Skip to content

Il manga. Dall'arcipelago del Sol Levante al Bel Paese, la storia di un bene culturale

I fenomeni legati al manga

Cosplay
Il termine cosplay è la crasi tra le parole inglesi costume e play e consiste nell'hobby di indossare letteralmente i panni del proprio personaggio preferito.
Questo fenomeno non è strettamente collegato ai manga ma riguarda una più ampia varietà di prodotti, dalle serie tv ai film fumetti statunitensi e occidentali ai videogiochi, dai cantanti e perfino agli spot pubblicitari.

Il cosplay ha avuto origine in Giappone tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta ma ebbe rilievo negli anni Novanta quando per la prima volta la stampa nipponica dedicò un articolo al fenomeno approfittando dei costumi di un gruppo di ragazzi ispirati alla serie Neon Genesis Evangelion. Il travestimento degli appassionati appartenente a personaggi di un manga o anime non solo si è diffuso enormemente ma ha contribuito ad ampliare la fama delle opere e a sottolinearne l'importanza acquisita gradualmente in ogni angolo del globo.

Gli appassionati usano travestirsi durante fiere ed eventi ma anche organizzando tra di loro giochi di ruolo o servizi fotografici.
Alcuni cosplayer prendono il nome di cross-dressing perché sono soliti travestirsi da personaggi di sesso opposto rispetto al loro. In Giappone poi è di moda il genderswap, ovvero la consuetudine di ritrarre - e quindi anche interpretare tramite cosplay - il personaggio di un'opera famosa al quale viene cambiato sesso. Durante una fiera, ad esempio, potrebbe essere possibile notare la versione maschile della Principessa Mononoke dell'omonimo film di Hayao Miyazaki o quella femminile di Naruto. Il successo presso i fan di questo fenomeno ha fatto sì che in alcuni casi gli stessi mangaka, tra cui il popolare Eiichir Oda, diventassero autori di episodi comici genderswap delle loro serie.

I cosplay vengono molto sfruttati durante le manifestazioni per inscenare esibizioni in cui il singolo o il gruppo recitano la parte del proprio personaggio restando fedele alla natura dell'opera originale o al contrario offrendo una scena in chiave parodistica e/o comica. Le esibizioni sono più frequenti e acclamate al di fuori del Giappone. Spesso vengono creati dei concorsi al termine dei quali viene premiato non solo il costume meglio realizzato ma anche l'interpretazione più coerente con l'opera originale. Alcuni cosplayer prendono molto sul serio la loro passione, cucendo e costruendo da soli i propri abiti, ma sono cosplayer anche coloro che acquistano o commissionano il proprio costume ad altri.

Il sito Cosplay Italia stila l'esatta definizione di cosplay attraverso diversi punti: il cosplayer non si limita a indossare una parrucca e gli accessori del personaggio ma lo deve interpretare, e al contempo non basta interpretare il personaggio se non lo si eguaglia fisicamente con i relativi accessori (tra cui armi come la spada di Inuyasha, tatuaggi particolari come il ragno sulla schiena di Kagura, personaggio sempre appartenente all’universo di Inuyasha, segni distintivi come la saetta sulla fronte di Harry Potter). Durante le fiere del fumetto e dei giochi i cosplayer si mettono in gioco partecipando ai concorsi istituiti ma la cosa più importante è scambiare contatti con altre persone con la stessa passione.

Il sito spiega che già la scelta del personaggio da interpretare è una fase delicata perché ci si deve calare totalmente in un determinato ruolo ed è quindi consigliato scegliere uno dei propri personaggi preferiti per riuscire ad identificarsi con esso.

Occorre poi raccogliere una grande quantità di immagini che ritraggano il personaggio da più angolature per studiarne i dettagli e fare attenzione a reperire il materiale dalle opere originali e non da disegni dei fan che potrebbero modificarne particolari e accessori.

Il costume, come detto, può essere realizzato da sé o con l'aiuto di qualcuno, lo si può commissionare ad altri, lo si può acquistare, si possono utilizzare stoffe presenti in casa o comperate per modificarle, si possono modificare costumi precedenti. Le parrucche sono disponibili presso negozi di costumi e accessori, di prodotti per capelli o specializzati nel settore teatrale ma prevalentemente i cosplayer usano Internet, dove se ne trovano di tutti i colori e tagli: è preferibile effettuare le ricerche utilizzando termini in inglese restringendo il campo con l'aggiunta della tonalità o del personaggio che si vuole interpretare. Sono sconsigliate le parrucche con effetto lucido che subito fanno intendere che si tratta di capelli finti mentre le migliori sono ritenute quelle in fibra kanekalon, più realistiche e belle.

Il trucco è un'altra chiave importante per la riuscita del cosplay: dal trucco leggero al body painting, i materiali per qualsiasi tipo di effetto speciale che modifichi il viso aggiungendo particolari riconducibili al proprio personaggi sono reperibili nei negozi di make-up professionale.

Spesso servono anche le lenti a contatto perché il personaggio ha il colore degli occhi diverso da quello dell'appassionato.
L’interpretazione del personaggio non deve scendere in secondo piano. Oltre alle già citate scenette di pochi minuti durante le gare nelle fiere, che comunque non sono obbligatorie, anche quando viene chiesta una foto il cosplayer si impegna nel fornire una posa che rappresenti e ricordi il suo personaggio.
Come in tutte le cose, ci sono i cosplayer cosiddetti "della domenica" e ci sono i cosplayer influenti, conosciuti e famosi, che spesso guadagnano con la loro presenza in alcuni eventi, perché sponsorizzano dei prodotti o perché ne vendono o consigliano altri sui loro siti web.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il manga. Dall'arcipelago del Sol Levante al Bel Paese, la storia di un bene culturale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marialaura Squillace
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Rossella Menegazzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi