Skip to content

La Comunicazione nell'ambito di progetti di Sviluppo Sostenibile. Case Study: il Car Sharing, nuova frontiera della mobilità sostenibile.

I media e le issues ambientali

Un ruolo fondamentale di supporto nella promozione di comportamenti ambientali sostenibili e nell'aumento di sensibilizzazione alle tematiche ambientali è rivestito dai mass media. Tuttavia, l'incertezza che caratterizza i fenomeni ambientali e le scarse conoscenze scientifiche rispetto a molti di questi, sono alla base delle critiche mosse ai media di trattare in modo semplicistico la tematica ambientale e di veicolare messaggi contraddittori che sono motivo di perdita di credibilità. L'incertezza e la complessità di informazioni scientifiche su molti fenomeni ambientali sono dovute a diversi fattori, quali l'assenza e l'incompletezza di dati o la non assoluta conoscenza dei processi naturali e umani, dovuta ai meccanismi non lineari di causa-effetto che li governano. I dissensi tra esperti generano una situazione di conflitto tra ipotesi ugualmente accreditate e, paradossalmente, i mass media anziché ridurre le controversie, le alimentano al punto di perdere interesse in un problema ambientale se genera concordanza. I mass media detengono un ruolo fondamentale, poiché possono facilitare la comunicazione tra, da una parte, gli esperti appartenenti alla comunità scientifica e, dall'altra, i decisori politici e i cittadini. Di fronte a molteplici elementi di incertezza dovrebbero ridurre le controversie, integrando i dati complessivi provenienti da diverse fonti e rendendoli comprensibili per il pubblico e usufruibili dai decisori politici. La saltuarietà, l'allarmismo e quindi il ridimensionamento, accanto alla semplificazione dell'informazione sull'ambiente, mettono in luce come l'intero fenomeno sia trattato rispetto al suo "far notizia", in occasione di catastrofi e incidenti e rispetto alle sue implicazioni politiche, con conseguenze sulla ricezione, quali assuefazione, paure ingiustificate, mancanza di credibilità. Ballardini sottolinea come la copertura giornalistica dei temi ambientali sia veloce e saltuaria a privilegi l'evento negativo rispetto a quello positivo. La maggior parte delle notizie sull'ambiente che compaiono sui quotidiani sarebbero legate a tragedie ed emergenze di immediata enfatizzazione a cui seguirebbe il silenzio. Le cronache e il commento prevarrebbero sull'analisi scientifica e sull'inchiesta, mentre il posizionamento nell'ambito delle pagine, distribuito in svariate sezioni, sarebbe di scarsa visibilità per il lettore. Per quanto riguarda le competenze dei giornalisti, seppure manchi nella maggior parte delle testate, un referente specifico che tratti regolarmente le tematiche ambientali, la costituzione nel 1992 di un'associazione di giornalisti italiani ambientalisti (AIGA) e, nel 1997, di un'organizzazione di comunicatori ambientali attivi nelle imprese e negli enti pubblici (Comunica), segnano un'inversione di tendenza. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Comunicazione nell'ambito di progetti di Sviluppo Sostenibile. Case Study: il Car Sharing, nuova frontiera della mobilità sostenibile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Di Silvestro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Pubblicità e comunicazione d'impresa
  Relatore: Eugenio Iorio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 128

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi