Skip to content

Vichinghi: antichi viaggi di esplorazione nell'Atlantico settentrionale

Colonizzazione e successivo abbandono della Groenlandia

"Uomini dotti ci narrano che, quella stessa estate, Eirik il rosso partì per colonizzare la Groenlandia; trentacinque navi salparano da Breidafjord e da Borgarfjord, ma soltanto quattordici di esse riuscirono ad arrivare fin là. Alcune furono costrette a tornare indietro, altre naufragarono. Questo accadde quindici anni prima che la religione cristiana diventasse legge in Islanda".
Grœnlendinga saga, cap.1

In Islanda molti furono colpiti dai racconti di Erik il Rosso e molti erano pronti a seguirlo. Con al seguito trentacinque navi (solo quattordici arrivarono però alla meta), all'inizio dell'estate del 986 torna in Groenlandia, iniziando così l'effettiva colonizzazione che conta non meno di quattrocento persone, praticamente tutte islandesi.

Dopo alcuni esperimenti, Erik decise di costruire la sua futura dimora presso Eiriksfjord (nome deciso da Erik in persona), chiamandola Brattahlíd, ossia Pendio Scosceso.

Brattahlid divenne la "capitale" dell'Insediamento orientale e fino all'insediamento presso Gardar del vescovado, anche il centro spirituale dell'isola.

Presso Brattahlid infatti fu costruita la prima chiesa del Nuovo Mondo, chiamata Þjóðhildarkirkja (chiesa di Thjodhild, ora una piccola cappella). Una recente ricostruzione di questa cappella si trova oggi a poca distanza dal luogo originario.
Nel massimo della sua espansione l'insediamento arriverà a contare circa centonovanta case coloniche.

Successivamente, altri uomini coraggiosi decisero di spingersi trecento miglia a nord-ovest rispetto al primo insediamento, creando l'Insediamento occidentale, nel distretto dove oggi sorge la capitale e centro principale groenlandese Nuuk.
Si tratta di un insediamento più piccolo di quello orientale, con una novantina di fattorie e quattro chiese, arrivando a contare circa un migliaio di abitanti.

Spesso questi coloni hanno cercato di addentrarsi nel paese alla ricerca di terre sgombre dai ghiacci e quindi abitabili ma nessun luogo, al di fuori della breve striscia di costa dove si insediarono, era abitabile.

Uomini che prima di tutto erano allevatori-agricoltori, preoccupati dell'allevamento del bestiame e quindi alla continua ricerca di buoni pascoli. Essi si trovavano in grande abbondanza non lungo le coste più esterne, ma all'interno dei fiordi, molto spesso vicini ai ghiacciai perenni.

È qui che costruirono le loro case con stalle in pietra e torba. Utilizzarono inoltre il legno trasportato dalla corrente per costruire i tetti e all'interno lo stile era quello islandese, leggermente riadattato.

Secondo il manoscritto Lo Specchio del Re, "I pascoli sono buoni e ci sono grandi ed eccellenti fattorie in Groenlandia. La terra produce un'erba buona e fragrante, i contadini allevano pecore e bestiame in gran numero, e fanno burro e formaggio in grande quantità. La gente vive soprattutto di questi prodotti e di carne di manzo, si nutre anche di cacciagione di vario tipo, come di renne, balene, foche e orsi. Di questo vivono gli uomini di quel paese".

Mancavano però grano, ferro e soprattutto legname in quantità soddisfacenti; il commercio quindi era vitale, e all'inizio prospero, grazie all'esportazione di pelli e pellicce, olio, lana e avario di tricheco e anche di orsi bianchi e falchi.

Molto richiesti erano anche gli articoli di lana provenienti dalla Groenlandia; lo stesso Leif Eiriksson, la cui storia sarà trattata più avanti, pensava che un mantello di lana, un cinturino d'avorio di tricheco, un anello al dito e un bambino nella culla sarebbero stati i doni più adatti per la sua amante alle Ebridi.

Con un commercio così prospero quindi, almeno teoricamente, la vita di questi uomini bianchi ai confini del mondo conosciuto poteva continuare.

I groenlandesi quasi da subito ebbero una costituzione simile a quella islandese, un'assemblea nazionale e un codice di leggi. Tutto ciò durò però solo fino al 1261, quando i groenlandesi accettarono la sovranità del re di Norvegia, rinunciando alla propria indipendenza in cambio di una serie di concessioni commerciali mai applicate.

Per quanto riguarda la fede, il piccolo stato della Groenlandia fu fondato quando l'epoca pagana stava per terminare. Tra coloro che salpavano infatti, molti avevano già subito l'influenza del Cristianesimo; un esempio illustre riguarda la moglie dello stesso Erik, Thjodhild che si fece costruire una piccola cappella vicino a casa.

Interessante poi che le chiese, escluse le prime, di cui oggi abbiamo diverse rovine, erano costruite sul modello di quelle presenti sulle isole scozzesi, e non nella consueta forma islandese.

La colonia continuò a sopravvivere fino all'inizio del XVI secolo per poi scomparire per ragioni ancora oggi non del tutto chiare.

Quello che sappiamo con certezza è che questi coraggiosi colonizzatori potevano sopravvivere solo se le condizioni generali non mutavano in peggio. Se l'Islanda era considerata l'estremo limite del mondo abitabile, la Groenlandia era abbondantemente oltre tale limite.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Vichinghi: antichi viaggi di esplorazione nell'Atlantico settentrionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Locatelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze umane dell'ambiente del territorio e del paesaggio
  Corso: Scienze geografiche
  Relatore: Antonio Violante
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

viaggi di esplorazione
norvegia
vichinghi
islanda
l’anse aux meadows
vinland
groenlandia
vinlandia
erik il rosso
atlantico settentrionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi