Skip to content

Un Viaggio nella Fiaba. Mi leggo e mi racconto: emozioni nell'età evolutiva

Lo sviluppo emozionale

Vyghoskij, con i suoi studi, è riuscito a dimostrare come l’immaginazione si sviluppi durante l’arco dell’intera vita. Il lavoro svolto sul rapporto del legame tra realtà e fantasia, evidenzia che i due tipi di attività dell’immaginazione, quella produttiva e quella creativa si avvalgono dell’esperienza e quindi, si arricchiscono con l’ andare avanti dello sviluppo del bambino. Ciò evidenzia la tesi secondo la quale gli adulti hanno un’attività immaginativa più sviluppata dei bambini e più di questi sono in grado di ricercare modalità corrette per prevenire gli ostacoli degli eventi futuri.

Questa tesi, però, non spiegherebbe il perché della convinzione nell’uso comune, che i bambini siano dotati di maggior immaginazione e più degli adulti lavorino di fantasia. Questa dicotomia, secondo Vyghoskij, è da spiegarsi con il fatto che l’immaginazione attraverserebbe due periodi legati alla fase dello sviluppo e che tra questi vi sarebbe, inoltre, un periodo critico. Il primo periodo è caratterizzato dallo sviluppo della creatività che accompagna il nascere delle prime emozioni del bambino. Contemporaneamente, però, il bambino nel vivere le sue esperienze, svilupperà una maggiore capacità intellettiva, il che comporta un minor controllo sulla sua attività immaginativa. Inoltre la sua attenzione al “vivere” e la curiosità del sapere, lo condurrà all’ascolto e alla scoperta di aspetti emozionali nuovi allontanando il pensiero dalla fantasia. Il mondo reale, acquisisce, in questa fase, maggior consenso e l’immaginazione appartiene al mondo delle fantasie, dell’irreale. Successivamente, nel periodo adolescenziale, ci sarà la fase critica di cui sopra.

Le esperienze avranno portato sullo stesso binario sia l’intelligenza che l’immaginazione, quest’ultima però, inevitabilmente, si adatterà, in questa fase della crescita, alle condizioni razionali. Molti adulti, infatti, sembrano “viaggiare” meno di fantasia, questo accade perché troppo legati al razionale e al concreto. Non più “sognatori”, diremo, coloro che trattengono le fantasie in quanto non necessarie allo svolgimento dell’attività quotidiana. Anche in questi casi, però, le fantasie, come le emozioni, sono comunque presenti in maniera più completa che nei bambini. Sul periodo in cui l’attività creativa abbia inizio, hanno risposto in molti. Piaget, la vede coincidere con la capacità del bambino di creare il gioco simbolico.

La fantasia del gioco è, per l’autore, una trasposizione della capacità immaginativa e riproduttiva delle emozioni. Il bambino di Piaget, dai due ai quattro/cinque anni, sarebbe nel massimo sviluppo creativo. Il bambino di Bowlby e di Main, invece, attiverebbe le fantasie già dai primissimi mesi, quando le sue emozioni nello sviluppo simbiotico con la madre, lo condurrebbero ad acquisire la capacità di elaborazione di un mondo interno ed uno esterno dal Sé. L’importanza dell’immaginazione nello sviluppo del bambino è data dal fatto che la stessa risponde allo sviluppo della sua emozione. La fantasia, infatti, non solo stimola le emozioni, ma, ancor di più, permette la presa di coscienza di queste. Sono immagini di fantasia quelle di cui il bambino si serve per poter elaborare la realtà e con questa le emozioni che la stessa suscita in lui. Per lo studio delle emozioni, non possiamo eludere l’importanza della creatività.

Le rappresentazioni mentali sono infatti la concretizzazione delle emozioni e dei continui conflitti e turbamenti interiori che queste sollecitano. Il bambino durante il suo sviluppo incontra difficoltà e avversità. Egli è continuamente sottoposto ad una realtà inaspettata e ciò provoca in lui frustrazione. Attraverso la fantasia il piccolo riesce a modellare ciò che sarebbe per lui troppo drammatico, le sue immagini fantastiche faranno si che quel reale sia trasformato in qualcosa di piacevole. Inoltre grazie alla fantasia, egli sarà capace di rievocare momenti felici e aiutare le sue angosce con la visualizzazione del superamento. Le immagini fantastiche sono stimolate dal gioco come dalle fiabe. Le fiabe sono la “favolosa” lettura di un mondo sano e saggio, nel quale difficoltà e avversità sono soltanto due nemici capitati sulla strada del nostro cammino, nemici che verranno lasciati alla nostre spalle perché la storia ha sempre e comunque un lieto fine.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Un Viaggio nella Fiaba. Mi leggo e mi racconto: emozioni nell'età evolutiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marika Franco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università Telematica "E-Campus"
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Simona Ruggi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pinocchio
la sirenetta
la fiaba e il bambino
il mondo fantastico
psicologia e fiaba
i racconti della nonna
la narrazione e l'io
la magia della fiaba
la fabulazione
draghi e fate

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi