Skip to content

Il mobbing in italia

L'esperienza diretta del mobbing: le vittime

I lavoratori che affermano di essere stati mobbizzati sono l'11% del campione di intervistati.

La maggior parte delle indagini realizzate sino ad ora registra una quota di mobbizzati che oscilla tra il 5% e l'8%. Uno scarto positivo del 3% va guardato, dunque, con attenzione.

Il fenomeno è in crescita: in Italia più di un lavoratore su dieci si dichiara vittima di violenze psicologiche ed emotive sul posto di lavoro; se si considera che gli occupati nel nostro paese sono circa ventidue milioni, il conto è presto fatto: più di due milioni di mobbizzati. Certamente è difficile fare stime statistiche su di un fenomeno come il mobbing; rimane il fatto che, per quanto passibili di forti ridimensionamenti, si tratta di numeri consistenti. Tuttavia, è importante guardare cosa si nasconde dietro questa cifra.
Innanzitutto si possono dividere gli intervistati che si sono dichiarati mobbizzati in due gruppi: da una parte gli ex mobbizzati (5,3%, in valori assoluti, si tratta di 104 casi), ossia coloro che ritengono di essere stati coinvolti in passato in situazioni di mobbing; dall'altra i mobbizzati attuali (5,7%, 113 individui), in pratica tutte quelle persone che attualmente pensano di essere vessate sul lavoro.

È possibile tratteggiare un profilo delle persone che attualmente sono vittime di aggressioni sistematiche sul luogo di lavoro? Senz'altro il mobbing può colpire qualsiasi individuo, tuttavia ci sono alcune caratteristiche ricorrenti che descrivono il volto del mobbizzato: uomo, di circa cinquant'anni, sposato, impiegato stabilmente nel settore industriale o nei servizi, in un'azienda di piccole dimensioni o nella grande impresa.
Nello specifico, ad essere interessati dal mobbing sono in maggioranza gli uomini: 60% contro circa il 40% delle donne; nella metà dei casi si tratta di persone nella fase centrale della vita (tra i 35 e i 54 anni); mentre, quasi il 30% si sta avvicinando alla pensione ed infine, dal momento che il mobbing non sembra fare sconti a nessuno, un mobbizzato su cinque (20,5%) ha tra i 18 e i 34 anni. Inoltre, si tratta per lo più di lavoratori coniugati (58,6%), anche se ben uno su tre è celibe/nubile (33,3%): condizioni, quest’ultime decisamente precarie. Difatti, se da una parte si tratta di gestire il trauma in due (laddove non ci siano anche i figli), dall'altra si è da soli o, nella migliore delle ipotesi, si può ricevere sostegno da parenti ed amici.

Passando a commentare le variabili che riguardano la condizione professionale, il quadro è chiaro: la maggioranza dagli attuali mobbizzati (72,6%) è inquadrata con contratti di impiego a tempo indeterminato. Sono, invece, il 20,4% coloro che hanno un contratto a tempo determinato o "atipico".
Quest'ultimo elemento desta un certo interesse: la vulgata riporta che il mobbing è finalizzato ad espellere un lavoratore che, "troppo" tutelato, non può essere mandato via, se non attraverso una guerra di logoramento psicologico ed emotivo. Ciò non sembra essere completamente vero; certo, le briglie contrattuali possono anche rappresentare un fattore scatenante, ma il mobbing sembrerebbe coinvolgere anche coloro ai quali sarebbe sufficiente non rinnovare il contratto di lavoro, infatti, un terzo degli intervistati (27,4%, considerando oltre gli "atipici" anche i "senza contratto") si trova in una posizione contrattuale debole.

Scorrendo ulteriormente il profilo, le pratiche vessatorie si consumano sopratutto nel settore dei servizi (40,7%) ed all'interno delle imprese industriali (31,9%); infine, un mobbizzato su cinque (20,4%) lavora nella pubblica amministrazione. Non è una novità che il terziario avanzato sia il principale contesto delle pratiche vessatorie, mentre a sorprendere è il numero dei mobbizzati che lavorano in un comparto tradizionale come quello industriale; al contrario, il settore pubblico, altro ambiente privilegiato del mobbing, è un ambito nel quale la tensione sembrerebbe abbassarsi. Per concludere, un altro dato, in parziale controtendenza con quanto registrato da altre indagini, è la dimensione dell'impresa: accanto alle imprese di grandi dimensioni (33,6%), il mobbing è diffuso nelle "piccole" aziende: difatti, il 46,9% degli attuali mobbizzati lavora in un'impresa con meno di cinquanta dipendenti.

Volendo riassumere, quello del mobbizzato è un identikit preciso: un lavoratore nel pieno della maturità lavorativa, tanto nel senso della stabilità quanto rispetto alla prospettiva temporale; un individuo “biograficamente compiuto", con un ruolo familiare e sociale "forte", un progetto professionale (ma anche di vita) che, in teoria, non dovrebbe trovare più ostacoli nella strada della completa realizzazione ed invece, può arrestarsi e collassare all'improvviso, per un evento imponderabile ed inaspettato: l'ostilità e la ferocia persecutoria di un capo o dei colleghi.

Emergono, poi, alcuni elementi nuovi: per comprendere meglio i fattori di quello che può essere definito come uno spostamento di baricentro del mobbing è utile confrontare la situazione degli attuali mobbizzati con quella degli ex mobbizzati.
Gli ex mobbizzati, o meglio le ex mobbizzate (dal momento che in questo gruppo le donne sono ben il 60,2%), in buona parte lavorano nella Pubblica Amministrazione (31,7%), come dipendenti a tempo indeterminato e hanno attualmente tra i 35 e i 54 anni (quest'ultimo dato non viene rappresentato nel grafico).

Nel tempo il mobbing sembra aver cambiato bersaglio e ambito d'azione, passando dalle lavoratrici pubbliche ai lavoratori della grande industria: il passaggio da una vittima femminile ad una maschile (59,5% gli uomini tra i mobbizzati attuali) farebbe ipotizzare che il mobbing non sia più soltanto uno dei tanti strumenti di discriminazione di genere, quanto una pratica volta ad aggredire tutti coloro che non si conformano alle regole (esplicite e/o implicite) di un'organizzazione; o, più semplicemente, "sono di troppo". D'altra parte, gli atti vessatori tendono a fuoriuscire dall'alveo del "posto fisso" (ovvero la Pubblica Amministrazione), confermando l'ipotesi di una trasformazione interna del fenomeno: sotto questo profilo, "l'entrata in fabbrica del mobbing" è emblematica, nella misura in cui la grande industria è non solo un luogo di produzione, ma simbolicamente rappresenta il lavoro tout court.

E' la sfera produttiva dove, per tradizione, il lavoratore viene tutelato dal sindacato. Pertanto, le molestie sul lavoro cominciano a diffondersi anche, forse soprattutto, negli ambiti in cui la sindacalizzazione è più consistente; tale spostamento testimonia come il mobbing sia un processo strisciante e difficile da individuare; un processo che arriva a colpire quei lavoratori che avrebbero la possibilità di denunciare ai propri rappresentanti sindacali le aggressioni subite.
A fronte di questi importanti cambiamenti, il mobbing dimostra di avere tratti stabili nel tempo.

La vittima degli atti vessatori, in linea di massima, è una persona nel pieno della sua carriera lavorativa, con un'età compresa fra i 40 e i 50 anni; nella fattispecie, è un lavoratore che, ad oggi, è troppo vecchio per riqualificarsi e troppo giovane per andare in pensione; in sostanza, un lavoratore "scomodo" per l'impresa. Difatti, se da un lato presenta un profilo lavorativo sempre meno diffuso (ossia, pienamente tutelato, perciò "costoso" per l'azienda); dall'altro è in una fase biografica che non gli consente di rischiare una nuova avventura lavorativa. Una persona che ha lavorato in un ambiente regolato come la fabbrica difficilmente si adatta ad un mercato del lavoro sempre più flessibile ed instabile.
In conclusione, i mobbizzati (attuali ed ex) sono una quota tutt'altro che residuale dei lavoratori: rappresentano una fetta di forza lavoro oggetto di angherie immeritate, persone che da un giorno all'altro vedono (o hanno visto) crollare una posizione lavorativa salda, venendo risucchiati nel vortice del mobbing. Ma cosa succede dopo che questa frattura esistenziale si è consumata? Quali sono le vie d'uscita? È possibile ottenere un riconoscimento dei torti subiti?

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il mobbing in italia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Croce
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Amministrazione, organizzazione e gestione delle risorse umane
  Relatore: Agostino Massa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi