Skip to content

Oltre la libertà di espressione: i discorsi di odio online

La visione liberale degli Stati Uniti d'America

Dopo avere delineato le ragioni e le modalità della punibilità dei discorsi di odio, nel presente paragrafo si intende evidenziare la netta inversione di visione e di valori nella tradizione legale americana, dove qualsiasi restrizione ai discorsi di odio può essere vista come un vero attacco alla libertà di espressione, una censura ad uno spazio legittimo di dibattito e di verità.
La democrazia americana venera la libertà di espressione e contiene un divieto esplicito di alcuna interferenza statale: la base di partenza su cui si fonda questa visione è riconducibile al pensiero di Locke in cui prevalgono le libertà negative sulle libertà positive garantite tramite l'intervento statale.
Gli estremi sostenitori del libero scambio di idee e della libertà di espressione, estesa anche ai discorsi di odio, ritengono illegittimo che un governo, ricorrendo al proprio potere coercitivo, possa imporre in via preventiva delle leggi "upstream laws" contro certe espressioni che fomentano odio, solo al fine di modellare, con un approccio più ad personam e quindi inadatto ad una società democratica, le condotte dei consociati.
Hilary Clinton, nella prolusione alla George Washington University, ha dichiarato che gli Stati Uniti accettano il rischio di un uso distorto della libertà di espressione (online) e si astengono da azioni censorie, convinti che tra la repressione delle idee e la loro più estesa circolazione debba prevalere quest’ultima, perché essa ha in se gli anticorpi contro le minacce.
Il Senato degli Stati Uniti d'America ha comunque ratificato la Convenzione contro il cybercrime, ma non ancora il Protocollo addizionale proprio perché rimangono dei disaccordi sulle strategie da applicare contro i discorsi di odio.
Gli Stati Uniti non regolamentano l'hate speech, convinti che la più ampia libertà di espressione sostiene la partecipazione attiva dei cittadini e dunque interferire con essa, significherebbe minare la democrazia stessa.
A riguardo, il giudice Oliver Wendell Holmes parlava della filosofia del marketplace of ideas come metafora tra il mercato dei beni e quello delle idee, secondo cui deve essere sempre garantita la competizione aperta di tutte le idee perché garantiscono una corretta crescita partecipativa della società.
Il clear and present danger test è stato usato come parametro per definire quando vada protetta la libertà di espressione o quando si tratti di hate speech: i discorsi di odio non cessano di essere protetti per la sola ragione che possano nuocere o offendere altre persone, ma solo quando c'è un pericolo attuale di un danno immediato o la reale intenzione di provocarlo. Solo in tali circostanze il Congresso degli Stati Uniti è autorizzato a porre dei limiti alla libertà espressione.
Ma in generale, i discorsi di odio sono tollerati anzi addirittura è preferibile che il razzismo sia tollerato piuttosto che represso, perché potrebbe diventare più pericoloso. Il fatto che le parole offensive, ingiuriose o di odio ad un certo punto possano potenzialmente generare una condotta criminale, non giustificherebbe il divieto di certe espressioni. E se davvero un possibile pericolo potenziale sia tutto ciò che si richieda per prevenire future condotte criminali, un giorno all'altro potrebbe prendere forma uno stato di polizia.
Nella visione americana i discorsi di odio sono separati dall'azione, c'è una distinzione tra quello che le persone pensano o dicono, e quello che fanno: non sono le parole in se che determinano gli eventi, ma la considerazione che si ha di esse. L'unica soluzione legittima per contrastare i discorsi di odio sarebbe un dibattito costruttivo e non la loro regolamentazione. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Oltre la libertà di espressione: i discorsi di odio online

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luisa Zappalà
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Marinella Fumagalli Meraviglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 188

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione europea
libertà di espressione
giurisprudenza
corte europea dei diritti dell'uomo
tribunale penale internazionale
evoluzione normativa
hate speech
visione liberale
comitato dei diritti umani
comitato per l'eliminazione delle discriminazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi