semplice e più efficace rispetto a quanto possibile nel contesto off-line. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La pubblicità online: un’analisi grafica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ares Daniel Spinella
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Marco Bettiol
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione pubblicitaria
web marketing
grafica
web design
web 2.0
facebook
collaborative innovation, crm
visual identity
google adwords
youtube insight

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi