Skip to content

Il concetto della donna e della città nell'arte e nella letteratura surrealista

L'oggetto surrealista e la donna

In tutte le sue sfumature l'arte è sempre stata, ed è, strettamente legata al suo contesto storico – sociale. Ottima forma di propaganda, di denuncia sociale o portatrice di nuove idee e tendenze, essa è tutto ciò in una sola volta.
L'abuso che se ne può fare di questo potente strumento è riscontrabile solo negli effetti che provoca sul grande pubblico. Il giornalismo fa di una cronaca un fatto storico – politico che inevitabilmente sarà giudicato positivo o negativo agli occhi di chi si sofferma a guardarli, per poi essere trasfigurati in termini simbolici e figurativi. Sebbene l'impatto visivo sia più forte di qualsiasi altro, l'opera d'arte lascia sempre un alto livello di interpretazione personale, in quanto non esiste forma d'arte oggettiva a meno che non sia condivisa da un gruppo di artisti omogenei che hanno lo stesso scopo, ovvero fare più rumore possibile. E questo è il caso del surrealismo.
Nel surrealismo la poesia e l'arte corrono sugli stessi binari, sono al servizio di un'idea comune che si chiama rivoluzione. Punto di connessione fra gli artisti fu il marxismo. Quasi tutti i surrealisti vi aderirono. L'obiettivo politico era simile a quello artistico: cambiare la coscienza (psicoanalisi) e cambiare la società (lotta politica), per questo molti surrealisti si iscrissero alla Terza Internazionale Socialista e per questo la loro rivista fu intitolata ‘Il surrealismo al servizio della rivoluzione'. In ambedue i casi (politica o arte) il loro lavoro era contro la società borghese che controllava le leve del potere economico, politico e culturale. In una situazione in cui chiunque avesse segnato una rottura rispetto alla tradizione si sarebbe meritato l'appellativo rivoluzionario, l'estetica fu la prima a capire che il concetto della "rivoluzione per la rivoluzione" è vuota di significato come quella "dell'arte per l'arte".
Dalla sfiducia economica e dal ribaltamento di pensiero in atto, la crisi degli intellettuali e degli artisti è in primo piano. Nel surrealismo l'arte diventa una conquista dei sentimenti e dei mezzi per esprimerli sull'inconscio e sulla logica e per uscire da questo crollo psicologico e morale, di cui è stato detto, ha elaborato il modo più efficiente proponendo una soluzione d'avanguardia.
Vediamo come.
Abbiamo già visto nel primo capitolo le tappe fondamentali dell'arte surrealista e soprattutto la sua prima ispirazione al dadaismo la quale non fu altro che un trampolino di lancio.
In effetti, il surrealismo a partire dal 1922 non volle più condividere l'attività di ricerca e produzione con lo spirito Dada, e capì ben presto che il suo cavallo di battaglia sarebbe stata la filosofia e la psicologia. Queste due discipline sono il punto di partenza di tutte le composizioni surrealiste artistiche o letterarie che siano. Dunque vediamo di cosa parlano Hegel e Freud.
Da una parte Hegel pone la poesia al di sopra di tutte le arti, in quanto la definisce la vera arte dello spirito e la sintesi perfetta del suono e dell'idea. Dall'altra parte si parla della critica freudiana delle idee che fa leva sul "fenomeno di sublimazione" ovvero trasformare i sogni non in sintomi ma in creazioni artistiche, ricordiamo che il lavoro di Baudelaire poggiava sullo stesso principio:

"travail par lequel une rêverie devient un objet d'art".

In secondo luogo, la concezione della donna in Freud è molto complessa, per quel che ci riguarda la figura femminile rivela la madre morta che si nasconde nella compagna dell'uomo e quella della passante che è venuta dalla folla e mantiene una non – possessione con l'uomo, gli rimembra un secondo abbandono: quello della madre. In fondo, secondo lui ogni uomo intraprende tre diverse relazioni con la donna: lei è la genitrice dei suoi figli, la compagna ed infine la distruttrice.
L'arte surrealista si basa sul principio della presa di coscienza del tradimento delle cose sensibili. Si crea così un mondo in cui l'uomo vuole provare il meraviglioso, e per accontentare questo desiderio il surrealismo ha moltiplicato le vie che portano agli strati più profondi della mente.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il concetto della donna e della città nell'arte e nella letteratura surrealista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sheila Pilli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Daniela Gallingani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi