Skip to content

La contraffazione dell'agroalimentare italiano: analisi del fenomeno e nuovi approcci risolutivi

L'Agropirateria on-line

Gli svariati mutamenti che hanno coinvolto il processo di produzione, distribuzione e commercializzazione di beni contraffatti non potevano restare immuni alla svolta tecnologica che ha riversato le sue conseguenze su tutti gli aspetti dell'economia, legali e non. Così era inevitabile che anche il web entrasse a far parte del processo di falsificazione fino a diventarne un tramite di vendita semplice, efficace, e, per certi versi, anche più discreto dei canali commerciali tradizionali.
Il Made in Italy agroalimentare è preso di mira anche sotto questo versante; non è stato difficile per l'ICQRF trovare sul Web casi di riferimenti a produzioni italiane totalmente infondati, in vendita anche su siti di catene commerciali prestigiose.
Esempi eclatanti possono essere il "Tuscan Extra virgin olive oil", il quale veniva commercializzato con il marchio "Harrods" sul sito www.harrods.com, oppure il "San Daniele Ham" che si poteva acquistare sul sito inglese www.lovingexcellence.com, entrambi ovviamente lungi dall'avere qualche cosa a che fare con gli originali.
Negli ultimi anni, dal 2014 in particolare, l'ICQRF ha visto crescere e diversificarsi notevolmente il suo ruolo in conseguenza di questi cambiamenti ed ha pertanto rafforzato la propria attività volta alla protezione dei prodotti agroalimentari italiani di qualità, anche a livello europeo, contrastando, allo stesso tempo fenomeni di usurpazione, evocazione, uso commerciale diretto o indiretto, o pubblicità ingannevoli.
La sua attività si è orientata quindi anche alla risoluzione della problematica "agropirateria on-line", attraverso la costituzione di un accordo, insieme ad AICIG, con eBay, uno dei più grandi players mondiali dell'e-commerce, per tutelare dalla contraffazione in tutte le sue fattispecie i prodotti agroalimentari Made in Italy, e allo stesso tempo promuovere la corretta informazione dei consumatori sul Web. Il meccanismo di protezione, basato operativamente sul programma dedicato "eBay VeRO", consente all'ICQRF di inviare ad eBay notifiche di violazione riscontrate sul web; dopo la verifica della violazione, la piattaforma eBay procede alla rimozione delle offerte commerciali di prodotti contraffatti. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La contraffazione dell'agroalimentare italiano: analisi del fenomeno e nuovi approcci risolutivi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Pievani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Gianpaolo Baronchelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi