Skip to content

Analisi del reato di disastro ambientale: dalla fattispecie giurisprudenziale al nuovo art. 452 quater c.p.

Il disastro ambientale: una fattispecie di origine giurisprudenziale

La società del rischio e la tutela giudiziaria dell’ambiente
Il continuo progredire dello sviluppo tecnologico, scientifico e industriale ha ridefinito il rapporto tra uomo e natura e delineato un nuovo modello sociale cd. del rischio nel quale si presentano nuove fenomenologie di pericoli che la scienza penalistica è chiamata ad affrontare. Questa si è trovata sfornita di strumenti idonei a fronteggiare gli eventi tipici della postmodernità, in particolare quegli episodi di pervasiva contaminazione dell’habitat naturale e umano nonché gli accadimenti offensivi relativi alle attività produttive, avvenimenti ormai ritenuti normalizzati in quanto connaturati al progresso e per definizione inevitabili.

All’iniziale indifferenza del codice del 1930 nei riguardi dell’ambiente ha fatto seguito una legislazione caotica, inorganica e incapace di far fronte alle nuove e sensibili esigenze di tutela. In tale cornice di inadeguatezza giuridica, accompagnata da sempre più insistenti istanze di giustizia, la giurisprudenza si è adoperata nel tentativo di fornire una risposta effettiva alle ipotesi di più grave alterazione dell’ecosistema e della salute collettiva. Attingendo direttamente dal codice penale, ha offerto una rilettura e una trasfigurazione di quelle fattispecie fisiologicamente non orientate alla repressione di aggressioni ambientali ma capaci di estendersi e assorbire le ipotesi di più grave inquinamento.

Tra queste ha assunto particolare rilevanza la previsione contravvenzionale di cui all’art. 674 c.p. rubricata “Getto pericoloso di cose” che ha costituito la chiave per la tutela delle contaminazioni atmosferiche fino al 1966, anno di entrata in vigore della legge antismog, mantenendo poi una funzione parallela rispetto alla specifica disciplina di settore e infine dagli anni ‘90 piegata alle esigenze di tutela relative al c.d. elettrosmog, ovvero l’inquinamento da campi elettromagnetici. Allo stesso modo la disposizione di cui al secondo comma dell’art. 635 c.p. si è prestata ai fini di una risposta punitiva rigorosa nei confronti degli episodi di inquinamento delle risorse idriche, andando a ad ampliare il novero di quei reati c.d. satellite.

A questi è infine ricondotto l’art. 434 c.p., tramite il quale si è completata l’opera supplente dei giudici che vi hanno rinvenuto il fondamento giuridico per la creazione del disastro ambientale, figura criminosa nella quale si intrecciano le direttrici di tutela dell’ambiente e della salute pubblica. La tendenza a sfruttare tale fattispecie si spiega in virtù della struttura aperta della stessa. Quella dell’art. 434 c.p. è una disposizione che fisiologicamente risulta volta a assorbire fatti che aggrediscono la pubblica incolumità non tipizzati dal legislatore. Del resto tale funzione di chiusura è la stessa che ha giustificato l’introduzione della norma nel codice, riverberandosi direttamente sulla struttura del reato, appunto a forma libera, e nella definizione dei suoi elementi costitutivi, sostanzialmente assente se non per il riferimento all’ altro disastro e al pericolo per la pubblica incolumità, formule ampiamente generiche e al contempo depositarie di tutta la tipicità e l’offensività dell’incriminazione.

Infine ad agevolare l’utilizzo della norma ricorre l’articolazione della fattispecie che nei suoi due commi disegna una progressione criminosa ad ampio raggio che si presta a sanzionare fatti che vanno dal pericolo alla verificazione del disastro. Definita come “clausola generale a valenza analogica” si comprende come la stessa si presti a salvaguardare interessi multiformi, al punto che l’esegesi giurisprudenziale ne ha tratto una figura ibrida che sotto il nome di disastro ambientale riconduce quei fenomeni di compromissione dell’ecosistema che determinano a loro volta un danno alla salute di una pluralità indeterminata di consociati.

Agli albori di tale operazione interpretativa vi è il disastro di Seveso, prodottosi il 10 luglio del 1976 quando nello stabilimento della società Icmesa il sistema di controllo di un reattore chimico andò in avaria e la temperatura salì oltre i limiti previsti. L'esplosione del reattore venne evitata dall'apertura delle valvole di sicurezza ma l'alta temperatura raggiunta comportò la formazione di tetracloro-dibenzo-diossina, nota anche semplicemente come diossina, che fuoriuscì nell'aria formando una nube tossica trasportata dal vento nei comuni di Meda, Seveso, Cesano Maderno e Desio. Lo sprigionamento della sostanza e il suo spandersi nelle aree adiacenti provocò notevoli conseguenze sull’ambiente e sulla salute dei lavoratori dell’insediamento industriale e degli abitanti delle zone limitrofe.

La Suprema Corte condivise le osservazioni dei giudici di merito che individuarono il disastro in un accadimento derivante dalla combinazione tra loro di molteplici fattori quali l’elevata quantità e tossicità delle sostanze chimiche liberate e diffusesi nell’ atmosfera che avevano contaminato una vasta area e coinvolto una rilevante porzione di popolazione, arrecato pregiudizio alle attività economiche e destato un diffuso senso di allarme.

Eventi che potevano evitarsi con l’adozione di adeguate cautele, elementari sistemi di sicurezza e un’opportuna sorveglianza, i quali erano da considerarsi comportamenti dovuti in virtù della particolare pericolosità della lavorazione e che invece si ritennero omessi dato lo stato di completo abbandono della fabbrica. La vicenda dello stabilimento Icmesa inaugura una nuova stagione giurisprudenziale, segnata dal fiorire di pronunce che valorizzano le potenzialità punitive sottese alle previsioni di cui agli artt. 434 e 449 c.p. alle quali si riconducono quelle ipotesi di compromissione e alterazione dell’ecosistema cui faccia seguito un’offesa alla salute pubblica. Ha così preso vita una nuova figura criminosa che prende il nome di disastro ambientale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi del reato di disastro ambientale: dalla fattispecie giurisprudenziale al nuovo art. 452 quater c.p.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Donzelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Silvia  Tordini Cagli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 216

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
diritto penale
disastro ambientale
art. 452 quater c.p.
crollo di costruzioni
disastro innominato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi