Skip to content

Donne e Primavera Araba: la partecipazione femminile alle ondate di rivolta e le dinamiche della post-rivoluzione

Donne e post-rivoluzione: nuove sfide ed opportunità

Nel giro di poco tempo i Paesi arabi colpiti dalle ondate di rivolta hanno posto fine ai regimi autoritari che li governavano. Le cadute di Ben Ali e di Moubarak, seguite da quelle dei presidenti degli altri Paesi arabi coinvolti, hanno però aperto una nuova fase in cui le conquiste delle rivolte si sono incrociate con questioni legate alle dinamiche post-rivoluzionarie di ciascun Paese. La vera sfida è infatti iniziata con la fine delle dittature: i soggetti che hanno giocato un ruolo determinante nelle rivoluzioni hanno dovuto lottare per mantenere viva e attiva la loro presenza anche nelle fasi successive, per poter essere in primo piano nel processo di ricostruzione del proprio Paese. Il “vento di cambiamento” introdotto dalle Primavere arabe ha reso questi soggetti consapevoli della loro importanza e ha fatto in modo che la loro partecipazione attiva non si fermasse di fronte agli esiti positivi delle rivolte, ma proseguisse nella richiesta di un effettivo riconoscimento dei diritti recentemente conquistati.

In quest’ottica rientra la partecipazione femminile alle rivolte arabe. Le donne, che sono state determinanti per la riuscita dei progetti rivoluzionari, si sono trovate a dover fronteggiare una serie di problemi relativi alla loro inclusione nei processi di transizione iniziati subito dopo. La Primavera araba è stata un punto di svolta per le donne della regione e la visibilità da loro ottenuta nella lotta contro i vecchi regimi ha permesso loro di avanzare nuove pretese agli attori politici ora al potere, quali: l’inserimento nel sistema politico, il rispetto e la tutela dei propri diritti e lo sradicamento delle tradizioni patriarcali che da sempre caratterizzano il Medio Oriente. La partecipazione delle donne ai processi di transizione è così un’opportunità per loro di sfidare le leggi patriarcali che violano da tempo i loro diritti, ma anche una possibilità per tentare di abbattere la discriminazione di genere che le opprime e che rafforza la loro posizione di inferiorità.

Nonostante ciò, le sfide da affrontare sono ancora molteplici. Le prime preoccupazioni arrivano dai partiti politici saliti al potere dopo la fine delle dittature: nella maggior parte dei casi si tratta di partiti islamisti che minacciano un ritorno dell’Islam nella vita politica. La reintroduzione della shari’a e la rinascita di un movimento islamista che sembra operare in termini transnazionali hanno fatto parlare di un peggioramento della condizione della donna nella regione, tale da far temere un ritorno per le donne ad una posizione di “soggetti dello stato e oggetti delle sue politiche”, piuttosto che di attori determinanti in grado di contribuire al cambiamento.

Il ritorno all’islamismo, sancito dai risultati delle prime elezioni libere per molti Paesi arabi, è rappresentato nella maggior parte dei casi da partiti che hanno occupato la scena pubblica dopo anni di clandestinità ed esilio, a cui erano stati confinati dai regimi al potere. Si tratta però di partiti, come nel caso del tunisino En Nahda o dell’egiziano Libertà e Giustizia guidato dai Fratelli Musulmani, che non hanno avuto alcun ruolo fondamentale nelle rivolte e che hanno saputo elevarsi nel momento giusto a guida dei propri popoli facendo leva sul fallimento degli ideali laici.

Un altro problema del periodo post-rivoluzionario riguarda i passi indietro in materia di diritti delle donne. L’opzione dell’islamismo è stata infatti dettata per lo più dal rifiuto dei partiti laici precedentemente al potere. Le stesse donne hanno votato a favore dei partiti islamici perché si sono ritrovate spesso a considerare i diritti concessi dai laici come un’identificazione nei regimi stessi, accettando così di fare dei passi indietro rispetto alle loro libertà. Le donne hanno spesso sofferto della cosiddetta “sindrome della first lady”, cioè la percezione che ci fosse una sorta di “femminismo di stato” per cui i regimi al potere ostentassero attività a favore delle donne attraverso le first ladies Suzanne Moubarak e Leila Ben Ali Trabelsi per mascherare le sporche attività del regime e ottenere l’appoggio dell’Occidente. Sebbene alcune donne temessero che l’ascesa dei partiti islamisti potesse costituire un passo indietro rispetto alle conquiste del periodo pre-rivoluzionario, molte di loro hanno finito per votare in loro favore. Sembra che l’adesione ai partiti islamisti sia dipesa dal fatto che questi ultimi fossero più vicini alle richieste delle donne delle classi medie e medio-basse, che si sentivano escluse dal modello femminile proposto dalle fazioni laiche.

Infine, la fase post-rivoluzionaria ha visto anche un aumento della violenza nei confronti delle donne. I partiti al potere, pur dichiarandosi disposti a tutelare i diritti delle donne e a favorire la loro partecipazione ai processi di transizione e di formazione dei nuovi governi, si sono spesso serviti della violenza per costringere le donne alla marginalizzazione e ribadire la loro posizione di inferiorità, come accaduto in occasione di una manifestazione in piazza Tahrir l’8 marzo 2011, quando gruppi di femministe sono stati presi d’assalto da membri dell’esercito egiziano e invitati a riprendere i loro ruoli tradizionali con slogan come: “Ritornate nelle vostre cucine, quello è il vostro posto!”. Di queste violenze si è parlato ben poco, anche a causa di una scarsa copertura mediatica da parte dei media occidentali. Uno dei pochi casi riportati è quello di una giovane donna denudata e picchiata in piazza Tahrir dai militari in occasione di una manifestazione nel dicembre 2011. I militari le hanno strappato i vestiti rivelando il colore blu del suo reggiseno, che ha immediatamente attirato l’attenzione dell’opinione pubblica occidentale.

La ragazza, divenuta famosa come “la ragazza col reggiseno azzurro”, ha goduto del sostegno della piazza, che prontamente ha filmato l’aggressione per poterla testimoniare, ed è divenuta così il simbolo della violenza contro le donne “mentre il mondo guardava solo al reggiseno blu”.
Le donne arabe si trovano così impegnate su più fronti: il successo delle rivolte è solo l’inizio di una lunga fase in cui dovranno continuare a combattere contro gli stereotipi patriarcali radicati nelle società arabe, contro l’ascesa dell’islamismo che sembra operare contro i diritti delle donne e contro la crescente violenza sessuale usata per inibire la loro partecipazione alla vita pubblica. Tutti fattori che sembrano far parlare della minaccia di un “inverno islamico”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Donne e Primavera Araba: la partecipazione femminile alle ondate di rivolta e le dinamiche della post-rivoluzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Limone
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale
  Corso: Scienze della Mediazione Linguistica e Culturale
  Relatore: Elisa Ada  Giunchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mediterraneo
medio oriente
egitto
femminismo
diritti delle donne
tunisia
libertà civili
nord africa
rivoluzioni
primavera araba

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi