Skip to content

Geografia e paesaggio. La Sirena di Tomasi di Lampedusa.

La geografia umanistica

Il concetto di humanitas, che sta alla base della geografia umanistica, trova la sua ragione di essere assai indietro nel tempo, nella Roma del II secolo prima di Cristo. È nella capitale dell’impero, e qui entro la cerchia degli intellettuali riuniti attorno alla figura di Scipione Emiliano, in un contesto culturale di matrice latina ma influenzato dagli influssi ellenistici, che il concetto di humanitas si innesta su quelli greci di philantropìa (benevolenza nei confronti dei propri simili, quindi rispetto della dignità di ogni uomo, comprensione e tolleranza) e paidèia (educazione e formazione culturale, in particolare letteraria).

Nella moderna scienza geografica vengono valorizzate entrambe le accezioni: se la prima, inerente all’uomo e all’umanità come interesse primario, è oggetto della geografia "umana", ed è acquisizione già dell’Almagià, la seconda, legata agli studia humanitatis o alle humanae litterae, è oggetto della geografia "umanistica".

Parlare di geografia umanistica significa parlare del rapporto che intercorre tra la geografia tout court, sapere che è di duplice natura, disegno del mondo e logos che lo parla, e la letteratura, secondo un’accezione che è sinonimo di termini come "geografia letteraria" o "geoletteratura".

Entro questi parametri le possibilità combinatorie sono molteplici e differenti: alcuni geografi hanno ricercato il "fatto" geografico ed oggettivo nella "finzione" letteraria e soggettiva, altri hanno utilizzato la "finzione" per l’interesse estetico paesaggistico che la stessa determina, altri ancora hanno ricercato nei testi letterari descrizioni più vivide dei luoghi, alcuni hanno analizzato la letteratura odeporica.

Questo perché, come osserva Tuan,
la letteratura come le altre forme dell’arte, ha il potere di rendere vivide le immagini dei nostri sentimenti e delle nostre percezioni, che normalmente appaiono confuse. Una pagina di parole ben scelte può rendere nitido e cristallino un mondo che altrimenti si dissolverebbe per l’impossibilità di riuscire a metterlo a fuoco.

Al di là delle diverse prospettive di studio, quel che importa precisare è che è il tipo di approccio generale a differire rispetto a quello della geografia tradizionale.

L’approccio geoumanistico infatti, fuor di metafora, tende a riabilitare il ruolo e l’importanza della soggettività e dell’uomo in generale, a rivalutare l’importanza dell’intuizione cognitiva e dell’esperienza percettiva ed empirica e a conferire nuova dignità alle microgeografie, alle biografie territoriali, agli ordinary landscape che altrimenti rimarrebbero fuori di ogni osservazione critica: «È evidente che dove mancasse l’uomo che sa guardare e prendere coscienza di sé come presenza e come agente territoriale, non ci sarebbe paesaggio, ma solo natura, bruto spazio biotico […]». La geografia umanistica è anzitutto volontà di incorporare la vita quotidiana nella geografia; ma è anche il contrario: rappresenta infatti l’irruzione del mondo poetico, per sua stessa costituzione ontologica, non scientifico, nel mondo scientifico della geografia.

Ed ecco che, attraverso un’operazione del pensiero dalla genesi per certi versi magica e misteriosa, la siepe leopardiana, per esempio, è in grado di trasmetterci la crisi del rapporto uomo-natura e soggetto-oggetto, il senso della non coincidenza tra dato sensoriale oggettivo e reazione immaginativa. Attraverso la voce malinconia e struggente del poeta recanatese si dipana davanti ai nostri occhi una qualche fotografia ingiallita dalla patina opacizzante del tempo, ma non per questo meno vivida e significativa. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Geografia e paesaggio. La Sirena di Tomasi di Lampedusa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonina D'Alcamo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Vincenzo Guarrasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

paesaggio
sirena
ambito paesaggistico
geografia e paesaggio
tomasi di lampedusa la sirena
arte del paesaggio
categoria di paesaggio
paesaggio siciliano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi