Skip to content

Razionalità e mercati finanziari: proposta di una rete neurale per la Finanza Comportamentale

Nascita ed evoluzione della finanza comportamentale

Datare la nascita di una disciplina è solitamente un'impresa ambiziosa: identificare il momento in cui delle idee e l'elaborazione di esse raggiungono una massa critica tale da costituire un corpo strutturato e ben affrancato da quello che è l'ambito di partenza, non si configura affatto come una mera ricerca bibliografica. Lo scopo del presente paragrafo non è certo quello di porsi come una rassegna completa e dettagliata dell'evoluzione storica della finanza comportamentale, quanto piuttosto quello di evidenziare le tappe più significative di tale evoluzione.

L'autorevole opinione di Sewell data 1896 il momento in cui si osserva il primo embrionale contributo alla nascita della finanza comportamentale. In tale anno, infatti, Gustave le Bon scrisse Psychologie des Foules, uno dei riferimenti principali in tema di psicologia sociale. Ai nostri fini, tuttavia, risulta più interessante fare un passo in avanti per giungere al momento in cui i principi psicologici e sociologici vengono finalmente applicati al mondo finanziario. Sedici anni dopo, nel 1912, George Charles Selden scrisse Psycholgy of the Stock Market: l'intuizione fondamentale è quella di identificare un legame di dipendenza tra il movimento dei prezzi e "l'atteggiamento mentale" di coloro che vi operano.

Vari contributi si sono poi succeduti negli anni, fino a quando nel 1979, Kahneman e Tversky scrivono quello che si rivelerà essere l'articolo più citato della celebre rivista scientifica Econometrica. Presentano così alla comunità scientifica la più estesa e sistematica critica alla Teoria dell'Utilità Attesa: la Teoria del Prospetto. Come si evidenzierà meglio nel prosieguo, il pilastro fondamentale sul quale riposa tale teoria è l'avversione alle perdite, la quale determina un cambiamento dell'atteggiamento verso il rischio nel passare dalla valutazione delle perdite a quella dei guadagni. Cambiamento che, a sua volta, è responsabile della tipica forma ad S della funzione del valore.

La Prospect Theory continuerà negli anni a venire ad essere ulteriormente arricchita da nuovi contributi, quando nel 1985, viene pubblicato ad opera di De Bondt e Thaler l'articolo che segnerà la nascita ufficiale della disciplina nota come Behavioural Finance. Successivamente, ulteriori e continue pubblicazioni vedranno la luce, fino ad arrivare al 1992, anno in cui si segna la svolta definitiva nell'ambito della Prospect Theory. Ad opera degli autori stessi, viene proposta un'implementazione dell'impianto concettuale originario, nota come Teoria del Prospetto Cumulativa in cui si fanno dei sostanziali passi in avanti nella modellizzazione della scelta in condizioni di incertezza.

Altra tappa di rilievo nell'evoluzione della disciplina è il 1995, anno in cui Benartzi e Thaler offrono una spiegazione "comportamentale" all'equity premium puzzle, basata sull'avversione alle perdite e sull'iper monitoraggio della propria posizione, la cosiddetta "avversione miope alle perdite". Anche Fama nel 1998 si inserisce nel dibattitto sviluppatosi intorno alla validità delle teorie tradizionali, sostenendo come è noto l'efficienza dei mercati, sulla base dell'ipotesi che le iper-reazioni dei prezzi alle informazioni sono diffuse quanto le ipo-reazioni. Propone, dunque, l'operare di un meccanismo "compensativo" tra i momentanei allontanamenti dall'equilibrio – efficiente – del mercato.

Nel 2001 scende in campo un'altra teoria: quella inerente alla Bounded Rationality (razionalità limitata, letteralmente). Secondo tale approccio, nell'ambito decisionale la razionalità degli individui è limitata dalla quantità e qualità delle informazioni, dalle capacità cognitive e dalla finitezza del tempo a disposizione.
A testimonianza del consenso che la finanza comportamentale stava gradualmente guadagnando, nel 2002 Daniel Kahneman viene insignito del Premio della Banca di Svezia per le scienze economiche in memoria di Alfred Nobel per il suo lavoro sulla Teoria del Prospetto. Premio che avrebbe sicuramente condiviso col suo collaboratore Amos Tversky, se non fosse stato per la prematura morte di quest'ultimo.

Gli anni successivi sono stati e continuano ed essere testimoni dello sviluppo della nostra conoscenza in merito alla teoria delle scelte in condizioni di incertezza. Purtroppo, o per fortuna, siamo ancora sensibilmente lontani da una visione unitaria e completa del problema, ma probabilmente l'aver rinunciato – non tutti e non del tutto - alla comodità concettuale di avere degli operatori razionali, si configura già come un ottimo risultato.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Razionalità e mercati finanziari: proposta di una rete neurale per la Finanza Comportamentale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Di Lauro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: Giorgio Alleva
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mercati finanziari
finanza
reti neurali
finanza comportamentale
trader
razionalità limitata
bounded rationality
effetto disposizione
disposition effect
attention grabbing

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi