Skip to content

Utilizzo della KAYA IDENTITY per la definizione di scenari di emissioni di CO2

Scenario obiettivo: popolazione

La popolazione mondiale continua a crescere e certamente e ciò avverrà per larga parte del prossimo secolo, influenzando molto negativamente i fragili equilibri ambientali, sia contribuendo ad accrescere l’effetto serra e il riscaldamento climatico, sia accentuando altre forme di inquinamento e riducendo la biodiversità. Molte sono le vie attraverso le quali la crescita demografica ha un impatto ambientale e sarà quindi imprescindibile ridurre il tasso di natalità mondiale, senza però ledere i diritti umani. Si dovrebbe intervenire sulla diminuzione della fertilità, tramite gli strumenti, semplici ed economici, dell’educazione e dell’accesso alla pianificazione familiare e non con metodi più severi ricorrendo ad esempio alla coercizione.

L’educazione alla pianificazione familiare, non è in contraddizione con i desideri e i bisogni umani: quando le donne possono scegliere quanti bambini avere, avendo accesso ad informazioni sanitarie, scelgono in modo costante famiglie più piccole, ma spesso la carenza di strutture adeguate nel proprio territorio impediscono loro di ricevere la giusta assistenza. Nei paesi più poveri le donne non hanno neppure mai sentito parlare di controllo delle nascite o di contraccezione (Starkey, 2012).
Per evitare che si arrivi a situazioni di emergenza, bisogna intervenire subito nel migliorare i servizi sanitari pubblici e assicurare la contraccezione a chiunque la voglia, ma per motivazioni etiche sarebbe preferibile evitare che si verifichino politiche di controllo delle nascite coercitive, come la politica del figlio unico del governo cinese.

La pianificazione familiare, accompagnata allo sviluppo sociale, hanno portato ad importanti risultati nella riduzione dei tassi di natalità:
– In Kerala, una vasta regione dell’India meridionale, con circa 35 milioni di abitanti, si è ridotto il tasso di natalità dal 4.4 degli anni Cinquanta all’1.8 del 1991, risultato ottenuto attraverso quattro misure: si sono incoraggiati l’apprendimento di pratiche sanitarie di base, l’occupazione femminile, il rispetto delle donne da parte degli uomini e forme di discussione pubblica aperte e informate degli uomini e forme di discussione pubblica aperte e informate ( Dalai Lama, 2012).
– In Brasile, è crollato da 6.15 figli per donna nel 1950, a 2.35 nel 2005 (Population Connection, 2012).
– Nelle Mauritius nel periodo 1950-2005 si è passati da 6.27 a 1.91(Population Connection, 2012).
– In Messico nel periodo 1950-2005 da 6,7 a 2,4 (Population Connection, 2012).

Ogni paese industrializzato ha completato la transizione demografica, che conduce da alti tassi di natalità e mortalità a bassi tassi di natalità e mortalità. I paesi in via di sviluppo, invece, si trovano nel mezzo della transizione, con tassi di natalità alti e tassi di mortalità decrescenti ed è in questi paesi che saranno quindi necessari i maggiori sforzi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Utilizzo della KAYA IDENTITY per la definizione di scenari di emissioni di CO2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Porrini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio
  Relatore: Stefano Caserini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 350

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi