Skip to content

I Saraceni e la leggenda della ''Corsa degli Scalzi''

Cabras e i Saraceni

L’XI secolo segnò l’inizio della grande reazione cristiana contro l’Islam, di cui le crociate ne furono la principale manifestazione. La Sardegna essendo particolarmente vicina all’Africa e alla Spagna, non poté sfuggire ai colpi della pirateria araba e a ciò si aggiunsero i navigli cristiani pisani e genovesi i quali, nonostante tutelassero i mari sardi da eventuali incursioni, miravano al dominio e al monopolio dell’isola.

Dopo l’XI secolo le incursioni arabe nell’isola diminuirono notevolmente. Per più di quattro secoli non si hanno notizie certe. Tuttavia, durante il sedicesimo secolo crescono le memorie della pirateria araba. La popolazione sarda fu incapace di tenere una vera e propria flotta navale e proprio per questo motivo chiese l’aiuto dei re d’Aragona e di Spagna in modo da poter provvedere alla loro difesa. La risposta ricevuta fu negativa nonostante, in quel periodo, le flotte spagnole navigassero, senza alcun problema, oltreoceano.
La Sardegna fu abbandonata a sé stessa e fu proprio per questo motivo che non rimase immune nemmeno alla pirateria capeggiata da Khayr al-Dīn, noto col nome di Barbarossa.

Le galere turche, navi da guerra e da commercio, durante il XVI secolo occupavano tutto il Mar Mediterraneo ed erano solite invadere le coste dell’isola sarda. Nel 1509 invasero nuovamente la costa del Sinis penetrando fino al villaggio di Cabras saccheggiandolo. Infatti, un decreto regio del 3 luglio 1514 afferma che il villaggio fu esentato dal pagamento delle tasse per circa sei anni. Cabras e il suo litorale furono una delle mete privilegiate dai pirati saraceni. I sistemi di difesa attuati sia dai sovrani spagnoli che da quelli piemontesi non ebbero alcun successo. Cabras, essendo molto vicina al mare, ogni anno veniva barbaramente tormentata dai pirati turchi. Addirittura venne radicalmente spopolata poiché gran parte della popolazione venne portata via. Gli abitanti di Cabras dovettero, a causa delle continue invasioni e dal pericolo e la paura che procuravano, stare sempre in guardia in caso di possibili attacchi.

Persino Marco Antonio Camos, inviato in Sardegna da Filippo II di Spagna, progettò invano un sistema difensivo basato sulla costruzione di torri nei litorali controllate da soldati. Il progetto consisteva nella costruzione di torri di controllo a difesa di porti, tonnare, peschiere e villaggi. Purtroppo, però, i facili approdi offerti dalle coste del Sinis rendevano quasi impossibile l’avvistamento da parte delle sentinelle di vedetta presenti sulle torri.

Le continue invasioni crearono una paura collettiva che si manifestò sotto forma di una continua tensione da parte degli abitanti del villaggio. Furono costruite proprio per questo motivo delle torri tra cui Turr’e su Pottu, di Pischeredda; la Vecchia di Capo San Marco; di San Giovanni di Sinis; di Svevo. Erano delle torri d’avvistamento collegate con la torre di difesa detta Gran Torre situata nel Golfo di Oristano, residenza militare.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I Saraceni e la leggenda della ''Corsa degli Scalzi''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Vargiu
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Angela Daiana Langone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 40

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi