Skip to content

Studio e progettazione di una rete di Geoindicatori per il monitoraggio ambientale del territorio provinciale savonese

Caratteristiche geomorfologiche ed idrogeologiche

La morfologia dell'area è caratterizzata dall'erosione differenziale esercitata sui litotipi presenti. La predisposizione all'erosione ed ai movimenti franosi delle formazioni a forte componente marnoso – argillitica ha dato luogo alla costituzione di vaste zone ricoperte da coltri detritiche, permettendo la coltivazione per terrazzamento dei versanti e la realizzazione di insediamenti urbani (spesso soggetti a fenomeni di instabilità).
Il reticolo idrografico si è impostato lungo le principali linee strutturali. Il F. Centa scorre in una ampia piana alluvionale formatasi per gli apporti provenienti dai torrenti Lerrone, Arroscia, Pennavaire e Neva, che hanno progressivamente riempito nel Quaternario, con i loro contributi detritici, un ampio golfo che caratterizzava la morfologia del litorale locale (Civano et al., 2002). Questo vasto deposito alluvionale è sede di un acquifero produttivo in cui le diverse falde sovrapposte non sono più discernibili tra loro sotto il punto di vista della qualità chimico – fisica dell'acqua. Infatti a causa della indiscriminata terebrazione di pozzi, spinti a diverse profondità e fenestrati lungo tutta la loro lunghezza, le diverse falde si sono messe irrimediabilmente in comunicazione.
Discorso a parte merita la zona di Ceriale (posta immediatamente poco più a Nord) dove si è instaurata una circolazione idrica sotterranea verosimilmente separata da quella della Piana di Albenga. Ad alimentare tale zona sono infatti gli scarsi apporti derivanti dai bacini del T. Torsero e del Rio Carenda e minori, e derivanti dalle acque di ricarica dei rilevi montuosi posti a Nord. Tali scarsi apporti, uniti ai cospicui emungimenti effettuati in zona, hanno esposto la falda locale alla risalita del cuneo salino costiero.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Studio e progettazione di una rete di Geoindicatori per il monitoraggio ambientale del territorio provinciale savonese

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Pucci
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Dottorato in Scienze della Terra XXVI Ciclo
Anno: 2015
Docente/Relatore: Laura Gaggero
Correlatore: Rosa MariaD'Acqui
Istituito da: Università degli studi di Genova
Dipartimento: DISTAV
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 455

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sviluppo sostenibile
impatto antropico
area marina protetta
analisi serie storiche
acque sotterranee
inferenza statistica
climate change
geoindicatori
fenomeni geologici
acque marine

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi