Skip to content

American Horror Story e l'immaginario della morte nell'industria culturale

Il corpo ''riassemblato''

In Murder House, così come in Coven ed Hotel (rispettivamente terza e quinta stagione di American Horror Story), più volte assistiamo a scene di corpi "riassemblati", rimessi cioè a nuovo dopo la morte o creati dal nulla.

In Murder House e in Hotel è il caso di corpi di bambini neonati che, dopo essere stati uccisi all'interno della "famosa casa" degli orrori, vengono rimessi in sesto attraverso l'operato di un famigerato medico, divenuto anch'egli fantasma appartenente alla casa, mentre nel caso di Coven assistiamo alla vera e propria ricostruzione di un corpo mutilato resa possibile dalla magia e dall'unione di varie parti del corpo di altri cadaveri.

Questo tipo di dinamica ci riporta, in qualche modo, al Frankenstein di Mary Shelley sia per l'attaccamento madre – figlio/padre – figlio, sia per la costruzione di un corpo a cui dare vita. La durevolezza e l'influenza dell'opera di Shelley del 1818 è stata enorme e forse non c'è altra opera all'interno del panorama gotico, che sia penetrata più profondamente nell'immaginazione culturale.

Il dottor Frankenstein aspira alla creazione di un essere vivente che, una volta creato, si dimostrerà meno malleabile di quanto avesse sperato e pian piano si alienerà sempre più dal suo creatore finendo per commettere una serie di atroci delitti. Il compito di Frankenstein è concepito come puramente scientifico, egli non ha interesse per le questioni sociali o morali ma si considera essere un «puro indagatore della verità», il libro espone molti dubbi riguardo al progresso scientifico sottolineando in modo molto moderno la necessità di porre attenzione e affrontare con responsabilità i processi scientifici ed infatti, i metodi usati da lui non coincidono con l'alchimia Faustiana.

Nella trasmigrazione di Frankenstein dalla letteratura al cinema, soprattutto nella pellicola di Whale, resta gran parte della complessità del testo della Shelley: la natura maniacale delle azioni di Frankenstein, la comprensione del suo status da parte del mostro e, ciò che più viene conservato in questa pellicola è la presenza stessa del mostro che non risulta per nulla volgare come, invece, viene mostrato in alcune delle parodie sull'opera.

Questo brano è tratto dalla tesi:

American Horror Story e l'immaginario della morte nell'industria culturale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Terisacco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Sergio  Brancato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 47

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi