Skip to content

I Richiedenti Asilo: uno studio sul centro di accoglienza diffuso di Biella

La rete di relazioni come spinta verso l'integrazione

Si è accennato in precedenza di quanto sia presente il concetto di "rete" nell'oggetto di studio di questo lavoro. Rete intesa come relazioni sociali, che può essere più o meno densa ed estesa a seconda delle relazioni costruite, ma che svolge una funzione particolarmente importante nell'inserimento e nell'integrazione in un nuovo Paese.
Ogni persona conosce un certo numero di altre persone, è in contatto con loro, le frequenta per motivi diversi, in modo più o meno sistematico. Una persona può essere isolata, in relazione con poche altre persone; può invece essere in relazione diretta o indiretta, tramite conoscenti di conoscenti ai quali può accedere, con un gran numero di altre. La network analysis è un campo di ricerca che considera, con apposite tecniche e in riferimento a proprietà via via messe in luce, le reti di relazioni fra le persone (Bagnasco, Barbagli, Cavalli, 2004).
Analizzando la situazione sviluppatasi intorno al centro di accoglienza di Biella, vediamo come il concetto di "rete" si sia rivelato punto fondamentale nell'evolversi del progetto. Partendo dalla scelta di coinvolgere il territorio, "aprendo il più possibile le porte" del Centro, osserviamo come le conoscenze e, quindi, le relazioni, aumentassero sempre più, trasformandosi anche in legami forti.
L'accrescimento di questa rete sociale attorno al Centro è stato sicuramente favorito dal contesto in cui si è operato. Il numero relativamente ristretto di ospiti (49) ha permesso di lavorare di più sull'aspetto relazionale, iniziando quasi da subito a sviluppare un percorso individuale con ogni ragazzo.
Inoltre pare evidente che lavorare in un contesto di piccoli centri urbani, all'interno di una provincia relativamente piccola (circa 185.000 abitanti), possa favorire la costruzione e la qualità di quella rete che agisce da spinta verso l'integrazione e l'inserimento nel territorio della persona, offrendole strumenti che puntino all'inclusione sociale e all'autonomia.
"[…] Vi sono poi territori che paiono più adatti alla realizzazione di percorsi di integrazione nel lungo periodo, ossia in ambiti che garantiscono maggiori possibilità per il radicamento della persona: per la ricchezza delle reti sociali attivabili, per la più agevole accessibilità alle prestazioni del welfare locale, soprattutto quando si tratti di avviare progetti di ricongiungimento familiare o di costituzione di un nuovo nucleo familiare" (Ambrosini, Marchetti, 2008).
Costruirsi una rete sociale, per alcuni dei ragazzi, ha voluto significare immaginare il proprio futuro, rendendo meno difficile il quotidiano, fatto di incertezze, contraddizioni e ambiguità non dovute a scelte personali, bensì al ruolo e alle decisioni delle Istituzioni.
È il caso di Mamadou, che è stato uno dei primi ad essere ospitato in una famiglia.

"Quando sono arrivato, io non sapevo niente dell'Italia, in Mali non ho mai fatto scuola, per leggere o scrivere".

A distanza di un anno dal suo arrivo, conversando a cena a casa sua, sembra emergere la consapevolezza del ruolo della sua rete sociale.

"Io ero obbligato a conoscere tanta gente, per capire, per conoscere qualcosa dell'Italia. Per trovare documenti e lavoro. Noi, non potevamo lavorare, con il primo documento di sei mesi. Poi, per noi, obbligatorio chiedere a tante persone come funziona il lavoro qui, perché in Mali è diverso, puoi fare lavoro anche senza studiare. Allora loro [la famiglia] hanno chiesto a me di fare piccolo lavoro, poi ho avuto un contratto. Per me questo è molto bello, perché ha aiutato per trovare documento".

Mamadou, infatti, è stato il primo ragazzo ospite del Centro che ha ottenuto un contratto regolare (apprendista). La famiglia che attualmente lo ospita lo ha conosciuto nei mesi e, in seguito, ha pensato di prenderlo a lavorare nella piccola ditta di famiglia. Mamadou, cittadino maliano, ha fatto l'audizione in Commissione a marzo, come gli altri ragazzi, ottenendo un insperato permesso umanitario, valido un anno.

"Io so che senza lavoro non trovavo documenti per me...io penso che noi siamo molto fortunati, perché qui abbiamo conosciuto tante persone che hanno aiutato noi per cercare lavoro, anche se tante persone ancora non hanno trovato lavoro, perché non è facile."

La ricerca del lavoro innanzitutto; qui le relazioni costruite nel tempo hanno giocato un ruolo fondamentale, riuscendo a dare, in alcuni casi, delle opportunità anche insperate. E' ancora il contesto più piccolo che gioca un ruolo fondamentale, con un mercato del lavoro nel quale "maggiore è il peso delle relazioni informali e fiduciarie come elemento regolativo dell'accesso al lavoro, un inserimento più accompagnato e protetto in grado di garantire una maggior stabilizzazione in tempi più brevi" (Ambrosini, Marchetti, 2008).
Attraverso la rete di conoscenze (parenti, amici, colleghi di lavoro) di Operatori e volontari si sono trovate alcune possibilità lavorative che, come abbiamo visto, si sono rivelate fondamentali per i ragazzi ospiti, sia a livello di gratificazione e motivazione personale, sia per quanto riguarda l'ottenimento di un permesso di soggiorno. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

I Richiedenti Asilo: uno studio sul centro di accoglienza diffuso di Biella

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Vitale
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere
  Corso: Comunicazione Interculturale
  Relatore: Rocco  Sciarrone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi