Skip to content

Resistenze al cambiamento - Comunicazione come processo di Innovazione

Internazionalizzazione delle organizzazioni e delle PMI familiari

Si desidera, innanzitutto, chiarire che: nel comprendere al meglio questi sistemi impresa famiglia associati a fenomeni di cambiamento, si analizza da cosa è influenzata la ricettività nella presenza di determinate scelte.
In primo luogo, a dominare questo processo sono: la scelta degli obiettivi condivisi e la soddisfazione delle aspirazioni famigliari.
Gomez-Mejia e i suoi collaboratori descrivono come le dinamiche della famiglia e dei sistemi aziendali s’intreccino in queste aziende, con storie ricche di tradizioni, di passione e di ricordi intensi, trasmessi talvolta da generazioni accompagnati da significativi elementi emotivi. (Gomez-Mejia, Cruz, Berrone, & Castro, 2011)
Per questi connotati, essi tengono a precisare che una delle prime significative variabili da prendere in considerazione è: le imprese familiari non si concentrano esclusivamente sulla massimizzazione dei ritorni economici.
La dimensione data dal controllo familiare è tale che anche gli obiettivi sono diversi rispetto a una tradizionale impresa lavorativa. In questi casi, gli obiettivi, sono inseguiti per promuovere i valori della famiglia attraverso il business; oltre che preservare il controllo della società alla famiglia, quale tramando favorente il lignaggio.
Queste decisioni sono sempre e comunque scelte nel rispetto degli obblighi e delle regole familiari.
L’obiettivo di prestazioni non esclusivamente con un fine economico, non definisce che le imprese familiari rimangano indifferenti alla ricchezza finanziaria e ai risultati economici. È più ragionevole asserire che: le imprese familiari soppesino e vogliano bilanciare risultati economici e non economici, come basilare strategia lavorativa.
Inoltre, il perseguimento di obiettivi non economici non necessariamente è sempre a scapito dell’economia di un’impresa (Zellweger & Nason, 2008).
La psicologia, anche in quest’ambito, sviluppa progressi e progetti di ricerca quotidianamente nel tentativo di sopperire alle richieste e alle necessità emerse in campo sociale e lavorativo.
Questo discorso è utile per marcare quanto la dimensione sociale, psicologica e comunicativa sia fondamentale nell’analisi di variabili obiettivo della ricerca.
Il mondo sta cambiando e forme di consulenza psicologica sono sempre più spesso utilizzate per creare progetti che accompagnino organizzazioni sociali e lavorative durante periodi di cambiamento difficili da affrontare.
Si desidera quindi proporre un parallelismo tra i fenomeni di comunicazione e cambiamento dei sistemi famiglia impresa, specialmente riguardo all’internazionalizzazione, con la teoria e la pratica presente.
Questa esposizione si basa un modello teorico adatto per l’esame di questi fenomeni e in parallelo alla possibilità data dalla psicologia applicata.
L'internazionalizzazione delle piccole medie imprese familiari (PMIf) è stata oggetto di studio più accurato negli ultimi venti anni ed è supportata da una vasta ricerca, seppur ancora poco specializzata (Sciascia, Mazzola, Astrachan, & Pieper, 2010).
Le PMIf, tradizionalmente, date le loro caratteristiche operano entro i mercati nazionali.
Specialmente nel presente, però, per ritrovare loro stessi sono sempre più costretti a internazionalizzarsi, questo nel tentativo di sopravvivere a un mercato che sta diventando sempre più globale e concorrenziale.
Poiché l'internazionalizzazione delle PMI è un fenomeno molto diverso da quello delle grandi imprese, è importante indagare queste organizzazioni come entità distinte, tentando di identificare le loro specificità e il loro ruolo nell'internazionalizzazione.
La ricerca si è occupata dei più disparati problemi, fornendo molti campi d’analisi, ad esempio: i primi consigli dati dagli studi, verso i gestori e proprietari, furono in merito alla massimizzazione dei ricavi da un numero limitato di mercati esteri, piuttosto che perseguire aggressivamente l'internazionalizzazione su un fronte più ampio (Zahra, 2003).
Oppure, un altro studio è riguardo allo sviluppo a tappe in un’internazionalizzazione, questo a causa della difficoltà nel costruire un ventaglio e un portafoglio di risorse strategiche e economiche adeguate (Fernandez & Nieto, 2006). Un’altra ricerca invece, esamina gli aspetti della cognizione manageriale definendo l’importanza di: percezione del rischio, proattività, la tolleranza per l'ambiguità e l'orientamento internazionale (Acedo & Jones, 2007).
Sono molti gli esempi che si potrebbero citare, la ricerca via via si è sempre più affinata, diversi modelli e teorie si evolvono tuttora ed essendo un tema recentemente preso in considerazione sono ancora presenti aspetti lacunosi. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Resistenze al cambiamento - Comunicazione come processo di Innovazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Eric Marchesi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica
  Relatore: Ugo Morelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 187

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

innovazione
comunicazione
leadership
internazionalizzazione
valorizzazione
networking
strategie contro resistenze al cambiamento
pensiero lento pensiero veloce
social skill
organizzazione e lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi