Skip to content

La ricezione critica della "Trilogia dell'incomunicabilità" di Michelangelo Antonioni

La “Trilogia dell'incomunicabilità”

Tra il '59 e il '62 Antonioni scrive e dirige tre film destinati a diventare un vero punto di riferimento per critici, intellettuali e registi d'Europa e non solo; tre film che segnano il punto più alto raggiunto fino a quel momento dalla sua opera. Si tratta de L'Avventura (1960), La Notte (1961) e L'Eclisse (1962), che costituiscono i tre capitoli di una non dichiarata trilogia, in seguito denominata in vari modi quali “Trilogia dei sentimenti” o “dell'incomunicabilità”. La scelta di concentrare la ricerca proprio su questo ciclo di opere deriva dal fatto che esse costituiscono un caso unico nel lavoro dell'autore, non necessariamente migliore o peggiore ma sicuramente differente da tutto il resto e dunque passibile di una critica specifica ed approfondita.

Si tratta di tre lavori che, per alcuni aspetti che gli sono peculiari, possono agevolmente essere isolati dal resto dell'opera antonioniana, sia dal “prima” che dal “dopo”, ovvero costituiscono sia un punto d'arrivo che un punto di partenza. Punto di arrivo perché in questi tre film si concretizzano pienamente alcuni elementi che fino ad allora erano ancora abbozzati e limitati più che altro al piano dei contenuti. Se é vero infatti che nel Grido già si trovano alcuni tratti fondamentali della poetica di Antonioni (l'impossibilità di comunicare, l'interesse non per la collettività ma per l'individuo, la ricerca sul paesaggio come espressione dell'interiorità), é altresì vero che sul piano narrativo, ad esempio, non é stata ancora compiuta una ricerca approfondita: la struttura é abbastanza classica, si assiste ad una storia che procede in un crescendo drammatico, un intreccio composto di vicende che ne scatenano altre.

Manca ancora quella 'de-drammatizzazione' di cui poi così tanto si parlerà per il cinema di Antonioni, ossia quel meccanismo tanto che non fa procedere la trama, che non porta i personaggi in nessun luogo. Sarà di fatto con i tre film della “Trilogia” che la riflessione di Antonioni diverrà esplicita, manifestandosi in modo totale, investendo trasversalmente tutti i piani della rappresentazione: non riguarderà più solo le tematiche, ma coinvolgerà la tecnica narrativa, l'uso del mezzo, la suggestione scenografica e soprattutto la caratterizzazione dei personaggi.

La “Trilogia” come punto di arrivo, si diceva, e come punto di partenza. Questo perché, nonostante la piena e felice riuscita dei suoi intenti nei tre film, la ricerca del regista non si é ancora esaurita. Antonioni, da cineasta mutevole e innovativo quale si é dimostrato, subito dopo la “Trilogia” inizia a muovere in direzioni ancora diverse, caratterizzate in maniera ancor più forte dal suo desiderio di perlustrare da cima a fondo le possibilità che il mezzo può fornirgli. Con Deserto Rosso (1964) e ancor più da Blow-Up (1966) in poi, la sua poetica sarà modificata da vari fattori quali l'uso del colore, un carattere più maturo e “internazionale” e soprattutto un nuovo tipo di indagine sullo sguardo e una riflessione metalinguistica. Spesso Deserto Rosso é stato assimilato ai tre film precedenti, andando a formare quindi una “Tetralogia”; di fatto vi sono molti aspetti coincidenti, molti altri differenti, per cui é difficile stabilire in modo univoco ed assoluto se si tratti di un quarto capitolo o di un'opera di svolta, a sé stante. Sebbene non sia questa la sede adatta a discuterne approfonditamente, accennare alcune riflessioni in merito é comunque proficuo per delineare ancor più distintamente la “Trilogia”. La prima, evidente e sostanziale differenza caratterizzante Deserto Rosso é l'uso del colore.

Questo non costituisce di certo un motivo necessario di cambiamento, ma lo é se si tratta come in questo caso di un regista che ha fatto dell'immagine e della forma un pilastro della sua cifra stilistica; é naturale che il colore, con le possibilità che offre di esplicitare l'interiorità dell'individuo e la sua percezione del mondo (possibilità sicuramente maggiori di quelle offerte dal bianco e nero), abbia spinto Antonioni ad una revisione radicale della sua tecnica.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La ricezione critica della "Trilogia dell'incomunicabilità" di Michelangelo Antonioni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Gentile
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Claudio Bisoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi