Skip to content

Implicazioni psicologico-formative del gruppo scout

Il ruolo dello scautismo come agenzia di formazione

L’azione educativa dello scautismo è da ritenersi complementare all’azione educativa e formativa della famiglia e della scuola.
È indispensabile notare che esso parte e si fonda su una concezione del tempo libero che si definisce essenzialmente pedagogica, in quanto si inserisce nell’intera problematica formativa dei giovani, pretendendo di rappresentare una vera e propria “terza forza educativa”, non inferiore e meno importante delle altre due (famiglia e scuola).

Questa fondamentale concezione del tempo libero è implicita agli orientamenti e alle prospettive pedagogiche dello scautismo come metodo educativo, nel senso che esso tende a trasmettere all’educando un modo di intendere e di vivere la vita espresso adeguatamente dai concetti di “stile” e di “spirito” scout che si specificano concretamente nell’acquisizione di certe virtù etiche, come l’altruismo, il senso della responsabilità personale, il gusto per l’impegno civico-sociale, l’ottimismo, la tolleranza, ecc.

Bisogna precisare, però, che lo scautismo è in grado di dare frutti positivi solo quando gli sia possibile inserirsi, senza fratture e quindi senza eccessive difficoltà, nella formazione familiare di un ragazzo. Tuttavia, la realtà delle cose è spesso diversa, sia perché accade che al Branco o al Reparto giungono bambini/ragazzi provenienti da famiglie che hanno una impostazione educativa assai lontana da quella tipica dello scautismo, sia perché anche presso certe famiglie, teoricamente vicine allo spirito scout, non sono infrequenti i casi di incomprensione e addirittura di tensione con i Capi e con i propri figli diventati scout, sia, infine, perché l’eccessivo interesse dei ragazzi per la loro vita scout viene giudicato elemento disgregatore dell’intimità familiare.

Ma bisogna riconoscere, e gli esempi non sono rari, che lo scautismo può, con la nuova sensibilità che sviluppa nei ragazzi, realizzare una vera e propria opera di bonifica di famiglie in procinto di disgregarsi o comunque prive di un’adeguata saldezza (Bertolini-Pranzini, 2001). Naturalmente, in questo compito, il dialogo svolge un ruolo fondamentale e, perciò, ogni gruppo scout organizza, solitamente ad inizio anno, un incontro per presentare lo scautismo alle famiglie dei ragazzi appena entrati e, per questo scopo, il progetto educativo rappresenta sicuramente un buon modo per presentarsi. Il contatto con i genitori, poi, dovrà essere mantenuto per tutto l’anno, privilegiando eventuali situazioni difficili, senza, però, tralasciare le altre realtà.

Quando lo scautismo viene accusato di essere troppo assorbente con le sue attività impegnative e soprattutto con il grande interesse che riesce a suscitare nei ragazzi (e questo si fa sentire principalmente la domenica quando i genitori avrebbero piacere di uscire con i propri figli), non si tiene conto del bisogno naturale di tutti i ragazzi di evadere dal mondo familiare, bisogno che viene soddisfatto dallo scautismo.

Inoltre, non si può sottovalutare l’apporto indiscutibilmente importante che, ad una vita familiare, può essere dato da un ragazzo che si senta intimamente felice e che abbia fatto suoi quei valori fisici e morali propri dello scautismo (Bertolini-Pranzini, 2001).
Pur in una posizione di inferiorità, per i motivi già detti in precedenza, lo scautismo è sempre stato in grado di porsi come collaboratore complementare dell’educazione scolastica con un apporto continuo e costruttivo alla formazione della personalità, denominata “character” da Baden-Powell, e con il quale non si intende solo il complesso di atteggiamenti e comportamenti che l’individuo assume davanti ai vari problemi della vita, ma anche le qualità essenziali permanenti della persona (intelligenza, temperamento, carattere, fattori culturali e principi morali).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Implicazioni psicologico-formative del gruppo scout

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simona De Santis
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Salvatore Sasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 140

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

formazione
educazione
scautismo
metodo scout
gruppo scout

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi