Skip to content

Prerogative e attribuzioni del datore di lavoro in materia di sicurezza

La disciplina codicistica

Il limite evidente di tutta la produzione normativa previgente al decreto legislativo n. 626/1994 è stato quello di aver elaborato norme specifiche, che cioè impongono al datore di lavoro adempimenti e comportamenti esattamente determinati, senza delineare un quadro d'insieme, un complessivo sistema prevenzionale interno all'azienda nell'ambito del quale le singole misure si andassero a inquadrare.

Considerata l'estrema difficoltà ad individuare tutti i possibili rischi da affrontare in azienda e le relative misure di prevenzione e contenimento, le norme specifiche sono fatalmente risultate insufficienti a disciplinare ogni situazione tipica. Proprio tali limiti della legislazione speciale, hanno permesso all'art. 2087 del codice civile di assumere una rilevanza fondamentale in quanto l'unica norma c.d. di chiusura del sistema, cioè una noma che non impone adempimenti determinati ma fissa gli obiettivi ultimi a cui bisogna tendere.

L'art. 2087 c.c. è stata la norma base che ha sancito la responsabilità del datore di lavoro dei danni arrecati al lavoratore.

Questa è la formulazione della norma codicistica: “2087. Tutela delle condizioni di lavoro. — L'imprenditore è tenuto ad adottare nell'esercizio dell'impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”. La norma impone al datore di lavoro un generale obbligo di adozione delle misure che, secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e morale dei lavoratori.

In sostanza, la disposizione è tuttora un vero e proprio precetto riassuntivo degli obblighi di facere “scritti e non scritti”, presenti e futuri del datore di lavoro in tema di sicurezza nei confronti dei “singoli lavoratori” e con riferimento alla loro “specifica attività lavorativa”. Infatti, l'obbligo non consiste in un mero dovere di astensione da condotte lesive dell'incolumità altrui, ma impone al datore di lavoro di adottare le misure necessarie ad un'adeguata prevenzione, laddove per “misure necessarie” ci si riferirsi sia a quelle espressamente previste dalle norme antinfortunistiche, sia a tutte quelle misure che, secondo l'esperienza e la tecnica, pur non essendo previste espressamente da alcuna specifica disposizione, consentano di evitare l'insorgenza di infortuni o malattie o, almeno, di ridurne il rischio.

L'articolo 2087 c.c., di matrice prettamente pubblicistica (in quanto norma che regola i rapporti tra Stato e cittadini e non una norma del contratto di lavoro), è caratterizzato innanzitutto dall'estrema elasticità, così da farne una norma di chiusura del sistema di sicurezza, che pertanto comprende ipotesi e situazioni non espressamente stabilite ed assolve l'importante funzione di adeguamento permanente dell'ordinamento rispetto alla realtà socio-economica del momento. Infatti, i tre parametri suddetti (particolarità del lavoro, esperienza e tecnica) rendono l'obbligazione datoriale a contenuto “aperto” e con oggetto non predeterminato, ma destinato a variare nel tempo.
Analizzando più schematicamente il contenuto dell'art. 2087 c.c., una volta definiti debitore il datore di lavoro e creditore il lavoratore, dobbiamo rilevare che l'oggetto dell'obbligazione è rappresentato dalla “tutela dell'integrità fisica e della personalità morale del lavoratore”. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Prerogative e attribuzioni del datore di lavoro in materia di sicurezza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Luvrano
  Tipo: Tesi di Master
Master in Diritto del lavoro, Diritto Sindacale, della Previdenza e della Sicurezza Sociale
Anno: 2015
Docente/Relatore: Lucilla Martiniello
Istituito da: Università Telematica Pegaso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi