Skip to content

Da badante a moglie: un'analisi etnografica delle unioni tra donne rumene e uomini lucani

Tornare in Romania

Pensare il futuro alla luce di quanto è accaduto dopo la migrazione significa rendere partecipe il nuovo compagno nei progetti che si ha intenzione di realizzare. Il matrimonio con un uomo italiano porta le donne ad acquisire una nuova forma di emancipazione superando la solitudine nella quale si erano trovate dopo il divorzio.
Anche il ritorno in Romania, acquista un nuovo significato poiché in questa seconda partenza cambiano completamente le modalità con le quali viene vissuto il viaggio.

"O: È andat’ a casa in vacanza, l'ho portata a casa l'abbiamo accompagnata insieme io e Ennio, l'abbiamo accompagnata là che poi da tann non sono più andata da sola andiamo sempre io e Ennio, siamo stati na settimana [..] Ennio quando arriva in pensione se ne vuole andare lì, li piace assai, si sente a suo agio, gli piace tutto, forse per il fatto che va in ferie «e con la pensione che prenderò là si vive bene e tu non lavori» Ma anche se non mi fai fare niente no voglio tornare! La vita è scombussolata! Non c'è un regola, non c'è niente, né orario di niente; ognuno come lì viene fa, invece io qui..quando vado a casa non mi trovo più" (Olga)

Olga e il suo compagno accompagnano la figlia di lei in Romania per una vacanza dai nonni. Il ritorno nella città d'infanzia con il nuovo compagno è un'occasione per mostrare alla comunità d'appartenenza quanto anche lei, che prima della partenza se ne era andata dalla casa dell'ex marito a quella dei genitori vergognandosi di essere stata lasciata, ha avuto la possibilità di riscattarsi da una solitudine annunciata. Pertanto, tornare in due non è solo un motivo per svincolarsi da quella condizione sociale, ma anche un modo per far vedere all'attuale marito, le strade della propria città, fargli conoscere i vicini di casa, i parenti, gli amici d'infanzia, completare con lui un percorso di conoscenza che lo inglobi fino in fondo nella sua vita tra quei luoghi che ancora oggi conservano per Olga lo stesso significato del passato.
Il legame della moglie con la terra lontana non è per il coniuge italiano un fantasma che prima o poi vedrà la donna sparire improvvisamente dalla propria vita, ma è un sentiero che viene percorso insieme tra quegli spazi che ora diventano persino più evidenti agli occhi della donna che è migrata. Alcune delle donne con cui ho parlato, mi dicono che quando i loro attuali mariti arrivano in Romania rimangono estremamente sorpresi dalla realtà che trovano.
Ci sono casi tra i mariti delle donne intervistate nei quali addirittura viene espressa da parte del coniuge l'intenzione di volersi stabilire in Romania. Le donne dal canto loro, leggendolo anche attraverso le parole di Olga, Angela e Franca, sono felici della reazione dei loro mariti, ma non possono dimenticare quanto l'esperienza della migrazione ha cambiato la percezione delle cose che le circondano e non possono certo sfuggire da quella sensazione che gli fa vivere il ritorno in Romania in maniera differente rispetto al passato. Da un lato infatti, avvertono la nostalgia della propria terra; con le sue tradizioni e tutte le emozioni positive che le migranti custodiscono nella memoria del passato, così come tutte le esperienze negative di tipo sociale, economico e politico che gli ricordano inevitabilmente il perché della loro scelta migratoria. Dall'altro lato, c'è una nostalgia di tipo familiare, fatta di condivisione di momenti di festa, di rituali collettivi e periodi di vacanza che appartengono invece al tempo presente proprio perché sono rimasti ancora intatti rispetto a quanto è accaduto con la migrazione.
La visione della Romania da parte dei mariti delle donne rumene, non è però in altri casi del campione, sempre così positiva. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Da badante a moglie: un'analisi etnografica delle unioni tra donne rumene e uomini lucani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marialuisa Matera
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: scienze umane- antropologia
  Relatore: Simonetta Grilli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi