Skip to content

Digital retail e customer engagement: un focus sugli earned media

Il livello di engagement dei consumatori e i vantaggi per le imprese

Dal momento che ci sono molti modi per coinvolgere i clienti, ci sono diverse indicatori che le aziende possono utilizzare per valutare il livello di engagement. Di seguito alcune delle misure più comunemente usate secondo Turban et al. (2016), relative ai livelli di impegno precedentemente discussi:
- Content viewership: si riferisce al numero di utenti che “consumano” il contenuto, come la lettura di un blog (pagine viste), la visione di un video o l'ascolto dipodcast;
- Tagging, bookmarking o “likes”: il numero di tag, segnalibri o “mi piace” che possono essere contati;
- Membership/follone metrics: il numero di abbonati RSS, i membri di una comunità, come ad esempio un gruppo Linkedin o Meetup.com, o il numero di seguaci su Twitter;
- Number of shares: quante volte il contenuto virale è condiviso con gli altri utenti;
- Content creation: il numero di utenti che caricano gli annunci per un concorso UGC, come ad esempio il concorso “Crash the Super Bowl” di Frito-Lay, che invitava i consumatori a creare un proprio spot di 30 secondi per le patatine Doritos. Le imprese possono anche misurare il numero di persone che recensiscono i prodotti, scrivono commenti sui blog o video, o re-twittanotweets interessanti e divertenti;
- Virtual worlds: il numero di utenti che visitano le pagine dell'azienda, quanto tempo rimangono, e se interagiscono o meno attraverso i vari strumenti messi a disposizione.

Nel capitolo precedente abbiamo affrontato il tema del mobile e l'importanza da esso rivestita nell'ambito del più ampio fenomeno del social commerce. Anche per quanto riguarda il mobile, ovviamente, non esiste un'unica soluzione per la misurazione dell'engagement del cliente. Kothari (2016) individua diversi parametri per misurare il legame dell'utente con un app di e-commerce:
- Users: numero di utenti attivi giornalmente, settimanalmente o mensilmente;
- Session length: rappresenta la durata della sessione, cioè il tempo che l'utente trascorre nell'app in una sessione;
- Session interval: spesso confuso con la durata della sessione, è semplicemente il tempo tra due sessioni consecutive;
- Time in App: costituisce la quantità totale di tempo che un utente trascorre sull'app in un dato intervallo di tempo;
- Retention rate: in pratica è la percentuale di utenti che tornano nell'app in un determinato periodo di tempo;
- Acquisition: determina i canali in cui gli utenti sono provenienti da, come ricerca organica, ricerca diretta a pagamento, il rinvio, sociali, ecc
- Screen Flow: è possibile visualizzare esattamente come utente ha interagito con ogni schermata;
- Lifetime Value: una metrica fondamentale che valorizza l'applicazione in termini monetari e valuta il valore di ogni cliente durante un certo periodo di tempo. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Digital retail e customer engagement: un focus sugli earned media

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marika Schiavone
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Tiziana Russo Spena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ecommerce
digital
starbucks
social media
customer engagement
social commerce
sephora
earned media
owned paid earned
whole foods

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi