Skip to content

Adenocarcinoma Pancreatico Duttale: peculiarità e fascino genetico del ''Silent Killer''

Caratterizzazione genomica

Gli studi di caratterizzazione genomica del PDA sono finalizzati a mettere in luce tutte le variazioni genetiche per le quali vengono alterati i meccanismi molecolari cellulari, così da poter conoscere le vie metaboliche alterate in questa neoplasia e individuare nuovi potenziali bersagli terapeutici.

In particolare, la conoscenza delle mutazioni più frequenti, alla base della carcinogenesi, si può rivelare utile ai fini di identificare l'insorgenza delle lesioni pre-cancerose, le quali appaiono istologicamente normali. Da questa comprensione consegue l'acquisizione di informazioni utili al miglioramento delle terapie attualmente a disposione, considerando che una terapia definitiva per questa neoplasia non esiste, al di fuori delle speranze concesse dalla chirurgia, una pratica comunque accessibile ad una minoranza dei pazienti affetti.

Attraverso le indagini molecolari, è noto che i meccanismi di alterazione genetica degli oncosoppressori e degli oncogeni sono svariati, passando dalla "loss of function" dei primi, per causa di mutazioni puntiformi o deletive, fino alla "gain of function" dei secondi, per causa di mutazioni inserzionali, deletive, amplificative o di riarrangiamento genomico, ovvero eventi di traslocazione cromosomica.
Quest'ultimo evento è responsabile della formazione di anomali prodotti proteici o dell'espressione aberrante/incontrollata di tali geni.

Queste mutazioni si distinguono in:
- SNV (Single Nucleotide Vatiant);
- Inserzioni/delezioni;
- CNV (Copy Number Variant);
- Traslocazioni;

In realtà, il climax genetico di questo tumore è ben più complesso, in quanto devono essere considerate anche le anomalie cromosomiche, nella forma di traslocazioni intercromosomiche/intracromosomiche, e la fusione cromosomica, evento responsabile della perdita funzionale di alcuni geni i cui prodotti proteici sono strettamente coinvolti nei meccanismi regolativi della proliferazione e del differenziamento cellulare. Molte delle mutazioni funzionali (dette "driver") sono accompagnate da mutazioni intercorrenti (dette "passenger"), le quali originano dall'instabilità genomica originata dalle prime, rendendo variabile non solo la tipologia di mutazioni riscontrabile, ma anche il loro numero.

Da quanto detto, è chiaro che il sequenziamento del DNA tumorale ha un ruolo clinico e di comprensione biologica fondamentale. Ad esempio, analizzando il DNA delle linee germinali di individui con una forte storia familiare di PDA si possono agilmente identificare individui ad alto rischio per predisposizione genetica. Inoltre, conoscere gli eventi mutazionali permette di identificare dei potenziali target terapeutici, così come permette di notare plausibili marker biologici, impiegabili per fini prognostici, o marcatori molecolari utili per la predizione della risposta del paziente alla terapia selezionata.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Adenocarcinoma Pancreatico Duttale: peculiarità e fascino genetico del ''Silent Killer''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Samuel Fantasia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze biologiche
  Corso: Scienze biologiche
  Relatore: Andrea Splendiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pda
genetica pda
adenocarcinoma pancreatico duttale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi