Skip to content

Recepimento italiano della Direttiva 78/660/CE e prospettive di evoluzione in base al disposto della Direttiva 2013/34/UE in materia di redazione del bilancio d'esercizio

Le scelte del legislatore italiano e rationes della misura italiana di attuazione

L'adozione del D.Lgs. 127/1991, in attuazione della Direttiva 78/660/CEE, avvenne con notevole ritardo e portò quindi all'inserimento nel panorama normativo italiano di disposizioni che già avevano risentito della necessità di ulteriori aggiustamenti, determinata dalla dinamicità che caratterizza i fenomeni socio-economici che le stesse norme avrebbero dovuto regolare.
Difatti, alcune direttive successive hanno, nel tempo intercorso, modificato ed integrato quanto disposto dal testo originario della Direttiva 78/660/CEE.
In ragione di quanto disposto dall'articolo 2 della Quarta Direttiva, con il D.Lgs. 127/1991 venne sostituito il precedente articolo 2423 del Codice Civile e fu stabilito che gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico e dalla Nota Integrativa. Con tale previsione il legislatore italiano riesce quindi a rispondere implicitamente alla previsione dell'articolo 2 della Direttiva, recependo la disposizione in base alla quale i tre documenti contabili sono inscindibili e solo insieme possono comporre ciò a cui la legge si riferisce con il termine “bilancio d'esercizio”. Di conseguenza, si può affermare che l'obbligo di redazione dei due documenti aggiuntivi (Conto Economico e Nota Integrativa), il cui contenuto precedentemente non era regolamentato, abbia senza dubbio contribuito in modo significativo ad aumentare la potenzialità informativa dei bilanci redatti in base a tali disposizioni.
Inoltre, venne inserita nel contesto letterale dell'articolo 2423 la clausola generale che ancora oggi guida i redattori del bilancio: il bilancio deve essere redatto con chiarezza e rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società ed il risultato economico d'esercizio. Invero, sebbene la formulazione richiesta dalla Quarta Direttiva risulti diversa, il legislatore del '91 appare essere riuscito comunque a raggiungere, nella sostanza, quanto richiesto dal testo normativo europeo, andando addirittura oltre, facendo permeare nel testo le evoluzioni dottrinali in materia che, nel lasso di tempo intercorso tra Direttiva e attuazione, si erano sviluppate. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Recepimento italiano della Direttiva 78/660/CE e prospettive di evoluzione in base al disposto della Direttiva 2013/34/UE in materia di redazione del bilancio d'esercizio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Burattin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Scienze Manageriali
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Ugo Sostero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

direttiva 2013/34/ue
direttiva 78/660/ce

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi