Skip to content

La Crisi Libica: Dall'Intervento Ad Oggi

Il nuovo stato libico

Il 27 ottobre il Cds approvò all'unanimità la quarta e ultima risoluzione sulla Libia, la numero 2016, con la quale si mise fine alle misure adottate in precedenza con la risoluzione 1973. Pochi giorni dopo, la Nato comunicò ufficialmente la conclusione dell'operazione Unified Protector, nonostante le richieste di proroga avanzate dal Capo di Stato “ad interim” Mustafa Abdul Jalil, decretando la fine dell'impegno internazionale in Libia.

È interessante notare come, dopo solo pochi mesi dall'inizio del conflitto, Varvelli avesse già ipotizzato tre possibili scenari per la Libia:

1) «Gheddafi non si arrende». In questa prima ipotesi i paesi della coalizione sono costretti ad affrontare gravi problemi riguardo ai costi necessari per la continuazione delle operazioni militari. Questa situazione avrebbe sicuramente prodotto una spaccatura interna tra lealisti e ribelli per un periodo indefinito di tempo.

2) «La Libia post Gheddafi: un fragile “rentier state”». Il blocco navale imposto dalla Nato e la privazione di numerosi impianti petroliferi conquistati dai ribelli indeboliscono il regime del Raʾīs impedendogli di attuare la classica redistribuzione degli introiti. Questa situazione avrebbe sicuramente impedito l'avvio di qualsiasi processo di democratizzazione.

3) «La Libia post Gheddafi: uno stato fallito». In questa prospettiva, l'elemento centrale è il fallimento nella ricostruzione dello stato come conseguenza dell'insorgere di tutti quei sentimenti autoctoni rimasti oppressi per più di quarant'anni. In quest'ottica la vendetta avrebbe preso il sopravvento sulla riconciliazione, innescando diverse tipologie di conflitto: sul piano regionale tra la Tripolitania e la Cirenaica, sul piano tribale tra le decine di clan sparsi sul territorio e infine sul piano politico tra islamisti e non islamisti. «Se la caduta di Gheddafi non fosse accompagnata da un impegno internazionale nella stabilizzazione del paese questo scenario diverrebbe probabile». Quest'ultima previsione ci offre un quadro completo di come il panorama libico si sarebbe delineato di lì a pochi mesi.

Con la morte del Raʾīs, il Consiglio Nazionale di Transizione (Cnt), che fino a quel momento aveva assunto un ruolo chiave nella lotta al regime, si trovò nella difficile situazione di dover gestire l'inevitabile periodo di instabilità successivo al crollo delle vecchie istituzioni. In questa direzione, il Cnt elaborò una strategia che aveva per oggetto l'avviamento al processo elettorale e la predisposizione di un comitato per la stesura della Costituzione; nell'ottica di intavolare un ricongiungimento pacifico tra i vari gruppi e arginare nel contempo quel processo di lottizzazione che avrebbe impedito la ricostruzione del paese. Non senza qualche difficoltà, il 7 luglio 2012 furono organizzate le prime elezioni libere, dopo ben sessant'anni dalle ultime nel '52, che permisero ai cittadini libici di recarsi alle urne per eleggere i membri del Congresso Nazionale Generale (Cng).

Le consultazioni elettorali registrarono un'alta affluenza e sancirono la sconfitta dei partiti islamisti, sia moderati che radicali, accentuando la frattura esistente con gli attori non-islamisti, che invece ottennero la maggioranza in ben undici circoscrizioni su tredici. Da questo momento in poi si avviò un graduale processo di polarizzazione, non solo politica ma anche militare, dal momento che gran parte delle milizie, ancora attive sul territorio, iniziarono a schierarsi nella lotta per il controllo del parlamento. Le milizie islamiche assunsero ben presto un ruolo predominate; in quanto, attraverso la violenza, riuscirono ad influenzare in misura maggiore il procedimento legislativo, danneggiando di fatto la transizione democratica del paese. La Legge sull'Isolamento Politico ne è un chiaro esempio. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Crisi Libica: Dall'Intervento Ad Oggi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Iacopo Brugnoli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Marco Clementi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi