Skip to content

Rilievo su banco a rulli del comportamento emissivo di un veicolo commerciale con motore ad accensione per compressione

La procedura RDE (Real Driving Emissions)

Le analisi dei dati ottenuti dalle prove di omologazione in laboratorio hanno dimostrato che i veicoli omologati secondo le norme dell'UE in vigore oggi, generano, durante la guida su strada, emissioni nettamente superiori a quelle dichiarate. Per questo motivo si è sentita l’esigenza di introdurre delle prove effettuate direttamente in strada. Il 10 novembre 2015 il Consiglio ha dato il via libera all'adozione del primo pacchetto di norme sulle prove delle emissioni reali di guida (RDE) destinate a misurare le emissioni di inquinanti dei veicoli leggeri.

La rivoluzione della procedura RDE è caratterizzata sicuramente dai test effettuati direttamente su strada con rilevatori portatili (PEMS) equipaggiati direttamente sul veicolo in prova. Si prevede, almeno nella fase iniziale, di adottare questa nuova procedura solo col fine di controllare i valori delle emissioni. Tuttavia gli enti governativi mirano all’adozione della procedura RDE anche in fase di omologazione.

L’uso di sistemi PEMS oggi è regolato da un protocollo di test per l’Europa (Norma 582/2011, Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L. 167 del 25/06/2011), che contiene linee guida dettagliate per quanto concerne la strumentazione da usare, la preparazione del veicolo, l’installazione della strumentazione, le procedure prima di effettuare un test, i percorsi di test da effettuare e la verifica dei risultati.
I dati generati da un ciclo effettuato su strada e non su un banco a rulli possono essere davvero molto diversi, così come le condizioni di guida riscontrate. Nella figura 2.29 vengono stimate le accelerazioni di un veicolo, in funzione della velocità media, registrate durante un ciclo NEDC, durante una prova su strada su un ciclo reale e durante un ciclo random effettuato sul banco a rulli.

Appare evidente come il ciclo NEDC copre un range molto limitato di accelerazioni all’interno dell’intero spettro (evidenziato con i punti in nero nel grafico). Invece le accelerazioni dei “Random Cycle” riescono ad approssimare meglio le condizioni reali di guida. Infine i risultati registrati in test su strada (rural-motorway) rappresentano, come previsto, la quasi totalità dello spettro di accelerazioni.

Tuttavia anche i test su strada effettuati secondo la procedura RDE mostrano dei limiti. I test eseguiti in laboratorio, infatti, al contrario di quelli effettuati su strada, garantiscono una maggiore riproducibilità e ripetibilità dei risultati e delle procedure che possono essere eseguite quasi sempre nelle stesse condizioni.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Rilievo su banco a rulli del comportamento emissivo di un veicolo commerciale con motore ad accensione per compressione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Verrone
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria meccanica
  Relatore: Andrea Unich
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi