Skip to content

Il gioco dimenticato. Giocare fra tradizione e innovazione

Il problema è che i bambini non hanno degli hobby

A Milano sono stati costruiti moltissimi parchi anche molto belli però manca la figura del custode, una persona che in alcune ore della giornata segua il parco e possa giocare con i bambini. Ogni parco dovrebbe avere una casettina dei giochi contenente ad esempio biglie, pista dei tappi, cosicché ogni bambino abbia la possibilità di giocare, di appassionarsi, di organizzarsi con altri bambini per dare inizio ad esempio a qualche gara.
Inoltre a Milano ci sono tantissime piastre per pattinare non utilizzate, queste potrebbero essere dei cortili di gioco e l'Accademia per rivalutare questi spazi non sfruttati con bombolette spray ha ultimamente disegnato il gioco della campana, del filetto, la pista dei tappi, i quadrotti della dama.
I bambini non hanno degli hobby, con molta fatica si creano situazioni in cui un bambino possa divertirsi con quello che fa l'Accademia. Essa vive della bravura di qualcuno che riesce a convincere qualche Assessore o Presidente di zona a finanziare qualche progetto, ma sono tutti estemporanei, invece tutto ciò dovrebbe essere quasi istituzionalizzato, dovrebbe avere un riconoscimento più ufficiale, dovrebbe esserci un programma preciso e dettagliato che dia continuità nel tempo e che permetta ai bambini, quando ne hanno voglia, di poter giocare con i giochi tradizionali e di crearsi un loro hobby, un tempo da dedicare solo a ciò che loro vogliono fare.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il gioco dimenticato. Giocare fra tradizione e innovazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Rossi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Francesca Antonacci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

innovazione
gioco
huizinga
tradizione
strada
ludico
accademia
giocattolo
dimenticato
parlebas

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi