Skip to content

Da incantatori di serpenti a danzatori. Trasformazioni coreutiche tra i kalbelia del Rajasthan.

La creazione della danza folk kalbelia

È da Jaipur, capoluogo del Rajasthan, che ha avuto origine la vicenda dell'invenzione dello stile di danza kalbelia attuale, oggetto di questa ricerca. È infatti la cosiddetta città rosa di Jaipur a ospitare Gulabo Sapera, la famosa fautrice dell'attuale stile di danza kalbelia. Essa è infatti: “non solo la più importante e più talentuosa danzatrice kalbelia, ma anche colei che ha codificato lo stile coreutico kalbelia, rendendolo un prodotto commerciale riconoscibile e altamente identificativo del folklore rajasthani” (Angelillo 2014, p. 231). Come ci spiega l'antropologa, lo stile kalbelia è oggi annoverato tra gli stili del folk rajasthano e Gulabo avrebbe compiuto un'operazione di codificazione della danza. Rispetto a questa danza, tuttavia ritengo che, sulla scia di alcune affermazioni di Angelillo (che sembra in alcuni casi rivedere le proprie posizioni), non sia possibile parlare di vera e propria codificazione, pur intravedendo un intento dei suoi interpreti di voler fissare i gesti coreutici, al fine di permetterne più facilmente la trasmissione, ossia l'insegnamento:

sebbene lo stile kalbelia non sia stato, fino a questo momento, codificato in una serie di posture e di sequenze di danza identificabili attraverso dei nomi precisi, è possibile individuare un ordine nell'esecuzione e dei modelli ricorrenti adattati alla sensibilità e alle peculiarità espressive di ciascuna ballerina (Angelillo 2014, p. 254).

Riguardo l'appartenenza alla categoria di danza folk e sul processo di codificazione della danza in questione, riporto il parere dell'indologa Ayla Joncheere (con la quale ho condiviso il campo in Rajasthan durante le prime tre settimane di ricerca). Essa afferma:

Kalbeliya dancing did not initially find a place within the Indian cultural art scene. After India’s Independence many traditional cultural forms were registered and classified into one of three categories: classical, folk and tribal. These three categories became the official mark of India as a culturally rich and diverse nation. Kalbeliya dancing, however, could not be approved as a traditional dance form based on ancient customs, which is one of the basic principles for being accepted in this tripartite structure (Joncheere 2015, p. 72).

Visto che la danza kalbelia non ha nessuna origine antica, poiché si tratta di un fenomeno recente, possiamo parlare in questo caso, parafrasando il celebre testo curato da Erik Hobsbawm (1983), di una invenzione della tradizione? Possiamo dire che la danza in questione sia una pratica emersa in maniera facilmente rintracciabile, in un periodo breve e databile e che si sia affermata con grande rapidità.

La tradizione, però, presuppone un legame col passato, mentre la danza kalbelia è una danza nuova, contemporanea; inventata sì, ma assai differente dalle sue forme intercomunitarie del passato. I suoi interpreti odierni sono a conoscenza del come e del perché la loro danza ha avuto origine, ma sono spesso gli osservatori esterni che non conoscono le dinamiche del mutamento avvenuto in seno alla jati: “allo stato attuale, ai membri della casta è chiara la coscienza della contemporaneità del loro stile di danza, che assume, invece, i tratti di una tradizione inventata nello sguardo di osservatori esterni alla comunità” (Angelillo 2014, p. 248). Come afferma anche Joncheere: “the new epithet [the dance of the snake charmers] and the artificial link with snake charmer practice gave Kalbeliya dancers the authority to use the label of folk dance because it could now be linked to 'ancient', 'ritual' practices, the main criterion for recognizing and legitimizing invented traditions” (2015, p. 73). In India la danza kalbelia viene annoverata nella categoria folk: “The Kalbeliya dance form has therefore been transformed into Indianized “folklore” rather than a contemporary art form” (Joncheere 2015, p. 92). In ogni caso, Joncheere non ritiene che in merito a questa danza si possa parlare di codificazione; inoltre preferisce inserirla nella categoria di danza orientale, piuttosto che in quella di folk o di folklore. Questa ultima scelta di prospettiva, con la quale mi trovo in accordo, prevede la stretta connessione tra danza kalbelia e danza orientale, categoria nella quale è annoverata anche, per esempio, la bellydance. Occorre riflettere sulla revisione e la reinterpretatazione compiute, da parte dell'occidente, sulle forme di danza orientale. Infatti Joan Erdman ci parla di danze orientali quali invenzioni occidentali:

“Oriental dance was initially a term used by Europeans and Americans to describe innovative and balletic dance which were eastern in theme, content, mood, costume, musical accompaniment, inspiration, or intent. By the 1920s, oriental dance conjured up expectations of exotic movements […] [and] rhapsodic spirituality” (1996, p. 288).

Nel caso della bellydance (nella sua forma rivisitata o reinventata dall'occidente), possiamo trovare alcune connessioni con la danza kalbelia definita folk nella specificità di alcuni elementi, ossia una mancanza in entrambe di una tradizione classica, un vocabolario di movimenti codificati ed esercizi preparatori formalizzati. Infatti, secondo Haynes-Clark:

The absence of a classical tradition, named movement vocabulary or formalized training characterizes this dance complex. Across these broad regions, a common movement lexicon typical of belly dance consists of pelvic and torso movements, undulations, shimmies, and patterns denoting variations of circles and spirals (cit. in Wornom 2014-2015, p. 29).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Da incantatori di serpenti a danzatori. Trasformazioni coreutiche tra i kalbelia del Rajasthan.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Monica Murgia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e beni culturali
  Corso: Antropologia
  Relatore: Cristiana Natali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 234

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anthropology of dance, dance and aesthetics, india

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi