Skip to content

Stima della vulnerabilità sismica con metodo edilizio e urbanistico: Conza della Campania (AV)

Esposizione sismica

Con il termine esposizione sismica si intende “l’estensione, la quantità, la qualità dei diversi elementi antropici che compongono la realtà territoriale (popolazione insediata, edifici, sistemi di infrastrutture, ecc.), le cui condizioni e/o il cui funzionamento possono essere danneggiati, alterati o distrutti da un evento sismico”.

Nell’ambito di una procedura di valutazione del rischio sismico di un’area, l’analisi dell’esposizione sismica rappresenta il secondo passo fondamentale dopo lo studio sulla pericolosità. Con lo studio dell’esposizione infatti si mette in evidenza la quantità e l’estensione di tutti gli elementi antropici a rischio che, ricadendo in un ambito territoriale di accertata pericolosità, possono essere suscettibili di danneggiamento per effetto del sisma.

I principali elementi a rischio presi in esame nell’analisi dell’esposizione sono ovviamente le persone, che possono rimanere uccise o ferite, o comunque trovarsi in condizioni disagiate. Quindi la prima categoria a rischio da studiare è senza dubbio la popolazione; successivamente verranno prese in considerazione altre due categorie: i manufatti e i beni.

In generale, popolazione, manufatti e beni si distribuiscono sul territorio in maniera non uniforme: l’analisi dell’esposizione tende a valutarne i diversi livelli di concentrazione. Tanto più alta sarà la concentrazione degli elementi a rischio in una determinata area del territorio studiato, tanto maggiore sarà il livello di esposizione sismica di quell’area. In ogni caso, per compiere una valutazione più corretta, l’analisi dell’esposizione non dovrebbe essere legata esclusivamente al numero di elementi a rischio concentrati in una certa area: è fondamentale anche valutare l’importanza della funzione che esplicano nel sistema territoriale di una area vasta.

Per quanto riguarda i manufatti, con questo termine si intendono tutte le opere realizzate dall’uomo nell’ambito territoriale di studio ed in particolare: gli edifici, analizzati dal punto di vista funzionale e non strutturale, le infrastrutture di trasporto (strade, ferrovie, porti, aeroporti, ecc.) e tutti gli altri sistemi a rete (condotte del gas, reti idriche, fognarie, elettriche, telefoniche, ecc.). Particolare attenzione deve essere rivolta a tutti gli elementi strategici distribuiti sul territorio, fondamentali in una situazione di emergenza per garantire soccorso e servizi di assistenza: complessi ospedalieri e sanitari, strutture della popolazione civile, caserme della forza pubblica, ma, anche, il sistema dei trasporti, indispensabile ed insostituibile per consentire ai soccorsi l’accesso alle aeree colpite dal sisma.

Per quanto riguarda invece la categoria beni si deve valutare l’esposizione sismica di tutte le risorse necessarie per lo svolgimento delle normali attività dei sistemi antropici distribuiti sul territorio studiato. Si fa riferimento in particolare a tutte le sorgenti energetiche (ad esempio centrali elettriche), alle materie, alle merci di produzione e di scambio.

Fermo restando l’importanza, nell’ambito di una analisi di esposizione, delle categorie manufatti e beni, la tematica di maggiore rilievo e che necessita di ulteriori approfondimenti metodologici è senza dubbio quello della popolazione.

La categoria popolazione, infatti, può essere considerata semplicemente da un punto di vista “statico” con riferimento alla residenza nel territorio studiato, oppure anche come soggetto “dinamico” nell’ambito delle attività socio-economico dell’area. In quest’ultima ottica può essere molto importante considerare la popolazione come una entità in movimento all’interno del territorio: basti pensare ai quotidiani spostamenti casa-lavoro o casa-studio. Solitamente questi tipi di spostamenti tendono a concentrare la popolazione in località ad elevatissima densità, come quartieri amministrativi o commerciali dei centri urbani. Le variazioni della distribuzione della popolazione sul territorio vanno quindi senz’altro riferite alle 24 ore della giornata tipo, ma non bisogna neppure trascurare, specialmente in località di tipo prevalentemente turistico, i cambiamenti che si hanno di stagione in stagione.

L’analisi dell’esposizione dovrà, dunque, evidenziare e fare emergere le diverse parti funzionali di un territorio e la diversa distribuzione di popolazione ed attività all’interno dei diversi periodi di tempo, valutando in primo luogo gli spostamenti pendolari casa-lavoro e, dove esistessero, quelli stagionali o periodici.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Stima della vulnerabilità sismica con metodo edilizio e urbanistico: Conza della Campania (AV)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Bruno Verazzo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Salvatore Losco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

danno
rischio
sisma
terremoto
pericolosità
vulnerabilità sismica
microzonazione sismica
conza della campania
metodo sum
metodo gndt

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi