Skip to content

L'analisi microbiologica delle acque destinate al benessere dell'uomo: la diffusione di Legionella pneumophila nelle strutture dell'Emilia-Romagna

Serbatoi naturali ed artificiali

Le legionelle sono ampiamente diffuse in natura, principalmente associate alla presenza di acqua (superfici lacustri e fluviali, sorgenti termali, falde idriche ed ambienti umidi in genere), dalla quale Legionella diffonde, arrivando a colonizzare gli ambienti idrici artificiali: agiscono come amplificatori e disseminatori del microrganismo aerosol provenienti da torri di raffreddamento, impianti di climatizzazione e condensatori evaporativi, nonché reti cittadine di distribuzione dell'acqua potabile, impianti idrici dei singoli edifici o appartamenti (soffioni delle docce, rubinetti), apparecchi sanitari, impianti di umidificazione o deumidificazione e fontane. Condizioni di rischio sono anche quelle associate a stabilimenti termali, piscine e vasche per idromassaggio. Alcune specie di Legionella, tra cui L. pneumophila, L. micdadei e in particolare L. longbeachae, sono state isolate dal terreno umido.

Attualmente, in Italia, le infezioni derivano prevalentemente dalla contaminazione di sistemi di distribuzione dell'acqua e i fattori che ne favoriscono la presenza del microrganismo sono svariati e prevalentemente associati a condizioni di acqua stagnante o a flusso lento.
Le legionelle prediligono gli habitat acquatici caldi: si riproducono tra 25°C e 42°C, ma sono resistenti anche in un range di temperatura molto più ampio, tra 5,7°C e 63°C; questi batteri sono in grado di sopravvivere in ambienti acidi e alcalini, sopportando valori di pH compresi tra 5,5 e 8,1.
La facilità con cui Legionella si riproduce nell'ambiente naturale, in contrasto con la difficoltà a crescere sui terreni colturali artificiali, è in buona parte dovuta alla capacità di questo batterio di moltiplicarsi all'interno di protozoi ciliati (Tetrahymena ad esempio) ed amebe (Acanthamoeba, Naegleria, Hartmannella, ecc.), che costituiscono una fonte di nutrimento e protezione dalle condizioni ambientali sfavorevoli, grazie anche alla capacità delle amebe di produrre forme di resistenza come le cisti.

L. pnemophila può essere considerato un parassita endocellulare obbligato, almeno in condizioni naturali. Sembrerebbe che, una volta liberato nell'ambiente in seguito a distruzione dell'ospite protozoario, Legionella sia in grado di sopravvivere per lunghi periodi nelle acque dolci (in una forma non coltivabile nei terreni artificiali abiotici) finché non riesca ad infettare una nuova cellula protozoaria. Elemento centrale nell'ecologia e nell'epidemiologia di un parassita endocellulare obbligato che presenti anche una fase extracellulare, è la capacità di differenziarsi in forme dissimili all'interno di un preciso ciclo di sviluppo. Sufficienti evidenze sperimentali permettono di affermare che la specie L. pneumophila presenta un ciclo in cui si alternano due forme distinte:
- una forma matura, provvista di flagello, metabolicamente poco attiva ma altamente infettante e resistente, in grado di sopravvivere facilmente nell'ambiente extracellulare;
- una forma replicativa, priva di flagello e dotata di un'intensa attività metabolica e capace di un'attiva moltiplicazione all'interno della cellula parassitaria, ma incapace di vivere a lungo al di fuori della stessa (se non nelle precise condizioni nutrizionali e fisico-chimiche offerte dai terreni abiotici in cui è possibile ottenerne la coltivazione artificiale).
All'interno degli impianti idrici, Legionella può trovarsi in forma libera nell'acqua, ma sito d'elezione per la sua presenza e moltiplicazione è rappresentata dal biofilm al quale si ancora, cioè una pellicola di svariati microrganismi immersi in una matrice organica, in cui questo batterio trova sostentamento e riparo.
Legionella, infatti, nelle forme a vita libera è sensibile al cloro e ai biocidi, che altrimenti sarebbero in grado di ucciderla o inibirla, ma la presenza del biofilm fa sì che i metodi di disinfezione non risultino sufficienti per eliminarla definitivamente dalle reti idriche e che la disinfezione puntuale senza misure strutturali abbia solo un'azione temporanea.
In circa il 60% dei casi non è possibile risalire alla fonte di infezione ambientale a causa delle molteplici occasioni di esposizione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'analisi microbiologica delle acque destinate al benessere dell'uomo: la diffusione di Legionella pneumophila nelle strutture dell'Emilia-Romagna

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Vanessa Malagnini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Controllo di qualità dei prodotti per la salute
  Corso: Scienze e tecnologie farmaceutiche
  Relatore: Giovanna Angela Gentilomi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi