Skip to content

Limes e il conflitto israelo-palestinese

Come è cambiato il conflitto nel corso degli anni

Nel corso degli anni il conflitto tra Israele e Palestina ha subito delle modificazioni, passando dai sassi e i boicottaggi della prima Intifada, alle armi da fuoco, vista in tutto il mondo grazie alla televisione della seconda Intifada. Sicuramente la conquista dei media da parte dei palestinesi è uno degli obiettivi per riuscire ad arrivare alla costruzione di uno Stato indipendente a Gaza e in Cisgiordania.
Alla morte di otto operai palestinesi uccisi da un camionista israeliano il 7 dicembre 1987 seguì poco dopo un'insurrezione popolare durata ben sette anni. Un'analoga protesta cominciò anche nel 2000, dopo l'uccisione nello Haram Al-Sharif (Monte del Tempio) di Gerusalemme, di cinque palestinesi che protestavano all'indomani della visita del leader israeliano di destra Ariel Sharon.
Le somiglianze tra queste due forti proteste le possiamo riscontrare nel fatto che in entrambi i casi si era di fronte a un periodo di incertezza politica tra i palestinesi e furono scatenati da un incidente in una determinata località ma si diffusero rapidamente in tutti i Territori palestinesi.
Le ideologie e i metodi di protesta erano diversi tra le due Intifada. Nella prima la protesta popolare di massa e la non violenza andavano per la maggiore insieme al boicottaggio dei prodotti israeliani. I palestinesi furono esortati a non dipendere più dagli israeliani e a lavorare in direzione dell'autosostentamento o autarchia. La gente fu incoraggiata a tornare alla terra per coltivarla e proteggerla da insediamenti di coloni israeliani, anche gli abitanti delle città furono incoraggiati a creare sui balconi piccoli orti. Ideologicamente la prima Intifada tentò di distinguere tra opposizione all'occupazione e opposizione allo Stato di Israele. La protesta si espresse con scioperi, boicottaggi e varie forme di disobbedienza civile. Una protesta che irritò molto i soldati israeliani fu quella dei palestinesi di non attenersi all'ora legale estiva e invernale usata da Israele per il miglior uso della luce diurna. I palestinesi fissavano appuntamenti, aprivano le scuole e seguivano orari di lavoro secondo l'«ora palestinese» in risposta i soldati israeliani spesso controllavano gli orologi dei palestinesi e li fracassavano se non seguivano l'«ora israeliana».
Fecero parte della protesta anche azioni violente, i palestinesi usavano l'arma di cui disponevano più facilmente, i famosi sassi, per attaccare i soldati israeliani.
La seconda Intifada si è concentrata molto più chiaramente sull'obiettivo dell'indipendenza della Palestina, in essa non si è cercato di insistere su tattiche non-violente, questo perché Israele non era più presente in aree popolate da palestinesi e pertanto l'idea della disobbedienza civile non aveva molto senso, in quanto avrebbe danneggiato proprio i palestinesi e l'Anp anziché Israele. La seconda Intifada ha visto l'introduzione delle armi da fuoco come strumento regolare delle proteste, specialmente contro i coloni ebrei e le colonie vicine a comunità palestinesi. Ideologicamente i capi della seconda Intifada, pur non opponendosi al processo di pace o all'Anp, hanno tracciato una linea di condotta imperniata sulla necessità dell'indipendenza immediata e di risolvere il problema di Gerusalemme e dei profughi. Il successo della resistenza libanese è diventato un ideale romantico per molti dirigenti della seconda Intifada che desideravano un ritiro di Israele dai Territori invece di negoziati interminabili. La prova migliore di quanto appena detto è la costante presenza ai funerali di bandiere di Hizbullah.
Anche le tattiche di protesta erano diverse tra la prima e seconda Intifada. Nella prima i palestinesi usavano la tattica di attacchi brevi di sorpresa, ossia colpire e ritirarsi. Nella seconda invece l'esistenza di aree sotto pieno controllo palestinese significa che gli scontri erano limitati alle zone periferiche dei centri urbani, ma significava anche che i palestinesi e gli israeliani si affrontavano per lunghi periodi di tempo.
Per quel che riguarda la leadership nella prima Intifada l'Olp era una organizzazione illegale, e chi era accusato di appartenervi finiva nelle prigioni di Israele, in risposta a ciò palestinesi crearono il Comando nazionale unificato dell'insurrezione, il quale emanava direttive usando soprattutto i volantini che venivano rapidamente distribuiti dai sostenitori in tutta la Palestina.
La seconda Intifada invece è stata diretta diversamente, l'Olp non è più una organizzazione illegale, mentre lo sono gruppi come Hamas e la Jihad islamica. Così la leadership ha adottato il nome di Fronte nazionalista-islamico, e sebbene l'Autorità nazionale palestinese era composta di rappresentanti di Fath, all'interno di quest'ultimo emerse una nuova fazione, ovvero il Tanzim che era la parte più importante della leadership dell'Intifada. A differenza della prima Intifada, i dirigenti dell'Olp e dei gruppi islamici erano pubblici e infatti venne identificato come leader della seconda Intifada Marwan Barguti, che dal 2002 è rinchiuso in una prigione israeliana di massima sicurezza, condannato a cinque ergastoli.
La comunicazione e la copertura dei media fu chiaramente diversa per le due Intifada. Nella prima si usava il fax per collegare i palestinesi dei Territori occupati e i capi dell'Olp in esilio. Venivamo usati gli uffici di Gerusalemme est per comunicare con l'esterno, mentre per la comunicazione interna si usarono ancora volantini e graffiti, ma anche gli altoparlanti delle moschee. Le relazioni pubbliche invece erano un punto dolente per i palestinesi perché il grosso dei media internazionali era basato a Tel Aviv. Nessun palestinese lavorava per una stazione televisiva. Dato che nella prima Intifada la dirigenza era clandestina e ricercata dagli israeliani, era molto difficile trovare portavoce palestinesi in grado di parlare in modo autorevole e affidabile, poiché erano in pochi a saper parlare l'inglese e ad avere esperienza nel campo delle relazioni pubbliche.
Diversa è la situazione nella seconda, dove le comunicazioni dei palestinesi possiedono pubblicazioni proprie non censurate e media elettronici governativi e privati. Non avevano più bisogno dei volantini e degli altoparlanti delle moschee, avendo una tv palestinese e decine di stazioni radio. Gli israeliani, rendendosi conto del potere dei media palestinesi, cercarono di mettere a tacere queste "voci" bombardando la principale stazione tv di tutta la Palestina. Ma questo non fermò la forza d'animo dei palestinesi che continuarono a trasmettere, intervistando uomini politici, comandanti locali ecc. Addirittura le quotidiane sparatorie contro la comunità palestinese sono state trasmesse in diretta da molte stazioni televisive, questo perché molte di esse, avevano piazzato telecamere fuori dalle finestre degli studi e quindi erano in grado di fornire un'immagine immediata dell'azione in corso. La novità più importante, a livello mediatico, della seconda Intifada fu però quella del ruolo svolto dalle stazioni satellitari arabe con corrispondenti sul campo e collegamenti satellitari da Gerusalemme, Ramallah e Gaza con trasmissioni che andavano in onda 24 ore su 24. Un risultato duplice per questo blitz satellitare arabo perché ha fornito ai palestinesi locali notiziari puntuali e opinioni, ma allo stesso tempo ha fornito al mondo arabo e agli arabi della diaspora un resoconto esauriente degli avvenimenti quotidiani, e questo significa che per la prima volta molti cittadini arabi hanno potuto avere un'alternativa ai propri media controllati dai governi e pesantemente censurati. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Limes e il conflitto israelo-palestinese

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Risolino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi della Basilicata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Luigi Stanzione
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi