Skip to content

Il mercato delle console elettroniche - Evoluzione e analisi economica

Oligopolio e barriere all'entrata

L'ingresso di una nuova società nel mercato dell'hardware videoludico non cambia di certo le caratteristiche basilari che si riscontrano in un oligopolio; però è utile notare che alcune ipotesi considerate da tale modello sono state disattese alla luce di quanto detto su Microsoft. In particolare ciò che riguarda la presenza di barriere all'entrata che limitano o, in alcuni casi particolari, impediscono l'ingresso di nuove aziende in uno specifico settore di mercato. Come detto nel capitolo precedente, nel caso considerato l'azienda americana è riuscita a garantire la propria presenza come offerente grazie ad un prodotto tecnicamente competitivo, il tutto in un breve lasso di tempo. Le motivazioni per le quali questa società ha deciso di iniziare un progetto di pianificazione produttiva in un settore così specifico sono legati sia al potenziale profitto a lungo termine che si aspetta come risultato dell'investimento, sia alla possibilità di entrare in un ambito lavorativo in cui è in grado di poter competere considerando le risorse e le competenze acquisite o acquisibili.
Secondo il modello dell'oligopolio però non dovrebbe essere così facile entrare in una struttura di mercato di questo tipo, altrimenti tutti potrebbero decidere di investire parte delle proprie risorse in questo segmento per beneficiare dei profitti ottenuti dalle imprese già presenti. Infatti, solitamente, in questi tipi di mercato vi sono delle barriere all'entrata che ostacolano l'ingresso dei soggetti volenterosi di entrare, sfavorendo la presenza di un'offerta numericamente elevata. Innanzitutto la definizione di barriere all'entrata non è unica; eccone alcune proposte da vari autori. Bain per esempio riconduce l'esistenza di barriere a tre circostanze: differenziazione del prodotto, vantaggi di costo in termini assoluti da parte delle imprese già presenti nel settore e infine economie di scala; Stigler invece indica che "una barriera all'entrata può essere definita come un costo che deve essere sostenuto da un'impresa che cerca di entrare in un'industria, ma non è sostenuto dalle imprese già attive in essa", in questo modo sottolinea l'esistenza di un vantaggio posseduto dalle imprese già presenti rispetto alle concorrenti potenziali; mentre Weizsäcker pone all'attenzione la relazione tra la presenza delle barriere e il livello di efficienza del mercato, infatti secondo questo autore una barriera all'entrata è "un costo di produzione che deve essere sostenuto da un'impresa che cerca di entrare in un'industria, ma non dalle imprese già attive in essa, e che implica una distorsione nell'allocazione delle risorse dal punto di vista della società", e di conseguenza dovrebbe far diminuire il benessere dei consumatori.
È opportuno inoltre distinguere tra una barriera "assoluta" all'entrata, che esclude completamente ogni ingresso per un certo arco temporale; e una barriera "relativa" all'entrata, che mette un soggetto in posizione svantaggiosa ma non insuperabile nel poter entrare. Secondo la tradizionale letteratura economica, vi sono cinque elementi della struttura di mercato che influenzano la capacità delle imprese già presenti di riuscire ad evitare che i profitti, maggiori rispetto al normale, attirino nuove aziende, che desiderano condividere quella situazione favorevole.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il mercato delle console elettroniche - Evoluzione e analisi economica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Tubia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Marcella Lucchetta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mercato
microsoft
oligopolio
sony
nintendo
consolle elettroniche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi