Skip to content

Analisi di una traduzione manoscritta de "Il Principe" (manoscritto 1017 BNE)

La parafrasi, evoluzione concettuale

Nel 1813, Friedrich Schleiermacher espose il discorso Methoden des Übersetzens, metodi per tradurre, alla Reale Accademia di Berlino gettando le basi per la creazione della moderna scienza della traduzione: in particolare il filosofo mise in evidenza il concetto di lingua, intesa non soltanto come un mezzo di espressione ma anche come strumento capace di forgiare il contenuto mentale oltre che di esprimerlo.

Secondo la concezione di Schleiermacher, la parafrasi È la creazione di un discorso non umano, che al massimo può fungere da commentario, e persegue un obbiettivo molto ambizioso: infondere nel lettore la stessa reazione suscitata dall'originale.

Efim Ètkind, nel suo saggio sulla traduzione, Un'arte in crisi, suddivide le varie tipologie di traduzione individuandone sei tipi: la traduzione informativa, che non ha pretese estetiche e ma denota il contenuto; la traduzione interpretativa, che mescola al proprio interno testo, commento, parafrasi e analisi del traduttore, presentando una sorta di spiegazione incorporata; la traduzione approssimativa, che rinuncia a priori a creare un testo e si accontenta rendere al lettore un'idea di come possa essere l'originale; la traduzione ri-creativa, che rielabora la struttura ed esalta il ruolo del traduttore; infine la traduzione imitativa ad opera di scrittori che non tentano di ricreare l'originale ma di esprimere sé stessi.

Secondo la Teoria della Traduzione e Pratica Traduttiva, manuale scritto da Jakov Iosìfovič Recker nel 1974, la differenza tra una parafrasi e una traduzione sta nel fatto che la seconda non solo riporta ciò che È espresso nell'originale, ma lo si comunica nello stesso modo.

Sulla base di questi studi non vi alcun dubbio che il manoscritto in questione riporti solo in parte il pensiero di Machiavelli e che quindi si tratti di una parafrasi. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi di una traduzione manoscritta de "Il Principe" (manoscritto 1017 BNE)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Burattin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: María Begoña Arbulu Barturen
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

il principe
manoscritto 1017 bne

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi