Skip to content

L'incontro con l' ''Altro'': l'indio in Perù dalla scoperta alla letteratura indigenista.

L’indio: ferita non risolta nel panorama letterario sudamericano

L’indipendenza politica dell’America Latina favorì anche l’indipendenza culturale, che si manifestò nel bisogno di ricercare una propria identità fino ad allora identificata nei modelli spagnoli ed europei; “il problema di una definizione dell’ “essere nazionale” e dell’ “essere latinoamericano” precede ogni espressione letteraria e critica”.

La letteratura diventò strumento di denuncia, di creazione del senso patriottico, di orgoglio civile e di rifiuto della tradizione spagnola. La fine del colonialismo indusse gli intellettuali americani ad una rivalutazione del passato precolombiano, ad un recupero delle proprie radici, dei miti e dei simboli ancora vivi nella tradizione autoctona. Rosalba Campra, in America Latina. L’identità e la maschera, esamina due correnti letterarie, l’indigenismo e la gauchesca, che rivendicano, rispettivamente, il mondo culturale dell’indio andino e del gaucho del Río de la Plata.

La scrittrice sostiene che il gaucho è, ormai, una figura appartenente al passato argentino; a differenza dell’indio, non aveva una tradizione organica da rivendicare; fu protagonista negli anni delle lotte per l’indipendenza, successivamente venne liquidato perchp non assimilabile all’interno della nuova società. Il gaucho venne “mitizzato”, per diventare una sorta di archetipo dell’argentinitâ. Per quanto riguarda, invece, le sorti dell’indio? Mentre il gaucho è ormai una figura “mitica”, che esiste soltanto nei racconti "l’indio è ancora lì, ferita non risolta (…) in quanto realtà attuale e problematica".

Nelle pagine romantiche, influenzate dai modelli europei, l’indio rappresentó il buon selvaggio, vale a dire, la visione idealizzata di “creatura selvatica”; tale visione non venne abbandonata neanche quando il romanzo diventò espressione di una protesta sociale, come nel caso di Aves sin nido (1889) della peruviana Clorinda Matto de Turner. Questo romanzo è considerato indianista, poiché, pur mostrando maggiore accuratezza e profondità di analisi rispetto ai precedenti romanzi storici, la visione degli indios restó stereotipata ed “esterna”. Lo spostamento di visione, da “esterna” a “interna”, nella quale lo scrittore assume il punto di vista dell’indigeno che prende in mano il proprio destino, segnó il passaggio dalla letteratura indianista a quella indigenista. Opera intermedia è El mundo es ancho y ajeno (1941) di Ciro Alegría, scrittore di origine peruviana, che aveva trascorso la fanciullezza nella tenuta agricola del nonno, dove ebbe una conoscenza diretta degli indios. Il tema centrale intorno al quale ruota l’azione di questo romanzo è l’espulsione della comunitâ indigena dei Rumi dalle loro terre ad opera dei latifondisti.

La spoliazione della terra assume, in questo romanzo, un significato nuovo: l’uomo e la terra vivono in rapporto simbiotico e, per tale ragione, rivendicare la terra, per l’indio, significa rivendicare il proprio essere, la propria identità: l’indigeno si trasforma, quindi, da vittima passiva a rivoluzionario. L’identificazione della terra con l’identità indigena sarà il tema centrale di tutta la letteratura indigenista, ma, finché scrittori non indigeni continuarono ad interpretare la mentalità degli indios, il risultato non poteva che essere approssimativo o, meglio, “letterario” e non sempre antropologicamente corretto. Mariátegui, nel saggio El proceso de la literatura, scrisse, a proposito dell’indigenismo letterario:

La corriente “indigenista” que caracteriza a la nueva literatura peruana, no debe su propagación presente ni su exageración posible a las causas eventuales o contingentes que determinan comúnmente una moda literaria. Y tiene una significación mucho más profunda. Basta observar su coincidencia visible y su consanguinidad íntima con una corriente ideológica y social que recluta cada día más adhesiones en la juventud, para comprender que el indigenismo literario traduce un estado de ánimo, un estado de conciencia del Perú nuevo. (...) El problema indígena, tan presente en la política, la economía y la sociología no puede estar ausente de la literatura y del arte. (...) La literatura indigenista no puede darnos una versión rigurosamente verista del indio. Tiene que idealizarlo y estilizarlo. Tampoco puede darnos su propia ánima. Es todavía una literatura de mestizos. Por eso se llama indigenista y no indígena. Una literatura indígena, si debe venir, vendrá a su tiempo. Cuando los propios indios estén en grado de producirla.

Non saranno direttamente gli indios a produrre una letteratura indigena, come si auspicava Mariátegui ma, negli anni successivi al 1940, gli scrittori indigenisti abbandonarono il realismo, una modalità che comportava delle limitazioni alla rappresentazione del mondo degli indios, poiché ne escludeva la loro interpretazione “magica” della vita e si limitava a rappresentare il punto di vista “razionale” occidentale. Questi scrittori vissero nei territori indigeni, dove appresero il linguaggio ed i miti delle comunitâ, scoprendo che l’abbandono del realismo poteva dare loro maggiore possibilità di verosimiglianza nella descrizione del mondo indigeno, intrinsecamente “magico”. Il più importante rappresentante di questa nuova modalità di scrittura fu José María Arguedas, indigenista profondamente radicato nella realtà indigena.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'incontro con l' ''Altro'': l'indio in Perù dalla scoperta alla letteratura indigenista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Isabella Viceconte
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi della Basilicata
  Facoltà: Lingue e culture moderne europee
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Ilenia Zirham
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
re[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

colonialismo
indios
indigenismo
josé maria arguedas
scoperta dell'america
letteratura indigenista
civiltà precolombiane
impero inca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi