Skip to content

La cosmesi e le sue politiche distributive. L'influenza nel rapporto con il distributore. Il caso Cosmitalia.

Le formule galeniche

Alle produzioni industriali, diretta o conto terzi, finora descritte, se ne aggiunge un terzo tipo, seppure con connotazioni e implicazioni diverse: la produzione farmaceutica con le sue formule galeniche.
Le formule galeniche prendono il nome dal loro inventore, Galeno (II-III Secolo d.C.), medico dell’Antica Grecia, che produceva i propri rimedi tramite la miscela di sostanze di base e naturali. Nell’era moderna, i farmacisti, in prima istanza veri e propri preparatori, più che meri venditori, ricorsero a questo tipo di formule fino ai primi anni del XIX secolo, fino a quando, cioè, l’industrializzazione non ha concesso ai pazienti l’accesso a un numero sempre crescente di medicinali pronti all’uso. Negli ultimi anni, tuttavia, il crescente bisogno di personalizzazione da parte dei consumatori, anche in ambito farmaceutico, ha portato alla rivisitazione e riutilizzo di tali formule.

Le formule galeniche possono essenzialmente essere divise in tre tipi:

* Formule magistrali: preparazioni estemporanee prescritte dal medico (secondo la legge n. 94/98) per il singolo paziente, sono costituite anche da miscele, diluzioni e ripartizioni. Sono i preparati più utilizzati al giorno d’oggi per poter personalizzare i dosaggi, per riprodurre medicinali difficilmente o non più reperibili e per la preparazione estemporanea di medicinali non stabili dal punto di vista chimico e fisico, che non permetterebbero la vendita classica. Tali formule risultano inoltre utili per cambiare la forma farmaceutica o variare gli eccipienti, motivo di allergie.
* Formule officinali: preparate a priori e messe in vendita all’interno della farmacia stessa; vengono prodotte in base alle indicazioni riportate nelle monografie della Farmacopea italiana, Farmacopea europea, o in una Farmacopea di uno degli stati membri dell’ Unione Europea.
* Formule cosmetiche: per rispondere al crescente bisogno della popolazione di prendersi cura di sé e per poter creare cosmetici con formula variata in relazione agli eccipienti, come visto in precedenza causa di allergie.

Per poter produrre le formule cosmetiche, ad oggi, le farmacie hanno bisogno di organizzarsi come delle piccole industrie e ottenere l’autorizzazione del ministero. I problemi cui può andare incontro sono di tipo qualitativo e in base alla sicurezza degli addetti. Per la regolamentazione e la prevenzione di tali problematiche sono state sviluppate le cosiddette Norme di Buona Preparazione (NBP). Tali norme sono destinate alla regolamentazione dei canoni di pulizia, cura e ordine degli ambienti e delle apparecchiature nelle farmacie che decidono di dedicarsi alla creazione di preparazioni galeniche. Per la produzione di medicinali e cosmetici quindi sarà necessario il possedimento di strutture e risorse umane adeguate, di una buona organizzazione e gestione della tipologia e del carico di lavoro per il farmacista, un controllo continuo e documentato delle fasi di lavoro e una costante manutenzione, calibrazione e aggiornamento delle strumentazioni. La qualità del processo produttivo e del prodotto terminato sono esaminate tramite il cosiddetto SAQ (sistema di assicurazione della qualità) (cfr. Villano, 9-11).

Il responsabile generale dell’attività produttiva è il farmacista o il direttore, cui spetta il compito di assicurare il buon funzionamento del laboratorio, il reperimento delle risorse adeguate dal punto di vista qualitativo per la produzione di un prodotto di buona fattura e la gestione del personale. Al responsabile generale, inoltre, spetta il compito di definire una vera e propria regolamentazione, diversa per ogni farmacia, per stabilire i comportamenti appropriati da adottare per il corretto funzionamento del laboratorio e dei processi produttivi (cfr. Villano, 9-11).

I locali in cui le preparazioni vengono realizzate devono essere, in conformità con la legge 626 sulle norme di sicurezza negli ambienti di lavoro, pratici e igienici. Inoltre è necessario che questi risultino separati dalla farmacia, depurati tramite l’azione di cappe aspiranti che permettano l’eliminazione di polveri, illuminato, ma senza l’obbligo di finestre e con una temperatura media di 25-30 gradi centigradi e un tasso di umidità pari al 50% + 10% (cfr. Villano, 9-11).
Pertanto la produzione cosmetica si sviluppa anche all’interno del sistema farmaceutico, comportando, tuttavia, non poche problematiche. La distinzione tra “preparazioni semisolide medicamentose per l’applicazione cutanea” e “preparati cosmetici” è da sempre stata oggetto di numerose discussioni. Fino agli anni ’80 i farmacisti erano soliti limitarsi alla produzione di preparazioni topiche che venivano poi vendute su loro consiglio ai clienti che presentavano delle impurità e delle imperfezioni della pelle. Gli sviluppi costanti della fitoterapia, hanno portato però i farmacisti a interessarsi a tale ambito e a creare dei composti paralleli alle preparazioni topiche, dei veri e propri cosmetici prodotti tramite il ricorso a principi attivi vegetali, che non venivano sicuramente considerati alla pari di un medicinale, ma comunque efficaci e non dannosi per la pelle e per la salute del cliente. Le cose cambiano tuttavia sul finire degli anni ’80. Nel 1986, infatti, l’approvazione della legge n. 713 sulle “norme per l’attuazione delle direttive CEE sulla produzione e la vendita di cosmetici”, creata per regolarizzare la produzione e conferire maggiore affidabilità e sicurezza ai prodotti cosmetici, vietava alle farmacie di produrre negli stessi laboratori le formule galeniche e i prodotti cosmetici. La produzione cosmetica doveva essere quindi indipendente ed effettuata in un laboratorio costruito su calco di un laboratorio industriale e approvato dal Ministero della Sanità. Le formulazioni topiche, tuttavia, potevano ancora essere prodotte all’interno del laboratorio galenico. Negli anni ’90 si è assistito a un’ulteriore evoluzione nell’ambito della cosmesi farmaceutica. La pubblicazione della sezione C del formulario Galenico Nazionale (FN) così come la pubblicazione del Codex nel 1991, hanno ridato ai farmacisti la possibilità di produrre, accanto ai rimedi topici, quindi ai prodotti a indicazione terapeutica ben definita, preparazioni semisolide cutanee realizzate anche tramite l’utilizzo di principi attivi, non solo naturali, ma anche di sintesi (cfr. Bettiol, 2006, 295-300).

Nella cosmesi farmaceutica anche i processi di controllo qualitativo risultano essere differenti. Non vengono effettuati test per l’efficacia del prodotto, ma si conducono comunque dei test sul cosmetico stesso per valutarne la stabilità. Si ricorre quindi alla verifica della correttezza delle procedure eseguite e a un controllo dell’aspetto e delle caratteristiche organolettiche (colore, odore, sapore). E ancora è importante effettuare la determinazione del PH, il controllo di confezionamento e tenuta, così come la verifica di una corretta e accurata compilazione dell’etichetta.

Sono state fin qui delineate quelle che sono le maggiori tipologie di produzione in ambito cosmetico. Nei paragrafi successivi si dibatterà su come il prodotto finito giunga dall’impresa produttrice al consumatore finale. Verranno pertanto analizzati i canali e le scelte in ambito distributivo che si presentano davanti alle industrie cosmetologiche.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La cosmesi e le sue politiche distributive. L'influenza nel rapporto con il distributore. Il caso Cosmitalia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Sciarra
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue per la didattica, l'editoria e l'impresa - Curriculum in Comunicazione Interculturale d'impresa
  Relatore: Marco Cioppi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

distribuzione
cosmesi
immagine di marca
politiche distributive
impresa madre

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi