Skip to content

Specie ittiche aliene nel bacino del Mar Mediterraneo

La situazione nel bacino del Mediterraneo

I cambiamenti climatici che stanno avvenendo sul nostro pianeta hanno un ruolo importante nella diffusione delle specie ittiche aliene nel Mediterraneo con effetti diretti e indiretti sugli organismi. Gli effetti diretti dipendono dall’influenza che la temperatura ha sul tasso di sopravvivenza, dal successo nella riproduzione e dal modello di comportamento e di dispersione. Gli effetti indiretti invece risiedono nell’influenza delle correnti marine con gravi ripercussioni sulla capacità dispersiva degli organismi marini (Bianchi et Morri, 2003).

Le migrazioni dal golfo di Gibilterra e soprattutto dal canale di Suez sono la via principale di introduzione di pesci alieni nei mari del Mediterraneo, seguito da un influsso minore, proveniente da specie di interesse acquariofilo e da specie entrate attraverso il commercio marittimo. Il 92 % delle specie ittiche non indigene presenti in Mediterraneo ha affinità subtropicale (48%) e tropicale (44%) percentuale che cresce nelle specie ittiche insediate al 96%. Il ritrovamento di specie non indigene negli ultimi anni nel Mediterraneo è aumentato esponenzialmente, si ritiene sia triplicato.

Dal 1980 infatti, sono aumentate sia il numero di specie, sia le regioni “invase” con i primi individui introdotti che sono riusciti ad espandere il loro areale iniziale di distribuzione. Un classico esempio è rappresentato dal pesce scoiattolo Sargocentron rubrum Forsskal, 1775. Il primo avvistamento di questa specie risale al 1940 lungo le coste Israeliane, due decadi dopo veniva ancora considerato raro con sporadici avvistamenti. Invece a partire dal 1998, S. rubrum divenne comune fino a essere una delle specie più abbondanti nel bacino orientale del Mediterraneo.

Un altro esempio è quello dello sgombro spagnolo Scomberomorus commerson (Lacepede, 1800) avvistato per la prima volta nel Mediterraneo nel 1935 e considerato raro fino ad almeno il 1970. Alla fine del 1990 invece è ritenuto essere la specie più comune tra i grandi sgombri e viene catturato con le reti, in grandi quantità, lungo le coste di Israele ed Egitto. Tuttavia ci sono altri casi in cui le popolazioni di specie migranti esplodono immediatamente
dopo i primi eventi di colonizzazione. L’esempio più eclatante è quello del pesce lucertola Saurida undosquamis (Richardson, 1848). Il primo avvistamento nel Mediterraneo risale al 1952 e dopo soli due anni è divenuta la specie più catturata dai pescatori nei mari israeliani (Golani, 2010).

La prima segnalazione di un migrante lessepsiano nel Mediterraneo ê avvenuta subito dopo poco l’apertura del canale di Suez. Si tratta dell’Atherinidae Atherinomorus lacunosus Forster, 1801 avvistato nel 1902 (Mouillot et al., 2010).
Molti recenti migranti come il Lagocephalus sceleratus (Gmelin, 1789) e la Fistularia commersonii Ruppel, 1838 stanno mostrando una grandissima capacità di adattamento al nuovo ambiente che ha portato sia ad un aumento del numero di esemplari presenti nel Mediterraneo, sia delle zone invase da queste due specie, raggiungendo addirittura tassi di diffusione di 1000-1500 km l’anno nel caso di Fistularia commersonii (Azzurro, 2012). Il numero di specie è destinato ad aumentare, soprattutto a causa delle specie introdotte attraverso il canale di Suez recentemente ampliato, e a causa del riscaldamento della superficie del mare con grande preoccupazione e attenzione da parte dei ricercatori , convinti che questo fenomeno sia destinato a peggiorare (Galil et al., 2015).

Le caratteristiche che debbano avere le specie aliene per insediarsi con successo nel nuovo ambiente sono diverse. Prima di tutto devono riscontrare delle condizioni biotiche e abiotiche simili tra l’areale primario di provenienza e il nuovo ambiente da colonizzare e le differenze presenti, devono rientrare nel range di tolleranza delle specie aliene, soprattutto per quanto riguarda i parametri di temperatura e salinità. Il successo nell’areale secondario può anche dipendere dalla quantità di cibo disponibile. Per esempio il Siganus luridus (Rüppell, 1828) e il Siganus rivulatus Forsskål, 1775 si sono ambientati molto bene nel Mediterraneo nutrendosi della stessa alga di cui si cibavano nell’ambiente di origine. I migranti hanno maggiori possibilità di colonizzare i nuovi ambienti quando ritrovano poche specie rivali nel nuovo habitat prescelto.

La rapida diffusione dei migranti lessepsiani nell'est Mediterraneo è da attribuirsi anche alla povertà faunistica dei bacini orientali di questo mare, dovuta a vicissitudini biogeografiche, che ha lasciato numerosissime nicchie ecologiche libere. Le specie che vivono in banchi numerosi hanno maggiori possibilità di insediamento nella nuova area rispetto a individui solitari in quanto possiedono maggiori capacità e probabilità riproduttive come nel caso dei Clupeidae (sardine) con 4 rappresentanti nel Mediterraneo (Golani, 2010).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Specie ittiche aliene nel bacino del Mar Mediterraneo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Papadopoulou Fivoli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze della Terra
  Relatore: Marina Cobolli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scienze naturali
alloctone
specie ittiche
mar mediterraneo
specie aliene
invasioni
canale suez

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi